Skip to content

La polizia USA impara in Israele come sopraffare il cittadino “nemico”

8 luglio 2016

mcc43

Ricordatevi che i poliziotti che vanno a addestrarsi in Israele, e là come nemico hanno i Palestinesi,  quando torneranno a casa per loro nemico prenderanno voi.

Eran Efrati, che in Israele è nato e ha prestato servizio nell’esercito, si rivolgeva così agli americani [qui video e traduzione: ” La storia bussa di nuovo alla porta in Palestina“] . Rivelava loro che gli agenti di polizia di vari stati americani si recano in polizia-usa-brutalitàIsraele ad apprendere le tecniche tipiche della guerra per applicarle poi al mantenimento dell’ordine pubblico. E’ una prassi anche in altre nazioni (*1) che non ne fanno motivo di comunicazione pubblica, esattamente come gli Stati Uniti, dove le conseguenze, però, si vedono ormai da alcuni anni. Compete alle fonti del pensiero critico dare notizia di questo slittamento da mantenimento dell’ordine pubblico ad affrontamento di un nemico. Da un articolo di Free Thought Project.com  del 2015:

Almeno 300 sceriffi degli Stati Uniti, così come agenti dell’FBI e guardie di frontiera, sono andati in Israele per apprendere direttamente la tecnica più efficace per sottomettere la popolazione. Il presunto scopo è la lotta al terrorismo, ma vengono discusse anche le manifestazioni di protesta e i metodi di controllo della folla.
La polizia non sta imparando dall’anticrimine che si occupa di residenti ebrei. La polizia degli Stati Uniti sta imparando dal sistema della giustizia militare di Israele che controlla i Palestinesi attraverso tattiche paramilitari e di contro-insurrezione. Gli abitanti di Gaza e della Cisgiordania vivono in quello che è essenzialmente un gigantesco campo di prigionia, dove l’oppressione e brutalità dell’IDF (
l’esercito d’Israele) è il modo di agire raramente messo in discussione.” 

Dal controllo di un individuo che compie azioni sospette, compito dell’agente di polizia,  si è passati alla regola che tutti i cittadini sono sospettabili e pericolosi per le stesse forze dell’ordine.

“Questo stile da forza di occupazione si è fatto strada nelle città degli Stati Uniti diventando la procedura operativa standard in occasione di qualsiasi protesta contro il governo. Inoltre, viene utilizzata la stessa attrezzatura dei militari israeliani per il Crowd Control – granate al gas lacrimogeno, bombole di gas tripla Chaser, granate stordenti – impiegata durante le manifestazioni a Ferguson, Oakland e Anaheim. Utilizzato anche il LRAD (dispositivo acustico a lungo raggio) sia dalla polizia di Ferguson che dalle forze militari israeliane.”

Un cittadino che, fermato da un agente, compie il gesto di cercare i documenti può essere ucciso per il pre-giudizio “stava  estraendo una pistola“, è accaduto a Alton Steerling di Baton Rouge freddato mentre era già a terra, a Philando Castile mentre era chiuso in auto. O mentre si passeggia per strada perché, in seguito, si scopre che il fermato aveva un coltello, è il caso di Edmond Otis Studdard di Memphis. 

Nel 2015 sono state 1.152 le persone uccise dalla polizia negli Stati Uniti, il 30% delle quali erano afroamericani; nel 2016 sono già 580 i morti, di cui 100 afroamericani disarmati. Nessun agente è stato indagato.

Certamente la società americana è violenta e le armi possono essere comprate con facilità, la Costituzione ne riconosce il diritto, la NRA, lobby dei costruttori armi, è ai vertici del potere e finanzia think-tank che influiscono sulle opinioni collettive, nelle estese zone rurali scarsamente popolate un’arma può effettivamente rappresentare un supporto alla tranquillità personale. Ma con grande facilità si possono procurare armi diverse dalla pistola per autodifesa o dal fucile da caccia: vere e proprie armi da combattimento.

In tale contesto non stupisce che gli agenti di polizia vivano condizioni di paura. Nel 1984 è stato istituito il National Law Enforcement Officers Memorial Fund che ha per scopo onorare il sacrificio degli uomini in divisa.  Da oggi sul sito all’elenco dei “Giorni più letali” per i funzionari dello stato che devono far applicare la legge  si dovrà aggiungere l’8 luglio, con i nomi dei cinque agenti uccisi a Dallas Colpevoli dell’eccidio due cecchini, probabilmente per un’azione coordinata, ma indipendente dalla manifestazione di protesta.

Il pericolo per gli agenti, si dovrebbe tornare a ricordarlo, è rappresentato dai criminali, non dai comuni cittadini. Persistendo nella prassi repressiva violenta generalizzata la polizia offre motivazioni a gruppi, eventualmente con agganci internazionali, che abbiano per scopo una destabilizzazione della convivenza sociale. 

police-brutality-polizia-usa-violenzaLa vista di un agente che immobilizza a terra una giovane, secondo la tecnica Krav Maga messa punto dagli israeliani, perchè non ha prontamente obbedito all’ordine “a terra!” non può non suscitare sdegno e preoccupazione, nella popolazione afro-americana prima di tutto, ma in qualsiasi cittadino americano. Le statistiche sugli abusi sono impressionanti.

Il video qui di seguito mostra un caso del 2015 in Texas: una festa in piscina, dove non stava accadendo nulla di insolito, nella quale però irrompe la polizia chiamata da un vicino insospettito dal grande “assembramento di neri”.
Non lascia indifferente che i poliziotti, pur vedendo un gruppo di ragazze e ragazzi in costume da bagno intorno a una piscina si siano lanciati nella caccia all’uomo. Non lascia indifferente vedere questi giovani corpi disarmati stesi a terra, alcuni ammanettati, mentre intorno poliziotti armati di manganello si agitano gridando ordini. 

 

Come ha scritto Alessandro Portelli su Il Manifesto, l’ America è a un crossroad di onnipotenza e di paura e, parafrasando la battuta dei Canadesi “vivere vicino agli Usa è come dormire con un elefante”, si può temere che un elefante in collera e spaventato possa far del male intorno a sè, pur essendo amico. 

***

(*1) La ADL, Anti defamation League, la lega che combatteva la diffamazione degli Ebrei e ora principalmente dello stato di Israele, sponsorizza corsi di tecniche “anti-terrorismo” in Israele dove si è recata, almeno nel 2011, una delegazione della polizia italiana.

dall’articolo di questo blog :”I NOCS certamente, lo dichiara [il link ora restituisce “pagina non trovata ] il Ministero degli Interni. Le forze militari e di polizia di mezzo mondo applicano la tecnica di combattimento israeliana Krav Maga, che non mira al bersaglio grosso, ma alla carotide, ai genitali, agli occhi e può essere letale, da noi  la applicano i NOCS, i Carabinieri, la Polizia di stato, i Reparti antiterrorismo  (dalla legenda del video su stage addestramento polizia al metodo Krav Maga).

Google+

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: