Skip to content

Jihad nel Golan: 45 Caschi Blu prigionieri e tanto silenzio

10 settembre 2014

mcc43 Google+

Il 27 agosto un commando jihadista attacca le postazioni  della missione UNDOF che presidia le Alture del Golan, fra la Siria, cui appartengono, e Israele che rifiuta di ottemperare alla Risoluzione 497 che impone la restituzione. 45 Caschi blu delle Fiji fatti prigionieri. L’azione terroristica contro le Nazioni Unite è di straordinaria gravità. Altrettanto grave l’understatement dei media internazionali.

general Iqbal Sing Singha La missione è comandata dal generale indiano Iqbal Singh Singha. Nel rapporto all’ONU riferisce l’immediato verificarsi di una situazione molto complessa.
Al-Nusra ha attaccato la postazione, coinvolti 45 soldati delle Fiji e 68 soldati filippini. Le regole delle missioni di pace prevedono che i caschi blu usino le armi solo in caso di immediato pericolo per la loro vita.
Singha dà ordine di non sparare e chiede immediato monitoraggio della situazione a Israele e fuoco di copertura alla Siria.

Il comandante del corpo filippino, Generale Gregorio Pio Catapang, non è d’accordo e all’ONU riferirà “Il comandante UNDOF era molto indeciso. Voleva salvare i figiani a scapito dei filippini”.  (Secondo una fonte filippina, ai loro soldati era stato dato ordine di arrendersi quando già i Figiani si erano arresi. )

La catena di comando si inceppa:
I Filippini sparano.  Tre miliziani di Al Nusra restano sul terreno; nella notte i caschi blu riusciranno a fuggire in direzione della zona sotto controllo d’Israele. Nel profilo Facebook dell’Esercito Filippino un post aggiunge dei dettagli. Nella fuga sono stati aiutati dai caschi blu irlandesi, ma le forze israeliane hanno giocato un ruolo cruciale, scortandoli e impedendo che finissero catturati dagli jihadisti.

Altra sorte per il contingente delle Fiji che si arrende e viene preso prigioniero. La dichiarazione del suo comandante Mosese Tikoitoga  “Non critichiamo i Filippini per aver disobbedito, ma nemmeno saremmo disposti ad agire come loro. Noi seguiamo la nostra etica: rispettare gli ordini del Comando generale”

La contrarietà del comandante generale Singha è esplicita:

“Ben 44 soldati delle Fiji che fanno parte della Forza di Osservatori delle Nazioni Unite continuano a essere ostaggio di Jabhat Al-Nusra a causa dell’azione dei soldati filippini. Ora i ribelli sono convinti che UNDOF abbia agito in connivenza con l’Esercito siriano e non vogliono rilasciare i prigioneri delle Fiji”

I Figiani, dunque, restano prigionieri, senza che nulla si possa più spendere nella trattativa per la loro liberazione. Trattativa che, a questo punto, coinvolge direttamente Ban-ki-Moon e gli esperti in trattative inviati sul posto.  Oltre alla loro vita è in gioco la sicurezza dei 60 mila musulmani, su una popolazione 900 mila,  che vivono nelle Isole Fiji – dove sono in corso le elezioni –  e potrebbero subire ritorsioni da fanatici anti-islamici.

Al Nusra, 30 agosto: condizioni per la liberazione degli ostaggi

Soldati Fiji prigionieri di Al Nusra

Un retroscena sulla loro cattura? In un blog  delle Fiji – di opposizione al governo militare – si legge che i Figiani prima di essere catturati avevano contattato via radio l’IDF chiedendo aiuto per lasciare la postazione, ricevendo da Israele una risposta negativa “perchè il loro paese sigla accordi diplomatici con il governo di Teheran”. La fonte della notizia, secondo l’autore dell’articolo, è nuovamente l’esercito filippino attraverso la sua pagina Facebook.

I Figiani si erano arresi dietro ordine del Quartier Generale e la promessa di un trasferimento in zona sicura, da quel momento si erano perse le tracce fino alla pubblicazione della fotografia del gruppo che pone degli interrogativi. La foto diffusa da Al Nusra ne mostra solamente 38. Cosa si deve pensare della sorte dei mancanti? Il gruppo è stato diviso? I soldati non sembrano terrorizzati, appaiono come una normale compagnia di commilitoni, ma sopra la loro testa l’inquietante bandiera nera della jihad.

Il comunicato di Nusra, [testo arabo, traduttore], informa che i soldati  sono in un posto sicuro, sono trattati bene, non mancano di nulla. Contestualmente Al Nusra motiva l’attacco: l’ Onu è dispiegata a protezione dell’entità sionista, indifferente alle ormai triennali sofferenze della popolazione siriana inflitte dal regime di Assad. Dichiara di essere dedicata alla difesa della popolazione e protesta contro l’applicazione del Capitolo VII dello Statuto delle Nazioni Unite “perchè è un passo concreto nella direzione di un intervento militare nel Levante “, Siria e Iraq.

Il Capitolo VII , all’articolo 42 infatti stabilisce che il Consiglio di Sicurezza “può intraprendere, con forze aeree, navali o terrestri, ogni azione che sia necessaria per mantenere o ristabilire la pace e la sicurezza internazionale. Tale azione può comprendere dimostrazioni, blocchi ed altre operazioni mediante forze aeree, navali o terrestri di Membri delle Nazioni Unite” . Dichiarazioni di fonte militare aggiungono altre richieste di Nusra: aiuti umanitari per la popolazione di alcuni quartieri di Damasco e una compensazione per la vita dei tre combattenti uccisi negli scontri a fuoco con i soldati fiippini.

Un puntualizzazione, nell’immediatezza del rapimento, un articolo di Al Jazeera riportava una dichiarazione di un funzionario ONU: due volte nel 2013 sono avvenuti rapimenti, poi tutti sono stati rilasciati incolumi. Vero, ma in quei casi non erano state poste condizioni per il rilascio e lo scopo dichiarato era “spostarli da una zona di continui scontri fra ribelli e forze siriane, si trattava al massimo di quattro persone, non è chiaro se fossero o meno dei militari, e soprattutto: il rapimento non era stato compiuto da Al Nusra. La dichiarazione è evidente volta a tranquillizzare ma non ha valore alcuno.

Sono trascorsi ormai dieci giorni, da quando i soldati dell’ Onu – l’organizzazione che rappresenta il mondo intero – sono nelle mani di una delle milizie jihadiste più potenti e una letargia mediatica mantiene l’opinione pubblica all’oscuro. Molte volte i contingenti di peacekeeping delle Nazioni Unite sono stati criticabili e giustamente criticati, ma se i paesi i cui rappresentanti siedono nell’Assemblea Generale – e approvano le decisioni del Consiglio di Sicurezza –  non sentono l’obbligo morale e politico di considerarli propri emissari in pericolo, quale genere di messaggio arriva alla Jihad ? Se non uccidi in video, qui si sta in silenzio?

*****

La sera del 9 settembre, il comandante del contingente figiano Tikoitoga ha annunciato che i soldati erano in via di liberazione, parola dei ribelli... Il 10 il portavoce Onu dichiara non esserci alcuna novità.  Al Nusra tace e nel pomeriggio funzionari Onu ipotizzano che il governo delle Fiji abbia equivocato… L’articolo non è più reperibile nel sito di http://www.fijitimes.com/ da quando alle ore 0.30 dell’11 settembre

Al Nusra rilascia una lunga dichiarazione video, in arabo. Al minuto 13,40 un soldato delle Fiji annuncia che tutti saranno presto liberati, e ringrazia per il trattamento ricevuto. Al Nusra ha scelto di distanziarsi dalla propaganda cruenta dell’IS e adottare uno stile più allusivo alla sua capacità operativa.

*****

Blu Line Libano

In quella parte di mondo, in territorio libanese, opera anche un contingente italiano, nell’ambito della missione UNIFIL, che monitora la Blue Line: linea di sicurezza che divide Israele dal Libano. O per meglio dire:  l’IDF da Hezbollah. 

 

 

Google+

Annunci
5 commenti leave one →
  1. Marc permalink
    10 settembre 2014 11:46 am

    ci deve essere stato un equivoco, dice un altro esponente circa la liberazione in tempi brevi. L’onu ci marcia con false flag http://townhall.com/news/politics-elections/2014/09/10/fiji-says-syria-insurgents-to-release-peacekeepers-n1889610

    Mi piace

    • 10 settembre 2014 11:47 am

      lo penso anche io lol

      Mi piace

  2. Nerd permalink
    10 settembre 2014 11:50 am

    released soon? aha aha bullshit

    Mi piace

    • 10 settembre 2014 5:50 pm

      none released and accuses to Fiji having misunderstood 🙂

      Mi piace

  3. Yuri permalink
    11 settembre 2014 12:22 pm

    Rilasciati o no? nessuno dice niente

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo