Skip to content

L’uccisione di Ziad Abu Ein e la domanda non posta all’ IDF

12 dicembre 2014

mcc43

Fatti,  prime reazioni, autopsia, i funerali e
LA DOMANDA: 
Perché i soldati vengono dispiegati violando la legge?

I FATTI

Mercoledì 10 dicembre 2014,  Ziad Abu Ein, 55 anni, ministro del Comitato dell’Autorità Palestinese con il Muro di separazione e le Colonie, era Turmusiya, Cisgiordania, per una manifestazione internazionale. Lo scopo era porre a dimora degli olivi per occupare il territorio – legalmente di proprietà palestinese – allo scopo di frenare l’espansione dell’insediamento israeliano – illegale – di Shilo.
Al Jazeera  scrive: “Testimoni, tra cui un giornalista israeliano e un fotografo di Reuters, hanno visto Abu Ein  assalito dai soldati, altri hanno detto che è stato colpito alla testa e poi è collassato.” Come da prassi, l’esercito ha usato in quell’occasione  indiscriminatamente i lacrimogeni,  e i presenti hanno inalato il gas.
[ndr. Per conoscere il comportamento dei soldati IDF durante le manifestazioni dei Palestinesi vedere  qui. ]

 

Ziad Abu Ein pianta olivo

PRIME REAZIONI

La comunità internazionale chiede di mantenere la calma. Federica Mogherini, responsabile Esteri UE, parla preoccupata di «uso eccessivo della forza» e chiede «un’immediata inchiesta indipendente».  Diversamente, il segretario generale dell’Onu Ban Ki-Moon «ha lanciato un appello alle autorità israeliane affinché conducano un’indagine rapida e trasparente».
Il premier Netanyahu assicura che Israele indagherà «sull’incidente» e chiede di «mantenere calma la situazione e agire responsabilmente». Dell’indagine ha parlato anche il ministro della Difesa israeliano, Moshe Yaalon: «Ci dispiace per la sua morte», ha detto, sottolineando che è in corso un’indagine per far luce sull’«incidente».
Da parte palestinese si ritiene Israele responsabile e Mahmoud Abbas dichiara che sono aperte tutte le ipotesi; da più parti questo interpretato come un annuncio che mette a rischio la cooperazione per la sicurezza fra PA e Israele. [ndr. Per conoscere il Trattato che istituisce questa collaborazione vedere qui.]
La Svizzera, depositaria della Convenzione di Ginevra, accoglie l’ appello palestinese, nonostante il boicottaggio di Stati Uniti e Israele, e convoca per il 17 una conferenza sul tema dei Diritti Violati nei Territori Palestinesi militarmente Occupati.

L’AUTOPSIA

Risultanze dell’esame autoptico divergenti. I patologi israeliani hanno concluso che Ziad Abu Ein è morto per un infarto che potrebbe essere stato causato dallo stress, a cui era più esposto essendo malato di cuore. Il patologo palestinese, dottor Saber al-Aloul, ha dichiarato che Abu Ein è morto per aver subito violenza e non per cause naturali; ha anche sottolineato le ferite e le contusioni ai denti anteriori, al collo e alla trachea, indizio chiaro di percosse, come causa della morte. Il dr. Chen Kugel, patologo capo israeliano che ha partecipato all’autopsia, ha dichiarato in una intervista a Radio Israele che le ferite della bocca e i lividi “potrebbero essere stati causati dalla violenza, ma che potrebbero anche essere state causate dai tentativi di rianimaziome”.

Il GIORNO DEI FUNERALI

Diciannove Palestinesi son rimasti feriti Giovedì dopo che le forze di occupazione israeliane hanno violentemente disperso la folla. Scontri sono scoppiati a Jabal al-Tawil dopo che i soldati, pesantemente dislocati nell’area dell’insediamento illegale di Psagot, cercavano di disperde le migliaia di persone intenzionate a prendere parte ai funerali. Scontri, definiti minori da Israele, sono scoppiati in altre zone della West Bank: Nabi Saleh, Qalandya e Hebron.

Dozzine di soldati hanno invaso, Giovedì sera, Beit Ummar, città a nord di Hebron, entrando dentro le case, devastandole e arrestando due Palestinesi. I coloni hanno bloccato la via ai campi vicino a Betlemme.


LA DOMANDA non ancora posta all’IDF

Rabbi Arik AschermanArik Ascherman, Presidente e Senior “Rabbino dei rabbini” dell’organzzazione Rabbini per i Diritti Umani e la Giustizia socio-economica

“Importante quanto l’indagine sui fatti, è la questione di come sia stato deciso di violare le leggi israeliane e mandare forze di sicurezza a fermare dei Palestinesi che volevano piantare alberi sulla loro terra. Con una lettera di   Rabbis For Human Rights inviata all’esercito  chiediamo che l’esercito investighi perché le forze erano là, o almeno perché cercarono di bloccare i Palestinesi. […] Ritengo non sia stato un atto intenzionale colpire Abu Ein più di quanto facciano abitualmente le forze di sicurezza con i Palestinesi (e con i dimostranti israeliani espressione del ventaglio delle forze politiche) con l’uso indiscriminato dei tear-gas.

[…] La Corte Suprema con sentenza del 2006  ha ordinato all’ IDF di proteggere gli agricoltori palestinesi e le loro proprietà dagli attacchi violenti dei coloni e agire con immediatezza e decisione per eliminare definitivamente questo fenomeno.  [Per conoscere il comportamento vessatorio e le violenze dei coloni vedere qui]
[…] Il luogo dove doveva aver luogo l’interramento delle piante non era un’area che ponesse pericoli per i coloni [ndr. facendo temere loro iniziative violente da contenere], inoltre  i militari hanno fermato i palestinesi in un punto ancora più lontano dall’insediamento. Israele riconosce che queste terre sono di proprietà dei Palestinesi e la Corte Suprema non pone restrizioni riguardo al numero di persone che vogliono accedere alla zona, né se abbiano o meno con sé bandiere palestinesi.
Ciononostante, regolarmente, l’esercito fa di tutto per obbligare gli agricoltori a comunicare in anticipo la volontà di accedere ai terreni, circostanza per cui viene imposta la richiesta di un permesso. Più volte in passato ci siamo rivolti all’esercito per chiedere che sia eliminata la pratica di impedire gli accessi, accade meno spesso ultimamente solo perché gli agricoltori si sono rassegnati a non recarsi sui loro terreni senza aver prima ottenuto il permesso.

Il risultato di questa non osservanza della legge è che quando i Palestinesi esercitano il loro diritto di accesso senza richiedere preventiva autorizzazione, ciò viene assunto come provocazione alle forze di sicurezza israeliane. Il ministro, Yuval Steinitz, si spinge al punto di definire questo pacifico evento come una “manifestazione violenta”.

 

Google+

Annunci
One Comment leave one →
  1. 1mariposa permalink
    13 dicembre 2014 12:44 pm

    e io che credevo fosse un paese dove le “loro” regole le rispettano! Quanti lettori pensi siano disposti a tener conto delle parole di un rabbino? italiani.. intendo 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: