Skip to content

Governo Libano: 72 ore per rispondere a quattro richieste!

30 agosto 2015

mcc43

Sabato 29 agosto a Beirut la piazza  ha ribadito alla classe politica: You Stink. Folla pacifica, forze dell’ordine poco numerose a vigilare senza intervenire, mentre piccoli droni volavano sulla testa dei manifestanti; a convocazione sciolta, gruppetti di guastatori, presto dissuasi dai manganelli della polizia. 

libano you stink

 

La paura non ci paralizza più” dice un giovane “Il merito del governo è di averci svegliati e uniti”.  Uniti. Bella parola per un paese a fette religiose, affaristiche e di obbedienza internazionale.
E’ prevalso sabato lo slogan “Vogliamo la caduta del Governo”, un’evoluzione rispetto alla scorsa settimana (vedere “You Stink”.Il Libano ai libanesi)

Le richieste ufficiali di sabato 29:
dimissioni immediate del Ministro dell’Ambiente, creazione di un sistema raccolta rifiuti eco-compatibile, indagine sulle responsabilità delle violenze della polizia del week-end precedente e dimissioni dell’intero Governo. Tempo concesso per accettare: 72 ore.

Sulla prima richiesta, il Ministro degli Interni, Mohammad Machnouk, ha risposto immediatamente  “Non abbandonerò i miei doveri!”  

La seconda richiesta sarebbe realizzabile “se” i partiti cambiassero pelle. Stop lucrare sui servizi, vera gara d’appalto con preventivi depurati della mazzetta al padrone politico, avvio della raccolta differenziata, scelta dei siti e calendario controlli per accertare la continuità della compatibilità ecologica.

La terza richiesta, secondo il Ministro dell’Ambiente, è già esaudita. Aveva detto in una precedente intervista che l’indagine è in corso, le forze dell’ordine hanno agito in maniera responsabile e fra le loro fila si coontano un centinanio di agenti feriti. Aveva aggiunto “Insultate chi vi pare, ma non mettete a rischio la sicurezza” .
Machnouk tiene un atteggiamento che lo rende perfetto come testa da far cadere per dare un segno alla piazza, ma come in altri paesei, è difficile mandare a casa un ministro.

La quarta richiesta appare tanto giustificata in sè quanto irrealizzabile  in concreto. Come già spiegato nel post citato prima:

Impensabile decapitare il Libano, avendo Salam nelle sue mani sia la presidenza nazionale pro-tempore sia il governo, con un Parlamento che, incapace di darsi una nuova legge elettorale, si è auto-incaricato oltre la scadenza dello scorso novembre, fino al 2017, con il terrorismo jihadista già entro i confini e un partito, Hezbollah, impegnato nella guerra in Siria.

Cosa accade in caso di dimissioni de governo Salam? Risponde l’esperto costituzionale intervistato dal quotidiano NOW :

Legalmente,  il governo diventa limitato all’ordinaria amministrazione, ora già Salam ha su di sé la presidenza nazionale, se si dimette non potrà prendere decisioni, avrà meno autorità e non potrà incaricare un nuovo primo ministro: non ci sarebbe alcuna autorità nazionale per formare un nuovo governo.”

E’ il cerchio dell’impossibilità, saltarne fuori significa lasciare il Libano senza testa, una testa che ragiona male certamente, ma la cui esistenza offre un argine all’avanzata di Al Nusra e dell’Isis e che, con le sue alchimie, impedisce altresì che Iran e Arabia Saudita potenzino i loro referenti rispettivamente nei blocchi parlamentari 8marzo e 14marzo.

Ci sono 72 ore per produrre una risposta effettiva per la crisi dei rifiuti e una interlocutoria per le elezioni.
La situazione istituzionale effettivamente è tale da giustificare quei manifestanti che parlano di regime. Il Parlamento è scaduto a giugno 2013, si era auto-prolungato di un anno, poi con sfacciato riconoscimento di inettitudine fino al 2017. Proporre una data a breve significa reinvestire il Parlamento che si è paralizzato, oltre che sulla nomina del Presidente, proprio sulla legge elettorale in sostituzione di quella del 2008. Le diatribe ruotano sulla quota di proporzionale, sul maggioritario, sulla composizione delle circoscrizioni. L’unica possibilità sarebbe votare con la vecchia legge. Una possibilità grottesca, ma ce n’è un’altra?

§§§

Gli hashtag in Twitter spaziano dall’identitario #YouStink a #JonSnow  #GamesofThrones  #peaceful #revolution.

beirut jon snow you stink

Google+

Annunci
2 commenti leave one →
  1. 30 agosto 2015 10:28 pm

    Bello vedere il popolo che si sveglia e capisce il valore dell’unità…cosa che noi, ancora…dobbiamo comprendere…

    Liked by 1 persona

    • 30 agosto 2015 11:28 pm

      Ciao Marta, hai pienamente ragione. Forse un tempo, ma ora giochiamo darci contro invece che unirci

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: