Skip to content

Devastare poi ammonire: Tre minuti dall’Apocalisse

30 gennaio 2015
tags:

mcc43

L’Apocalisse si avvicina?
L’autocritica degli scienziati dov’è?

Gli scienziati dell’Università di Chicago, molti dei quali reduci dal Progetto Manhattan per la creazione della prima bomba nucleare, escogitarono il Doomsday Clock, letteralmente: Orologio del Giorno del Giudizio Universale, in pratica, un conto alla rovescia verso la distruzione planetaria. All’origine, 1947,  l’indicatore registrava il pericolo di una guerra atomica fra i grandi blocchi. Ora il dato ingloba più vaste considerazioni: il cambiamento climatico e le nuove tecnologie che permeano i vari ambiti dell’attività umana.

Il  Bulletin of Atomic Scientist  annuncia solennemente che nel 2015 siano a “3 minuti dalla catastrofe”.

Nel 2015, il cambiamento climatico incontrollato, la globale modernizzazione degli armamenti nucleari e gli esorbitanti arsenali di armi atomiche  pongono straordinarie e innegabili minacce all’esistenza dell’umanità, e i leader mondiali hanno tralasciato di agire con la velocità o sulla scala necessaria per proteggere i cittadini dal potenziale disastro. Questi fallimenti della leadership politica mettono in pericolo ogni persona sulla terra.

 

Probabilmente le grandi folle che si muovono contro il proprio governo o il sistema politico  mondiale o la globalizzazione economica sarebbero ancora più preoccupate e aggressive nella loro protesta se avessero consapevolezza precisa dell’insieme delle minacce, anche di quelle che appaiono come un progresso. L’ammodernamento tecnologico rende obsolete le armi esistenti, le sostituisce con altre e gli arsenali indistruttibili crescono. Dalla metà del secolo scorso stiamo accumulando un capitale malefico, eredità imperitura dei posteri. L’intera umanità precedente non aveva commesso errori irrimediabili per l’equilibrio della vita del nostro pianeta.

Col XX° secolo, invece, un ristretto gruppo di menti umane, ha impresso su tutti noi l’ epiteto vergognoso di  società mortifera. E’ tragico che una minoranza abbia esercitato tanto potere e che la qualifica di “scienziato” goda di superstiziosa adorazione. E’ grottesco che proprio da questa cerchia venga oggi   la critica verso i governi che li hanno finora finanziati, obbediti e incensati.

L’allarme è lanciato, ma l’autocritica degli scienziati dov’è? La diserzione dalle attività di studio delle nuove armi? La promessa di riconvertire i centri di ricerca in direzione dell’abbattimento della pericolosità degli arsenali? La decisione di concentrare le risorse sull’analisi dei comportamenti che provocano i cambiamenti climatici e sulla ricerca di alternative?
Non ci sono. Con questa assenza, la critica ai governi è pura demagogia. Allusione a un’ inesistente “ innocenza”.

anni orologio guerra atomica

 immagine da inquisitr.com

 

Google+

Annunci
2 commenti leave one →
  1. Marc permalink
    30 gennaio 2015 7:20 pm

    Progetto Manhattan … “Se le bombe atomiche devono essere aggiunte come nuove armi agli arsenali di un mondo in guerra o di nazioni che si preparano alla guerra, allora verra’ il momento in cui gli uomini malediranno i nomi di Los Alamos e Hiroshima” Oppenheyner si era pentito, ma gli altri scienziati hanno continuato imperterriti

    Mi piace

  2. Mariposa permalink
    30 gennaio 2015 7:26 pm

    E’ come per il gioco: ti stressano con la pubblicità e poi “gioca con giudizio”
    Presa in giro collettiva, invece che individuale

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: