Skip to content

Per lo stato d’Israele la pratica della tortura è legale

14 dicembre 2014

mcc43

testo risposta cia torture

L’immagine rimanda al documento integrale; vedere pag.28

Specificità dello stato di Israele è differire dalle regole comuni agli stati democratici su temi sostanziali: non è dotato di una Costituzione né di una legge che definisca la tortura un crimine, la proibisca, detti le pene da applicare a chi la pratica.
A rendere poco note queste peculiarità israeliane concorrono il ricorso alla censura interna sui media, compresi i blog personali (*), e la politica per il web del Google’s Research and Development Center che sviluppa i suoi programmi presso le università di Haifa e Tel Aviv.

***
da +972mag,

Il grosso problema è che la tortura non è un crimine secondo la legge israeliana. Già a priori questo è violazione delle disposizioni delle Convenzioni internazionali sui diritti umani ratificate da Israele, come la Convenzione contro la tortura, che vietano sia il ricorso alle torture che i trattamenti crudeli, inumani e degradanti  in tutte le loro forme. Tra le altre raccomandazioni, gli organismi internazionali per i diritti umani hanno ripetutamente invitato Israele a vietare esplicitamente la tortura adottando una legislazione in linea con questi trattati; ma fino ad oggi, non esiste normativa.
In parte perché la tortura non è un crimine, non vengono messi in atto procedimenti penali a carico di chi la mette in pratica, quindi senza possibilità di soddisfazione legale per le vittime.
Le Agenzie israeliane che utilizzano abitualmente la tortura nel loro lavoro – tra cui l’esercito, lo Shin Bet (Israel Security Agency), e le autorità carcerarie – godono di un’ampia impunità. Mentre l’Alta Corte di Giustizia e la dirigenza di vari organi statali interni danno l’illusione di esercitare supervisione e regolamentazione, in realtà queste “agenzie di tortura ‘sono essenzialmente libere di agire senza timore di sanzioni.
Questo è il motivo per cui centinaia di casi di tortura contro i detenuti sotto custodia israeliana non sono nemmeno mai stati indagati, e perché le pratiche quali l’alimentazione forzata dei detenuti in sciopero della fame può essere considerata legale.

Un ulteriore problema è l’apatia del pubblico israeliano e, spesso, l’approvazione del ricorso alla tortura da parte dello stato. Il dibattito negli Stati Uniti sul rapporto del Senato qualifica largamente l’uso governativo della tortura come una macchia sulla storia e i valori americani e riconosce che, nonostante presunte ragioni di sicurezza, la pratica è legalmente e moralmente sbagliata. In Israele la si vede in modo contrario. Non solo questa “macchia scura” è stata una realtà costante, ma molti israeliani ritengono che la tortura sia accettabile, giustificata e necessaria. Di conseguenza, non vi è quasi nessun dibattito pubblico al riguardo in Israele. I funzionari governativi attaccano spesso i gruppi per i diritti umani che tentano di sollevare il problema, accusandoli di voler demonizzare Israele o minare la sua sicurezza.

Il rapporto del Senato americano ha messo in chiaro che l’impatto di queste leggi e pratiche israeliane non resta confinato in Israele e nei Territori Occupati. Il riconoscimento da parte della CIA dell’ “esempio di Israele” come fonte di ispirazione e giustificazione per le proprie pratiche dimostra il pericolo dell’influenza che Israele esercita nel minare i principi giuridici internazionali. In considerazione di ciò, l’oltraggio espresso dal pubblico americano dovrebbe mandare il forte messaggio che le “scappatoie” di Israele per praticare la tortura sono legalmente e moralmente inaccettabili.

 

L’ articolo completo in inglese al link  +972mag


  *******

Eiden Abergil idf

Eiden Abergil, IDF, una immagine “con i suoi trofei”  pubblicata nella sua pagina Facebook

 ******

nota (+) nel 2012 era trapelato il caso del blogger Aishton, sottoposto a interventi censori per un articolo riguardante il suicidio di un soldato; nell’esercito d’Israele il tasso di suicidi è elevatissimo, tre casi in due mesi dalla fine dell’ultima operazione contro Gaza. La causa è la lunga leva obbligatoria e gli ordini che vengono loro impartiti.  Sulla censura dei media, anche del più importante sulla scena internazionale, Haaretz, vedere il caso dell’attivista Eran Efrati. 

Google+

 

Advertisements
4 commenti leave one →
  1. 1mariposa permalink
    14 dicembre 2014 2:52 pm

    Trasecolo….. E’ lo stile israeliano non dire mai no, e poi fare come vogliono.
    Anche l’idea che Google search ecc, sia sotto la loro competenza mi inquieta,
    così come le tante notizie che dai mostrando il “rovescio” di Israele ,, come si dice? Sta in campana,,,,

    Mi piace

    • 14 dicembre 2014 3:07 pm

      🙂 per fortuna è solo MAKTUB che deve stare in campana, non io!

      Mi piace

  2. 15 dicembre 2014 8:40 pm

    Grazie per il lucidissimo resoconto di una pena impunita. L’ennesima, incommensurabile aberrazione di Israele, stato illegale e illecito programma seriale per fucine democratiche. O quello che è il sistema democratico secondo le tendenze nord/medio_sub orientali. La discrasia tra riconoscimento internazionale palestinese e movimenti di para_intelligence riverbera la fenomenica di uno spirito intelligente defunto. O torturato allo sfinimento.

    Mi piace

    • 16 dicembre 2014 5:14 pm

      … torturato fino allo sfinimento.
      Grazie per essere tornato, nel tuo blog, e gentilmente passato qui.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Maghreb, Medio Oriente e Golfo

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: