Skip to content

La polizia dell’Autorità Palestinese collabora con Israele in forza di un trattato firmato da Arafat

1 ottobre 2014
Rabin Arafat

mcc43  Google+

La causa palestinese gode di un ampio consenso internazionale, ma in un modo che riesce spesso ad essere efficace per mantenere irrisolta la situazione disperante in cui si trovano circa dieci milioni di persone. La ragione principale di questa, non intenzionale, conseguenza è la tendenza dei sostenitori ad “adottare” una frazione del Popolo Palestinese, lasciando in ombra, o peggio contrapponendovi, le altre.

Della diaspora, i Profughi Palestinesi sparsi in vari paesi, si occupano in pochi, tranne che con saltuari accenni a un DIRITTO AL RITORNO lasciato nella vaghezza dei metodi di realizzazione concreta. Moltissimi hanno a cuore Gaza. Un po’ meno numerosi quelli che si appassionano alla West Bank. Ed avviene, non in quanto zone geografiche abitate da Palestinesi ma in funzione di sottolineatura delle – purtroppo ferali per la causa – divergenze fra Hamas e Fatah.

Nel corso del 2014 entrambe le dirigenze stanno tentando di addivenire a un governo di unità nazionale, e successive elezioni generali,  ma hanno ricevuto molte reazioni scettiche fra i supporter della causa, troppo affezionati allo schieramento su opposti versanti che si rinfocala con accuse di corruzione e collaborazione con Israele per Fatah e l’Autorità Palestinese tutta, e di connivenza con i Fratelli Musulmani (che male ci sarebbe poi?) per Hamas.

Su  Mahmud Abbas,  che porta sulle spalle l’onore e l’onere di essere internazionalmente riconosciuto come rappresentante dei Palestinesi, si scaricano non soltanto le ovvie diffamazioni da parte israeliana, ma altrettante accuse di collaborazionismo della polizia della West Bank con l’IDF, esercito di Israele. Vien detto con sdegno che insieme reprimono le manifestazioni di dissenso e arrestano i dimostranti, come se ciò fosse asservimento dell’Autorità Palestinese a Tel Aviv. Questo perché una coltre spessa di ignoranza – nel senso letterale del termine – nasconde la legittimità di questa collaborazione che, se violata dall’Autorità Palestinese, darebbe altrettanta “legittimità” a un’intervento israeliano che sottrarrebbe all’Autorità Palestinese l’amministrazione della West Bank. Per capire il presente occorre ricordare il passato.

TALE COLLABORAZIONE  AVVIENE IN FORZA DI UN TRATTATO SIGLATO NEL 1995 DA YASSER ARAFAT E DA YTZHAK RABIN, il quale meno di due mesi dopo venne assassinato, indizio questo che Israele, con quel trattato aveva ceduto all’OLP sue precedenti prerogative. Nell’immagine qui sotto, l’articolo che prevede la collaborazione tratto dal documento integrale Israeli-Palestinian Interim Agreement on the West Bank and the Gaza Strip Washington, D.C., September 28, 1995, parte annessa n. 1 THE ISRAELI-PALESTINIAN INTERIM AGREEMENT-Annex I 28 Sep 1995

testo accordo Israele PLO

Preceduto da “b. La Polizia palestinese agirà sistematicamente contro tutte le espressioni della violenza e terrore” l’articolo 2 recita:.

  1. Entrambe le parti, in osservanza di questo Accordo, agiranno per assicurare l’immediata gestione, efficiente ed effettiva, di qualsiasi incidente che comporti una minaccia o un atto del terrorismo, violenza o incitamento sia commesso da Palestinesi che da Israeliani. A questo fine, le parti coopereranno nello scambio di informazioni e coordinamento delle politiche e delle attività. Ogni parte immediatamente e concretamente risponderà all’evento o alle avvisaglie di un atto del terrorismo, violenza o incitamento e prenderà tutte le misure necessarie per prevenirne la realizzazione.

 Pertanto, i sostenitori dei Palestinesi che non concordano con queste congiunte misure di polizia dovrebbero accusare il defunto Arafat anzichè Mahmoud Abbas, che – vista la spaccatura avvenuta con le elezioni del 2006 che hanno dato a Gaza il Governo Hamas – ha perso autorevolezza di fronte al Governo di Israele e, pertanto, la possibilità di ricusare il trattato.

Ma prima ci si chieda se il trattato non sia disgraziatamente una frustrante  necessità.
-Con i razzi che partono dalla Striscia verso Israele e che il governo Hamas non riesce a impedire completamente,
-con l’azione di gruppi che hanno la jihad come obiettivo e non la soluzone della questione palestinese,
-con l’infiltrazione di agenti israeliani,
-con il ricatto e le intimidazioni che Israele mette in atto su singoli palestinesi per inquinare la vita politica,
sarebbe nell’ordine del realizzabile rifiutarsi di gestire concordemente l’ordine pubblico?
Quanto tarderebbe a verificarsi un grave attentato o anche solo il sequestro di un cittadino israeliano, che darebbe all’Idf la stessa opportunità di distruggere e uccidere migliaia di persone nella West Bank, come avvenuto a Gaza più volte?

Truppe Girodania settembre nero

Mezzi corazzati del re di Giordania contro i campi Profughi Palestinesi

Sostenere la causa palestinese richiede PRIMA DI TUTTO di liberarsi da ogni residuo di antisemitismo che restringe la visione e acceca il giudizio.

Se questa affermazione appare impropria, ci si chieda perché ogni anno si commemora, giustamente, il massacro di Sabra e Chatila, che coinvolse le truppe di Israele in supporto alle Falangi libanesi, e mai Settembre Nero.  Per dieci giorni nel Settembre 1970 i mezzi blindati del sovrano Husayn della Giordania attaccarono il quartier generale dell organizzazioni Palestinesi nella capitale Amman e proseguirono devastando i campi dei Profughi a Irbīd, al-Ṣalt, Sweyleh e Zarqā e massacrono con identica ferocia gente comune e guerriglieri.
Il numero stimato delle vittime fra i Palestinesi va da un minimo di tremila fino a cinquemila.

Google+

4 commenti leave one →
  1. 1 ottobre 2014 7:32 pm

    Un ottimo post che fa luce su una verità occultata da un’attività propagandistica portata avanti da ambo le parti e che fa cadere nel dimenticatoio il grandioso lavoro compiuto da Arafat e Rabin.

    Liked by 1 persona

  2. Marc permalink
    1 ottobre 2014 7:42 pm

    colpito e affondato… non lo sapevo, ad ogni modo è ovvio che non sia possibile non collaborare e per le ragioni che elenchi

    Mi piace

  3. anonimo permalink
    20 ottobre 2014 9:22 am

    cose che è tempo di dire, e spiegare come fatto da voi qui

    Mi piace

Trackbacks

  1. #WestBank: la polizia #Palestinese collabora co...

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: