Skip to content

Lo Stato Islamico, Dabiq8, gli analisti e John Cantlie

5 aprile 2015

mcc43

copertina dabiq8 isisC’erano varie ragioni per stare col fiato sospeso il 30 marzo. Erano in corso lo scontro decisivo a Tikrit, l’intervento saudita in Yemen, le ultime battute della trattativa sul nucleare iraniano e nei social media imperversavano i vaniloqui sul disastro Germanwings. Questo ed altro ancora hanno deviato l’attenzione dalla pubblicazione del magazine dello Stato Islamico,  [Dabiq_8].

Consueto nella forma e nella veemenza, presenta la novità più interessante: “tregua”, nell’articolo di John Cantlie, ma Dabiq8 comunica più che le volte precedenti una desolante inquietudine. Ridotta ai minimi termini, l’opposizione Stato Islamico/Occidente sprofonda nella similitudine Noi siamo meglio e vi annienteremo”, la diversità sta tutta nelle razionalizzazioni dell’aprioristico rifiuto. La devozione: a dio o al laicismo. La comunicazione: video efferati da una parte, dall’altra omertà sulle vittime civili che la Coalizione provoca nella caccia agli jihadisti e sui massacri cui si abbandonano gli alleati nei territori “liberati” con i bombardamenti.  Le fidelizzazioni: mentre Isis condanna gli “islamici democratici”, l’Occidente, che ama definirli “moderati”, cerca di arruolarli nella propaganda contro il nemico.

Dabiq8 dà grande spazio all’Africa Occidentale senza mai nominare il Marocco. Che ladabiq8 isis  monarchia di Rabat in combutta con i “Crociati” privi i Saharawi  della loro terra non entra nell’agenda Isis. Un lungo riassunto del dopo-Gheddafi introduce la squalifica dell’intero cosmo politico e militare della Libia, dove “ex-sedicenti jihadisti,  apostati che hanno aderito alla religione della democrazia si sono inseriti nel sistema e lottano per mantenerlo”, nonché la dichiarazione d’intenti “Mentre la battaglia in Libia si intensifica, lo Stato islamico si consolida. Viene stabilita la Sharia (hukm di Allah), le esigenze dei musulmani vengono soddisfatte, gli eserciti del Califfo continuano a marciare per liberare nuove regioni. La Libia è diventata la meta ideale d’immigrazione religiosa (hijrah) per quelli cui è difficile arrivare in Siria e Iraq (Sham),  in particolare per i nostri fratelli e sorelle dell’Africa.”

L’appello a raggiungere il Califfato è esteso a tutti coloro che vivono nella terra dell’idolatria (Shirk), anche in forma di ravvedimento dei musulmani emigrati che si sono adagiati nel coltivare una cultura mondana. Novità è l’articolo “Alle nostre sorelle”, intitolato Le metà gemelle del Muhajirin. Il termine indica coloro che seguirono il Profeta da Mecca a Medina, un’emigrazione per la salvezza della Fede proposta alle musulmane moderne attraverso l’esempio delle mogli di quei fedeli della prima ora. L’articolo provvede a confutare la tesi secondo la quale gli arabi della diaspora che emigrano nel Califfato appartengano a classi svantaggiate, e spende parole d’incoraggiamento e consolazione per le vedove dei combattenti. L’articolo “Nelle parole del nemico” elenca dichiarazioni laudative della forza dell’Isis daJohn-Cantlie-dabiq parte di esponenti dell’Occidente, quali Rick Santorum, David Black e Gary Berntsen (CIA). Questo articolo sembra fungere da preparazione a “Cambiamento di paradigma” [leggibile in originale inglese qui: Paradigm shift] dove John Cantlie affronta una questione già introdotta da alcuni analisti internazionali e che (ovviamente) non è mai arrivata al vasto pubblico.

Questo blog, nel post Isis in Siria: la mappa scioccanteaveva già riportato le opinioni (in video) di Joshua Landis “Dobbiamo accettare il fatto: vi è uno stato islamico sunnita che si estende dalla periferia di Baghdad a Aleppo in Siria, che effettuare bombardamenti non è fattibile, che la soluzione sta nell’accettazione di questo stato e nel cercare di sostenere i leader migliori.” Nell’articolo Convenzione di Montevideo: Isis è uno stato? sono esposte altre fonti, Foreign Affairs fra le altre, secondo le quali la sfida dell’Isis supera quella del terrorismo e induce a riflessioni sulla teoria dello stato.

Questi i punti salienti dell’articolo di John Cantlie.

Obama Dabiq8 isis isil cantlie da Paradigm shift

Dall’inutilmente roboante discorso di Obama alla nazione del 10 settembre, nel quale aveva dichiarato che lo Stato islamico “è puramente e semplicemente un’organizzazione terroristica” , sembra che alcuni dei consiglieri a lui più vicini, e nel resto del mondo altre voci dalla NATO e dai media in generale, non siano più persuasi di una descrizione tanto semplicistica, sebbene  “il terrorismo” sia senza dubbio una tra le tante tattiche efficacemente impiegate dallo Stato islamico nel portare avanti il suo jihad. E’ stato l’ex Segretario alla Difesa di Obama Chuck Hagel a descrivere questo stato delle cose come “uno dei periodi più difficili della storia per la leadership americana.” In un’intervista con la CBS, Hagel ha aggiunto “Non abbiamo mai visto un’organizzazione come ISIL (ISIS) così ben organizzata, così ben addestrata, così ben finanziata, così strategica, così brutale, così completamente spietata. Non abbiamo mai visto niente di simile in un’altra formazione. Inoltre coniuga ideologia … e social media. Il suo programma verso i social media è sofisticato in un modo che non avevamo mai riscontrato in precedenza. Fondere  tutto questo insieme, rappresenta una nuova minaccia incredibilmente potente “. Un linguaggio tanto apertamente elogiativo da parte dell’ex Segretario alla Difesa nel riferirsi all’avversario è un chiaro segno che Washington non è così certa d’aver davanti semplicemente una “organizzazione” .

Cantlie riporta altre dichiarazioni dello stesso tenore, dal generale Martin Dempsey e dal colonnello Bill Cowan, introducendo a questo punto la domanda scottante  che i media ignorano “Potrebbe lo Stato Islamico – il Califfato dichiarato appena nel giugno scorso – essere realmente uno stato?”

“Per quanto scomodo possa essere per molti in Occidente, ci sono poche ragioni per cui lo Stato Islamico non debba essere considerato uno stato. Gli stati possono nascere in giorni, in ore durante un colpo di stato, o nei minuti in cui si appone la firma sotto un documento. Ha funzionato così per secoli. Quindi non c’è ragione per cui esso non possa essere nato nel modo in cui è avvenuto. E se il paese non è dello Stato islamico, di chi è?”

Non di Assad tappato a Damasco né dell’incompetente neo-governo iracheno, scrive Cantlie esponendone le ragioni. Sottolineando il fallimento delle vecchie regole dell’anti-terrorismo nate per Al Qaeda  conclude:

“A un certo momento si dovrà affrontare lo Stato Islamico come un “paese” e perfino prendere in considerazione una tregua. Se non c’è soluzione militare, e questo viene già posto come possibilità, dopo che si sarà provato a spingere le tribù Sahwah [ndr. Risveglio, vedere nota*] a rivoltarglisi contro, dopo che si sarà finito di gingillarsi su come tagliargli le vie di finanziamento o bloccargli i messaggi multimediali (il che è già costato agli Usa ben oltre 1,3 miliardi di dollari ed è completamente fallito) ad un certo punto l’unica opzione rimasta sarà offrire una tregua. E questo richiederà che qualcuno ingoi il suo orgoglio. Qual è l’alternativa? Lanciare un bombardamento su una mezza dozzina di nazioni? Sarà distruggere metà della regione in quel caso”. […] E’ realistica una tregua? In questo momento, è troppo presto. E’ stata allestita la scenografia per una grande operazione contro lo Stato islamico che deve essere messa in atto dalle milizie iraniane (AKA l’esercito iracheno), sostenute dagli Stati Uniti.” […] Infine, magari io ho un modo eccessivamente semplicistico di guardare le cose e forse non riflette l’immensa complessità della guerra moderna e del nationbuilding. Qualsiasi tregua tra Occidente e Stato Islamico dovrebbe alla fine comportare la cessazione del supporto ai  tiranni e ai burattini, Arabi e non Arabi, del mondo musulmano, così come la fine del sostegno a Israele. Questa è opera riservata ai pionieri, ma l’impossibile può e deve accadere.

Cantlie mette le mani avanti, alludendo a una visione semplicistica e non offre ulteriori elaborazioni circa i governanti arabi e Israele; questo può segnalare che si tratta di un soggetto imposto dai carcerieri, oppure l’anticipo di future più ampie formulazioni, ma già il caveat lector con cui inizia il suo articolo lascia intravedere accresciute difficoltà, logistiche o di altra natura: “C’è sempre la possibilità che io sia indietro rispetto allo sviluppo degli eventi come li ricavo dalle news, sempre che esse fin dall’inizio non siano aggiornate”. Questa volta non fa più riferimento alla prigionia, né la sua né quella di altri, non accusa il governo né si rivolge ai famigliari, non ci sono slanci di emozioni personali: l’articolo è compilativo.

Si avverte un senso di abbandono, uno stato d’animo stremato da quasi 900 giorni di esclusione dai contatti con i suoi simili e le sue radici, nell’acquisita certezza di essere abbandonato dal suo paese, al quale la sua famiglia ha dato personalità dalle quali la Gran Bretagna ha tratto vantaggi. Che lui ne sia al corrente o meno, è risicato il sostegno dai social media. Gli utenti sono per lo più abituati a situazioni nette: vittima e carnefice, amico e nemico. Mal gestiscono l’idea di un ostaggio che non supplica e che ha potuto -finora- esprimere le sue opinioni per concessione del nemico. Perfino la denigrazione nei suoi confronti è sporadica.

Su Cantlie è calato il silenzio, un pericolo aggiuntivo per la sua vita, una conferma di come la possibilità di esprimersi offerta dai social media viene sfruttata con pochezza di convinzioni personali.

***

La petizione al Governo inglese affinché prenda iniziative per la liberazione dell’ostaggio John Cantlie in Change

nota* Sawha, Risveglio, è una organizzazione tribale irachena utilizzata strategicamente dagli Stati Uniti – articolo esplicativo

Google+

Annunci
6 commenti leave one →
  1. Marc permalink
    5 aprile 2015 5:42 pm

    Ottimo. Keep on the good work…

    Mi piace

  2. 1mariposa permalink
    5 aprile 2015 5:53 pm

    Mi piace che sottolinei l’aspetto psicologico, altrove c’è pietà o diffidenza, ma “lui” è assente. Qui c’è, e la pietà ha più senso …

    Mi piace

  3. Yuri permalink
    5 aprile 2015 11:52 pm

    Sento molti dire che collabora, a me non sembra, e non vorrei essere al posto suo, non so cosa sarebbe di me a questo punto, se non avessi almeno la possibilità di tentare la fuga.
    Bel post

    Mi piace

    • 5 aprile 2015 11:54 pm

      Aveva tentato, insieme a Foley. Lo tengono di sicuro molto controllato visto che già una volta era stato catturato da una milizia siriana ed era scappato.
      Grazie

      Mi piace

Trackbacks

  1. Convenzione di Montevideo: Isis è uno “stato”? | MAKTUB
  2. Sì, John Cantlie, questa è “La Tempesta Perfetta” | MAKTUB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: