Skip to content

Perché a Gaza non entrerà l’Isis

9 dicembre 2014

mcc43

Per chi auspica la soluzione dei mille problemi del popolo palestinese imbattersi nelle parole  “Gaza” e “Isis” all’interno di una medesima frase è un segnale d’allarme e un’immediata necessità di comprendere origine e scopi di un tale accostamento.

Esistono fonti d’informazione che affermano l’esistenza di cellule dello Stato Islamico operanti nella Striscia con la pervasività e il tono categorico di una crociata contro Hamas. In questo si distingue  John Bolton ex ambasciatore Usa all’Onu, repubblicano, ai vertici di varie istituzioni conservatrici e filoisraeliane, come Fox News, il Jewish Institute for National Security Affairs, la lobby armaiola National Rifle Association (!) eNRA   il Gatestone Institute; Bolton fu in prima fila tra i critici di Obama quando gli Stati Uniti chiedevano a Israele di sedersi al tavolo dei negoziati per il cessate il fuoco dell’ultima aggressione a Gaza, la Operation Protective Edge.

Il think tank Gatestone – di cui Bolton è presidente – durante il conflitto fu piattaforma di lancio per questo siluro dal titolo  L’Isis è già nella Striscia di Gaza”.

“A quanto pare, Hamas sta perdendo il controllo delle decine e decine di cellule terroristiche nella Striscia di Gaza. Hamas ha impedito ai giornalisti locali di diffondere la notizia del raduno organizzato dai sostenitori dell’Isis nella Striscia di Gaza il mese scorso come parte del suo tentativo di negare l’esistenza dell’Isis nella Striscia. Ma Hamas sembra che stia cercando di coprire il sole con un dito. La Striscia di Gaza non è più solo una minaccia per Israele, ma anche per l’Egitto. L’unico modo per affrontare questa minaccia è attraverso una cooperazione per la sicurezza tra Israele e l’Egitto. “ 

Compito istituzionale dei think tank è imbeccare i media e creare narrazioni che diventino convinzioni comuni (ved. Think Tank batte un colpo e cade un governo ). E’ evidente il danno che infliggono agli interessi dei Palestinesi tali  affermazioni che squalificano a priori le confutazioni da parte degli interessati e precostituiscono la tesi difensiva qualora l’Autorità Palestinese chiamasse Israele a rispondere dei suoi crimini davanti alla Corte Penale Internazionale.

La disinformazione si completa omettendo le reali prospettive che l’Isis si dà verso Gaza, lasciando intendere un sostegno ad Hamas che nella realtà è, al contrario, un’avversione di cui il mondo jihadista non fa mistero: l’organizzazione politico-militare di Hamas è accusata di apostasia perché dichiaratamente schierata con i “valori democratici”.

A un tweet di  Khaled Meshal,  capo dell’Ufficio politico: “Hamas combatte per la libertà e l’indipendenza”, il jihadismo risponde ponendosi in frontale opposizione “Lo Stato Islamico combatte per affermare la religione di Dio”.

Gli abitanti di Gaza, rincara lo sceicco salafita egiziano Talaat Zahran, non hanno una leadership legittima poiché sono alleati con gli Sciiti (ndr. gli Hezbollah libanesi e l’Iran).

Questa non è una valutazione politica, è prettamente religiosa e comporta la non idoneità del popolo di Gaza al jihad, perchè, secondo questa ideologia radicale, il jihad  può essere condotto solo sotto un governo legittimo. Ne consegue che la Striscia non è per il Califfo un territorio in cui infiltrarsi o da cui auspicare alleanza, ma un futuro terreno di combattimento sulla via che condurrà a Gerusalemme.

Gli Sciiti sono più pericolosi degli Ebrei” secondo i jihadisti, che  alimentano una lotta intestina all’Islam che dura da 1400 anni, e il quotidiano Al-Akhbar  scrive “Le nostre fonti nella provincia di Raqqa (ndr.capitale dello Stato Islamico) elencano queste tre fasi indiscutibili: “la priorità è liberare Baghdad, poi dirigersi verso Damasco e liberare tutto il Levante, prima di liberare la Palestina.”

Al momento della proclamazione dello Stato Islamico, il Califfo Al Baghdadi aveva esposto con chiarezza gli obiettivi, ribaditi ancora una volta nell’ultimo numero del periodico ufficiale, Dabiq_Issue_5  dal titolo quanto mai eloquente “Remaining and Expanding”.

“Il 20 del mese islamico di  Muharram 1436, lo Stato Islamico ha annunciato ufficialmente la sua espansione nella Penisola arabica, Yemen, Penisola del Sinai, Libia e Algeria. Il Califfo ha anche accettato la bay’āt (giuramento di fedeltà) da tutti i gruppi e individui che si sono impegnati da altre terre. Così, mentre gli occhi del mondo sono incantati dai media che raccontano la battaglia per ‘Ayn al-Islam (ndr. Kobane), gli occhi dello Stato islamico scansionano Oriente e Occidente in preparazione dell’espansione che – con il permesso di Allah – metterà fine allo Stato ebraico e all’alleanza dei Crociati”.

Tutto ciò non rappresenta una novità che gli osservatori internazionali siano incolpevoli di ignorare, si tratta del progetto di Abdullah Yusuf Azzam, lo sceicco palestinese padre del jihad globale che fu mentore di Osama Bin Laden: la liberazione della Palestina è un dovere di ogni musulmano, ma allora come ora tale liberazione è solo un tassello del rivolgimento che il jihad vuole imporre all’intera area.

 

La leadership di Hamas nega decisamente che lo Stato Islamico abbia cellule presenti e attive nella Striscia ed è artificioso considerare questa posizione una strumentale autodifesa. Essa rispecchia il disinteresse religiosamente motivato dell’Isis per Gaza e per i suoi abitanti.

 

life in Rafah

Rafah, Gaza Strip, 13.11.2014 Approvvigionamento di acqua…
Photographer: Anne Paq

Tuttavia Gaza è popolata di persone, non di robot e non si può dimenticare che gli slogan di  Abu Bakr Al Baghdadi contro Israele e l’Occidente che lo appoggia,  insieme alla promessa della liberazione di Gerusalemme cadono su un popolo che, a Gaza e nella West Bank, subisce occupazione militare e operazioni belliche, insediamenti illegali, arresto e incarcerazione di minori, confische di territori, frammentazioni di proprietà e deviazione di corsi d’acqua ad opera dello stato di Israele.

Inoltre Hamas è un partito d’ispirazione religiosa, anch’esso tradizionalista, e governa sulla base di un risultato elettorale; significa che l’orientamento politico maggioritario nella Striscia non è ostile all’intreccio religione-politica. In un certo modo, con il perdurare delle condizioni di vita che, al meglio, sono difficili e nel post conflitto tragiche, esiste il rischio che il partito di Hamas si trovi a dover fronteggiare azioni isolate o attività di gruppi in consonanza con il Califfato, senza che tuttavia esistano le condizioni perché si stabilisca un effettivo coordinamento.

L’Isis non è nella Striscia e non intende portarvi il jihad, ma la non attuazione delle clausole del trattato di cessate il fuoco (Draft of the ceasefire agreement Op.Protective Edge) varie volte denunciata dal governo della Striscia e lo stallo delle trattative di pace creano condizioni tali che non permettono di escludere violazioni e conseguenti nuove reazioni israeliane.
I colloqui che dovrebbero trasformare in trattato di pace il cessate il fuoco a tempo indeterminato sono stati posposti sine die il 26 ottobre per volontà dell’Egitto, decisione motivata con l’attentato che in Sinai aveva ucciso trenta soldati egiziani; Hamas ha condannato l’attentato, ma “fonti egiziane” – ma è il Jerusalem Post a sostenerlo – indicavano fra i partecipanti all’azione anche elementi palestinesi.

Nel presente e nell’immediato futuro non l’Isis la Striscia di Gaza deve temere, ma l’ambiguo atteggiamento dell’Egitto, la persistente inerzia dei paesi occidentali, la propaganda di e pro Israele.

Google+

Annunci
One Comment leave one →
  1. 10 dicembre 2014 7:22 pm

    Sollievo… temporaneo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: