Skip to content

L’Onu e la lezione che Israele rifiuta di apprendere

28 dicembre 2016

mcc43

Nel  rispetto dell’Articolo 2 della Carta delle Nazioni Unite, il Consiglio di Sicurezza
1. afferma che l’adempimento dei principi della Carta richiede l’instaurazione di una pace giusta e duratura in Medio Oriente, che dovrebbe comprendere l’applicazione di entrambi i seguenti principi:

(I) ritiro delle forze armate di Israele dai territori occupati nel recente conflitto.
(Ii) Cessazione di tutte le rivendicazioni o stati di belligeranza, il riconoscimento e il rispetto della sovranità, l’integrità territoriale e l’indipendenza politica di ogni Stato della regione e il loro diritto di vivere in pace  liberi da minacce o atti di forza  entro confini sicuri e riconosciuti .

Quanto sopra  è scritto nella Risoluzione ONU numero 242 del 22.11.1967   e compare nell’incipit della Risoluzione numero 2334 del 23.12.2016, che tanto scompiglio sta portando nelle relazioni del governo israeliano con l’amministrazione americana  e con i 14 stati che l’hanno votata nel Consiglio di Sicurezza.  

La Risoluzione 242 affermava esplicitamente l’inammissibilità dell’acquisizione di territori per mezzo della guerra; venne accettata nominalmente da Israele ma dilazionata nel tempo con la condizione ” il ritiro sarà discusso con i paesi arabi”.
Venne rifiutata dall’OLP, Organizzazione per la Liberazione della Palestina, con la motivazione “riduce i Palestinesi a una semplice questione di Rifugiati”. In tutto il documento, infatti, gli Arabi di Palestina, o Palestinesi, non vengono mai citati. 

onu-partizione-palestina-1947Sebbene importante, la 242 del 1967 abbandonava il dettato originario della Risoluzione numero 181 del 1947  che regolava la questione del “futuro governo della Palestina” indicando per il territorio “il piano di partizione con unione economica”.
Attribuiva a Gerusalemme status internazionale sotto amministrazione Onu, disponendo per i gerosolimitani:
Arabi ed Ebrei che risiedono nella città di Gerusalemme, che hanno firmato una dichiarazione di intenzione di diventare cittadini, gli Arabi dello Stato arabo e gli Ebrei dello Stato ebraico, hanno il diritto di voto nello Stato arabo ed ebreo, rispettivamente.

Nell’attuale Risoluzione 2334 :
“Il Consiglio di Sicurezza, Ribadendo le sue risoluzioni pertinenti, tra cui le risoluzioni 242 (1967), 338 (1973), 446 (1979), 452 (1979), 465 (1980), 476 (1980), 478 (1980) 1397 (2002),1515 (2003), e 1850 (2008), guidato dai fini e ai principi della Carta delle Nazioni Unite, e ribadendo, tra l’altro, l’inammissibilità dell’acquisizione di territorio per mezzo della forza “

elenca varie riaffermazioni e sollecitazioni, nonché:

“1. ribadisce che l’istituzione da parte di Israele di insediamenti nei territori palestinesi occupati dal 1967, compresa Gerusalemme Est, non ha alcun valore legale e costituisce una flagrante violazione ai sensi del diritto internazionale e uno dei principali ostacoli al raggiungimento della soluzione dei due Stati e una pace giusta, duratura e globale;
2. ribadisce la richiesta che Israele immediatamente e completamente cessi tutte le attività di insediamento nel territorio palestinese occupato, compresa Gerusalemme Est, e che rispetti pienamente tutti gli obblighi di legge in materia;
3. sottolinea che non riconoscerà alcuna modifica alle linee del 4 giugno del 1967, anche per quanto riguarda Gerusalemme, diverse da quelle concordate tra le parti attraverso i negoziati;

Il contenuto di questa Risoluzione è un monumento alla strategia temporeggiatrice finora messa in atto da Israele e all’inanità del Consiglio di Sicurezza nell’ottenere da Israele l’applicazione del principio che nessuno stato ricavi vantaggi dall’aver condotto una guerra.

***

La mozione sugli Insediamenti era di fonte egiziana; su pressione di Tel Aviv dal Cairo avevano chiesto lo slittamento della messa in votazione, Venezuela Malesia Senegal e Nuova Zelanda l’hanno immediatamente ripresentata. Dopo il voto unanime, 14 paesi e la storica astensione degli Usa,  le reazioni di Israele sono state più emotive che diplomatiche.
Netanyhau ha convocato gli ambasciatori dei 14 stati che l’hanno approvata.

Avigdor Liebermann ha svoltato verso l’antisemitismo ricordando il processo Dreyfuss  “Con una differenza: invece di un solo ebreo, c’è l’intero Stato ebraico”.
Dani Dayan, ex presidente del Consiglio per le Colonie, ha minacciato “Finita l’era nella quale i quali paesi beneficiano del know-how israeliano nell’alta tecnologia, nella sicurezza e così via,  nonché dal prestigio di una visita in Israele e del coinvolgimento nel Medio Oriente senza ripagare in campo diplomatico”. Gli hanno risposto prontamente da Haaretz che i paesi stranieri non “beneficiano ” del know-how israeliano, ma lo comprano con soldi reali, e che Israele ne ha ricavato 92 miliardi di $ nel 2015; punire il mondo smettendo di vendere farebbe collassare l’economia israeliana. Inoltre, significa ignorare che questo know-how israeliano si basa su denaro straniero: le industrie della difesa hanno beneficiato per decenni di aiuti militari degli Stati Uniti, l’high-tech israeliano poggia in parte su  investimenti dai fondi pensione americani e le azioni delle aziende israeliane sono nelle mani delle multinazionali, miliardi che entrano nella casse di Israele.

Al cuore della questione, tuttavia, non ci sono le Colonie, ma l’avvicendamento alla presidenza degli Stati Uniti.
Da Donald Trump, che molto si sta spendendo in favore di Israele, arrivando a promettere lo spostamento dell’Ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme, è venuta una chiara minaccia all’Onu

L’astensione voluta da Barak Obama è vista come una mossa che intende impedire l’affossamento della soluzione dei due stati, come precedenti dichiarazioni di Trump fanno temere.
Uno strano leak sulla possibilità che il testo della Risoluzione sia stato concordato da Kerry con l’Autorità Palestinese è stato negato dalla Casa Bianca, ma non avrebbe nulla di scandaloso, come non lo avevano i contatti tra Washington e Tel Aviv in occasione delle precedenti risoluzioni. A cambiare è stata, in extremis, la politica americana.

Che cosa significherà per i Palestinesi? Potrebbe dare nuovo vigore ad azioni legali e alle iniziative di boicottaggio,  per conseguenza rallentare i programmi degli insediamenti. Minimamente, però, visto che i coloni hanno da sempre la forza di condizionare il potere centrale.
In termini di territorio per ora ai Palestinesi non viene nulla. Le Colonie sono una realtà edilizia, ma abitata da esseri umani, non da silhouette che si possono spostare in modo indolore. Errori già fatti in passato proprio da Israele, e nella forma criminale della Nakba. 

Ora, in nome della pace, occorrerebbero statisti veri a Tel Aviv, Ramallah,Washington e in tutte le capitali, ma non sembra di intravederne all’orizzonte.

Google+

Annunci
10 commenti leave one →
  1. 29 dicembre 2016 5:33 am

    Mah…trovo che Israele (come già scrivevo su Twitter) stia facendo un grave errore. Netanyahu si dimostra (come già in passato) poco strategico ed anzi miope sul futuro di Israele e del Medio Oriente, esacerbando i conflitti anzichè cogliere opportunità di cambiamento.
    Così facendo, non credo la simpatia per il suo paese possa crescere.

    Liked by 2 people

    • 29 dicembre 2016 9:14 am

      🙂 Il troppo stroppia

      Liked by 1 persona

  2. Marc permalink
    31 dicembre 2016 7:01 pm

    Chiuso l’anno con un post bello e triste: l’impunità assoluta.
    Auguri e grazie per gli approfondimenti

    Mi piace

    • 31 dicembre 2016 7:05 pm

      Buon anno a te …. e grazie perchè torni sempre

      Liked by 1 persona

  3. 31 dicembre 2016 7:03 pm

    Tanti auguri per te. Che sia un anno di pace per tutti,,, è un sogno ma si deve sognare

    Mi piace

    • 31 dicembre 2016 7:06 pm

      Verissimo 🙂 Buon anno, carissima

      Liked by 1 persona

  4. 1 gennaio 2017 11:06 am

    Tantissimi auguri di Buon Anno!!

    Mi piace

    • 1 gennaio 2017 11:12 am

      Contraccambiati di cuore, e grazie, per tutto 🙂

      Liked by 1 persona

Trackbacks

  1. ISRAEL - mcc43 | Pearltrees
  2. PALESTINE - mcc43 | Pearltrees

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: