Skip to content

“Decapitazione” una pratica jihadista che nel Corano non c’è

26 agosto 2014

mcc43 Google+

Tra i mille orrori delle rivoluzioni sfigurate da interessi alieni, la decapitazione di James Foley oggi è usata dai media, come ciclicamente altri crimini jihadisti, per una deformazione della religione islamica che è parte di un processo, iniziato nel secolo scorso mirante a sradicare l’antisemitismo sostituendolo con l’islamofobia (ved. doc.).

Al livello orrifico e spettacolare prodotto dai siti jihadisti, si affianca un atteggiamento pseudoculturale che, in buona o cattiva fede, presenta come assodato senso comune assunti denigratori che nulla hanno a che vedere con l’Islam. Nulla è più facile che stravolgere una ideologia pescando dall’insieme delle sue formulazioni ciò che conferma la tesi già predisposta. Sarebbe possibile stravolgere l’immagine tradizionale del Cristianesimo qualora venisse sempre rappresentato con questa citazione generalmente taciuta:

copertina vangelo

 

 

 

[…]”Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra: sono venuto a portare non pace, ma spada!” (Matteo 10,34)”

 

 

 

Nel caso dell’Islam, al contrario, vengono omessi precetti che sconfessano l’idea guerresca e spietata che si vuole darne:

copertina Corano italiano

“[…] Chi poi perdona e fa pace fra sé e l’avversario, gliene darà mercede Iddio, perché Dio non ama gli iniqui” (Sura 42, 40)

 

 

 

L’essenza di tutte le religioni è rendere consapevoli della complessità dell’essere umano e delle opposte forze che ne agitano l’interiorità. Nessuno è immune da un istinto categorico, dogmatico, integralista e intransigente, un nemico dentro ciascuno che, quando prende il sopravvento, induce a negare l’esistenza di altro da sè. Non ne sono scevri, ora come nel passato, neppure coloro che da una cattedra insegnano i principi delle religioni. E’ sufficiente ricordare le traversie attraverso cui sono passati i testi sacri del Monoteismo, per arrivare alla formulazione che conosciamo, per renderci conto della saggezza di quelle confessioni, come il Protestantesimo e l’Islam, che insistono sulla responsabilità tutta personale di fronte al Divino.

La circostanza della decapitazione di Foley è all’origine di un articolo che si sviluppa con intenzioni dotte partendo un concetto errato Decapitare l’infedele”: ecco il versetto del Corano che infiamma il Medioriente “. E’ carente di una considerazione basilare, di un’accortezza ineludibile per chi voglia confrontarsi correttamente con il testo coranico.

Le versioni in altra lingua del Corano non possono essere letterali, questo lo può confermare chiunque conosca l’arabo classico. Lo scomparso venerabile shayck di Milano Gabriel Mandel aveva redatto una traduzione letterale che mai diede alle stampe perché risultava del tutto incomprensibile. Esistono, pertanto, nelle varie lingue solamente delle versioni interpretative che risentono, ovviamente, della personalità dell’autore.

La potente Islam Call Society ne ha diffuso una formulazione in inglese che è diventata la base della versione nelle altre lingue. Anche per quella adottata dai centri islamici in Italia, ma nella nostra lingua ne esistono almeno quattro qualitativamente rispettabili.
Le versioni firmate da autori che hanno attinto direttamente dall’arabo classico, avendone le capacità e la cultura, sono quelle di Gabriel Mandel, edizione Utet, e di Alessandro Bausani, edizione Bur.
L’articolo in questione prende come spunto la Sura 47, al verso 4, riportando questa formulazione “taglia loro la testa“. Nemmeno la più antiquata e dura traduzione dalla versione della Islam Call giustifica tale formulazione, vi si legge infatti  “smite at their neck” letteralmente ” colpiscili al collo”. Volendo ironizzare, questa prescrizione è identica alla tecnica di combattimento Krav Maga, messa a punto da Israele e impiegata dalle polizie di quasi tutto il mondo, che colpisce direttamente alla carotide.

Nella versione di Bausani, il verso 47.4  è così espresso:

“E quando incontrate in battaglia quei che rifiutano la Fede, colpite le cervici , fino a che li avrete ridotti a vostra mercé , poi stringete bene i ceppi, dopo o fate loro grazia o chiedete il prezzo del riscatto finché la guerra non abbia deposto il suo carico d’armi “

Importante notare che il versetto non si ferma qui, prosegue:

“Così dovete fare, che se Dio avesse voluto si sarebbe vendicato da solo, ma non lo ha fatto, perché Dio ha voluto provare alcuni di voi per mezzo di altri, e coloro che verranno uccisi sulla via di Dio, Iddio non vanificherà le loro opere”

E’ significativo che questa parte venga taciuta. Concetto raffinatissimo, e scomodo, sancisce la banalità del male. A nessun individuo è dato riscattare il mondo, nessuna opera di sterminio deve essere tentata. La responsabilità, il Corano spesso lo sottolinea, è sempre individuale e ognuno deve preoccuparsi di non essere agente infettante il male nella comunità. Un detto del Profeta al ritorno di una campagna vittoriosa contro tribù nemiche suona come: ora che abbiamo vinto la piccola guerra, dobbiamo vincere la grande guerra dentro di noi.
L’incitamento a colpire “coloro che rifiutano la fede” viene inteso da molti come ordine di convertire forzatamente. Ciò perché non si tiene conto che il motivo delle guerre ai tempi del Profeta era acquisire la libertà di praticare la propria fede. Il’ nemico era combattuto non per  convertirlo ma  per affrancarsi dai limiti che esso poneva al credente.

E’ evidente come questi versi coranici non appoggiano jihadismi feroci, squalificabili come anti-islamici già in partenza. Poichè la giustificazione della guerra sta nella difesa della Fede, ne consegue una prescrizione assoluta per il musulmano: non prendere le armi contro altri musulmani.

Perché allora tutta questa ferocia ogogliosamente manifesta, tutte queste persecuzioni ad opera di gruppi che si proclamano “veri” fedeli e che alimentano, così, l’ islamofobia?

 

Occorre risalire al XVIII° secolo, quando l’ Impero Britannico era in fase di espansione nel medio Oriente, e alla figura di Muhammed Ibn Abd al Wahab . All’Inghilterra premeva destabilizzare l’Impero Ottomano, il mezzo fornito da Wahab fu insinuare la discordia all’interno dell’Impero mettendo i musulmani in lotta fra loro.
Avvicinato e coinvolto dagli Inglesi, Wahab indossò le vesti del purista riformatore, accusò ognuno di devianza dai precetti coranici e di politeismo, definì jihad, guerra santa, il conflitto con chiunque pratichi l’Islam in modo differente. Gli odi e le pratiche tribali, a quel tempo e in quelle regioni, fornirono gli strumenti per infrangere l’unità della Umma, collettività islamica, come nel sanguinoso periodo successivo alla morte del Profeta Muhammad, dominato da feroci lotte di potere per la sua successione.

I discendenti dottrinali di Wahab sono i monarchi dell’Arabia Saudita. E’ noto che essi sono i maggiori finanziatori delle formazioni terroristiche. Ciò che Wahab fece dentro il mondo islamico, oggi la monarchia wahabita lo sta facendo in dimensione globale creando e manovrando bande criminali che in nome di un corano di fantasia sterminano popolazioni, inquinano il dibattito nei paesi occidentali, diffondono la falsa percezione di un pericolo incombente sulla civiltà globale, che viene pagato dalle comunità musulmane nel mondo occidentale.

Osama Bin Laden con Al Qaeda preparò un substrato morale per l’Isis di oggi, demonizzando l’Occidente ha creato lo spazio per un progetto politico. Che tale è l’Isis, nato come Stato islamico dell’Iraq e del Levante, ora semplicemente Stato islamico. Combatterlo significa non fermarsi alle sue manifestazioni di ignoranza e ferocia. Ai vertici vi sono personalità culturalmente formate, spesso provenienti da paesi occidentali, perfettamente edotte su come suscitare le nostre emozioni, attrezzate mediaticamente per campagne di proselitismo, finanziate, ma anche autofinanziate attraverso attività criminali, dal traffico di organi a quello della droga. Un progetto politico massimamente pericoloso, una resa dei conti sugli errori della geopolitica nel Medio Oriente.

Google+

18 commenti leave one →
  1. 26 agosto 2014 8:50 pm

    Grazie…un analisi molto interessante.

    Mi piace

    • 26 agosto 2014 9:19 pm

      Grazie a te che hai voluto leggere:)

      Mi piace

  2. Yuri permalink
    26 agosto 2014 10:24 pm

    E’ difficile capire gli islamici, sono loro i primi a chiudersi, così si resta liberi di credere e di dire quello che si vuole. Tu devi aver studiato molto i testi, per dare un taglio così diverso alle loro credenze.

    Mi piace

    • Yuri 2 permalink
      27 agosto 2014 1:28 am

      visto che sono di nuovo arrivato dopo di te, mi dò un numero 🙂
      Sono diffidenti, ormai da dopo l’11 settembre stanno in difesa,

      Mi piace

  3. Marc permalink
    27 agosto 2014 1:24 am

    e ci marciano su alla grande i giornali “L’ostaggio (in questo caso Foley) è ridotto ad animale da purificare. Per colpe sue o di altri. In alcuni casi, la vittima, secondo la logica dei miliziani dell’Isis, diventa il capro espiatorio di azioni compiute da altri (Barack Obama). E come tale, deve essere sacrificato. Deve lui, singolo, in questo caso espiare una colpa collettiva.”
    questo è Panorama, che una volta era un bel periodico..
    Soliti complimenti, Madame 🙂

    Mi piace

  4. Thomas permalink
    28 agosto 2014 7:38 pm

    Bell discorsetto di sinistra, invece la realtà e ben altra l’islam e una religione di intolleranza, persecuzione e morte.
    Il corano è chiaro sulla decapitazione.
    Dove arriva l’islam sicuro vedete morte, persecuzione e sangue e poveri le donne che sono niente altro che carne di macello.
    “Quando, sul campo di battaglia, incontrerai i miscredenti, taglia loro via la testa fino a quando non li avrai completamente annientati. Poi fasciali il più strettamente possibile”. E ancora: “Porterò il terrore nei cuori dei miscredenti. Taglierò le loro teste e, successivamente, le loro mani”.
    In questi versi del Corano, rispettivamente Sura 47.4 (audio) e 8.12, i jihadisti moderni trovano l’origine, l’autorizzazione ed il fine alla pratica delle decapitazioni.

    continua su: http://www.fanpage.it/isis-decapitazione-corano/#ixzz3Bi26TuoQ
    http://www.fanpage.it

    Mi piace

    • 28 agosto 2014 8:33 pm

      E’ raro ma succede che qualcuno contesti squalificandosi da solo, come ha fatto lei.
      L’articolo che mi offre a sostegno della sua tesi è – precisamente – quello che io cito, dando il link, per confutarlo e dare le motivazioni perché sul Corano è palesemente in errore.
      Son ben felice che lo definisca un discorsetto di sinistra!! Ma che valore ha la sua opinione se manifestamente non ha letto il mio post? Ciononostante commenta… 🙂

      Mi piace

      • 1mariposa permalink
        28 agosto 2014 8:44 pm

        Ciononostante commenta … LOL

        Mi piace

    • 1mariposa permalink
      28 agosto 2014 8:43 pm

      Da quale pero sei caduto?

      Mi piace

  5. Yuri permalink
    28 agosto 2014 8:36 pm

    Certuni leggono per non capire, questo qui riesce a non capire non leggendo.

    Mi piace

  6. Yuri permalink
    31 agosto 2014 12:13 am

    Ti segnalo Repubblica che stavolta ha fatto un buon lavoro su questo argomento, molto diverso da Libero e Il Giornale http://www.repubblica.it/esteri/2014/08/28/news/perch_jihadisti_decapitazione_is_isis_stato_islamico_video-94599435/?ref=search

    Mi piace

  7. 29 ottobre 2014 2:02 pm

    Complimenti per l’articolo ,veramente ben scritto.

    Mi piace

Trackbacks

  1. ISIS: l’esclusione della questione siriana dalla conferenza di Parigi per l’equilibrio geopolitco e diplomatico? | Lorenzo Piersantelli
  2. Il Group Intelligence SITE ed i video delle decapitazioni degli ostaggi dell’ISIL | Lorenzo Piersantelli
  3. Dall’ISIS alla Cina: l’agenda di guerra degli USA | Lorenzo Piersantelli
  4. Perché è opportuno identificare l’ISIL con al-Qaeda | Lorenzo Piersantelli
  5. Cosa c’è dietro l’adesione all’ISIS di quaranta palestinesi con passaporto israeliano | Lorenzo Piersantelli
  6. Il Jihadismo: il frutto di una lunga manipolazione socio-culturale e di una propaganda dell’odio | Lorenzo Piersantelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Chiara Zanone Translations

Italian translator and proofreader

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro