Skip to content

Libano, Palestinesi e … blogger

12 febbraio 2017

mcc43

Sebbene travolti dall’invadenza dei social media, i blog continuano a svolgere un’efficace funzione, differente dall’informazione ufficiale e dalla superficialità dei social media. In questo blog PALESTINA spicca nella nuvola delle Tag rivelando la priorità data alle vicende di quella parte del mondo, e la collaborazione fra blogger può diventare intensa solidarietà virtuale per coloro che vivono una condizione di diritti negati, come accade ai Palestinesi. La mia solidarietà per la Palestina precede la nascita di Maktub e si era espressa in rete varie volte nei commenti  e negli articoli grazie all’ospitalità nell’edizione precedente del blog Corpus15 .

campo-profughi-palestinesi-libano-muralesE’ noto che l’Associazione Un Ponte per… opera in varie realtà del Medio Oriente e dei Balcani, distinguendosi per l’attività a favore dei bambini palestinesi dei Campi Profughi nel Libano. Sono da anni sostenitrice di questa presenza del Ponte e della sinergia con l’organizzazione Palestinese Beit Aftal Assumud a favore dell’istruzione dei bambini.

Nel 2010 per la prima volta ho fatto parte della delegazione per la conoscenza dei Campi Profughi. L’amico blogger Bortocal di Corpus mi incitò a raccontare in diretta quell’esperienza.  Ne nacque un dialogo, scherzosamente assimilato a quello di un caporedattore con l’inviata speciale, che al termine Bortocal ha assiemato con cura e mcc43 ha pubblicato in Scribd.

Rileggendo ora quel dialogo, mi sia perdonata l’indulgenza, trovo sia importante: insolito e ampio perché combina le impressioni personali di entrambi con le notizie sulla realtà concreta dei Campi e con riferimenti storici sulla presenza palestinese in un paese dalle caratteristiche uniche, come è il Libano con la sua stratificata società.

 

View this document on Scribd

+++

Qui per il download 51683197-palestinesi-in-libano-viaggio-nei-campi-profughi

Qui il Report del 2014. RITORNO ai CAMPI dei PROFUGHI PALESTINESI in LIBANO

 

Google+

 

Annunci
4 commenti leave one →
  1. 12 febbraio 2017 6:05 pm

    ciao. che straordinaria occasione per rileggere il primo e il secondo resoconto, non dimenticati, certamente, ma che ritrovano lo splendore dei colori originari, che la memoria non aveva potuto salvare,

    anche io li trovo preziosi e non mi pare che il mio giudizio dipenda dall’avere collaborato alla nascita del primo, con funzione di stimolo e appoggio.

    hai fatto bene a recuperarli; poi li lasciamo al tempo e al suo amore per il silenzio.

    Mi piace

    • 12 febbraio 2017 6:24 pm

      Grazie.
      Sono contenta che lo pensi anche tu; li ho ripresi perché dal Ponte mi hanno chiesto del materiale. Quello nostro, ha un certo incanto, va oltre il racconto, penso proprio che comunichi solidarietà.
      Non avevo ancora visto il tuo post sui Palestinesi quando ho pubblicato questo. Che sincronicità!

      Mi piace

  2. 12 febbraio 2017 10:25 pm

    Che bello! Interessantissimi resoconti! Complimenti ad entrambi 🌸

    Liked by 1 persona

    • 12 febbraio 2017 10:40 pm

      GRAZIE, grazie Marta 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: