Skip to content

Israele contro Hezbollah e Iran, una faida targata “18”

29 gennaio 2015

mcc43

Jihad Mughniyeh Nasrallah

Domenica 18 gennaio un elicottero israeliano centra una colonna di automezzi in movimento in territorio siriano, zona delle Alture del Golan. 12 vittime. Spiccano il generale dei Guardiani della Rivoluzione dell’Iran Mohammad Allahdadi, i comandanti di Hezbollah Mohammed “Abu” Issa e il giovane Jihad Mughniyeh, figlio di Imad, lo storico capo militare ucciso da Israele nel 2008 a Damasco, e pupillo di Nasrallah. Perché il blitz in assenza di provocazioni sul campo? Un’azione tattica con vari scopi.

Uno scopo è banalmente rivolto verso l’interno. L’attentato ribadisce, durante la campagna elettorale, la tenacia con cui Netanyahu prosegue la mattanza dei vertici di Hezbollah.

Rivolto verso l’esterno, s’inserisce nella delicata fase politica libanese.
L’evento cade sulla faticosa prosecuzione del tavolo di trattative extraparlamentari aperto dalle coalizioni maggiori, 14Marzo del partito di Saad Hariri e 8marzo di Hezbollah, per risolvere il vuoto presidenziale. Il candidato sostenuto da Hariri è il generale Samir Geagea, capo delle sanguinarie Forze Libanesi che durante la guerra civile collaborarono con Israele contro i Palestinesi. Aumentare la sensazione che Hezbollah rappresenta un pericolo per il Libano favorisce le possibilità presidenziali di questo criminale di guerra, collaborazionista genocidario, condannato e poi graziato di una parte della pena detentiva, attivissimo nel tessere contatti internazionali nelle capitali europee.
Pur così fortemente colpita, Hezbollah, secondo i calcoli di Israele, non può reagire, lo dimostrano nell’immediato molte dichiarazioni libanesi: il Libano non deve essere trascinato in una guerra con Israele che riguarda solamente Hezbollah. Argomentazione sghemba, poiché Hezbollah è un partito che siede in Parlamento, ma questo è il paese dei Cedri.

Il calcolo di Israele non è stato perfetto; Hezbollah a distanza di dieci giorni ha risposto, insanguinando la campagna elettorale di Netanyahu; l’immediata rappresaglia israeliana ha insanguinato, invece, l’Unifil uccidendone un rappresentante spagnolo. Come quando si è acceso un fuoco che minaccia di divampare, entrambi lanciano secchiate d’acqua: non vogliamo allargare in conflitto. Nessuno è al presente in grado di gestirlo senza ledere i propri interessi. La questione è volontariamente rimandata, rimane in balia di eventuali circostanze non prevedibili.

Resta ancora una domanda:
perché Israele ha scelto proprio il giorno 18?

Lo psyop: “il generale aveva dimenticato di spegnere il cellulare”. Una casualità, quindi, che distoglie dal ricordo della rete d’informatori e collaborazionisti che il Mossad mantiene e taglieggia in Medio Oriente. Inoltre silenzia i Caschi blu dell’Onu che sulle alture del Golan, hanno visto due droni arrivare dal lato israeliano della frontiera, prima e dopo l’attacco.

Israele è perfettamente al corrente dei movimenti delle forze pro-Assad nella zona e ha la possibilità di colpire in qualunque momento, che il blitz sia avvenuto il giorno 18 può celare un messaggio perché, se è vero che Israele eccelle nel pragmatismo, altrettanto eccellente è in sottigliezza allusiva, e questo sfugge alla superficiale cronaca giornalistica.

 In questo blog, l’articolo “Israele, Siria, Libano e le conseguenze del giorno 18 luglio 2012” raccoglieva alcune coincidenzeQuel 18 luglio avvennero due fatti.

Damasco:  un attentato falcia tre alte personalità dell’ establishment siriano; viene confusamente rivendicato sia dal Free Syrian Army che da un gruppo jihadista e al regime non conviene far sapere di più.
Fra le vittime, Assef Shawkat considerato da Washington il regista dell’assassinio del premier libanese Rafik Hariri; a quel tempo capo dell’intelligence, Shawkat,  era stato rimosso nel 2008 dopo l’attentato a Imad Mughniyeh. Le indagini avevano accertato il ruolo del Mossad, sotto la direzione di Meir Dagan, e la lunga preparazione dell’attentato, dentro e fuori la Siria.

Si tenga a mente che Jihad, ucciso nel blitz del 18 gennaio, era  suo figlio. Imad  aveva iniziato la resistenza armata nei ranghi di Amal, la milizia di Mussa Sadr, l’imam iraniano-libanese scomparso (ved. art.) mentre cercava di far superare agli Arabi le divisioni e unirsi contro Israele.

 –Burgas, Bulgaria: una bomba esplode su un autobus di turisti israeliani: 7 morti, più di 20 feriti . Israele nota immediatamente la ricorrenza:  la strage del 18 luglio 1994, quando in un centro ebraico di Buenos Aires  una bomba uccise 85 persone, più centinaia di feriti. Immediata accusa: Hezbollah esecutore e Iran mandante.
Puntualmente, anche per l’attentato suicida di Burgas fin dal primo momento Israele accusa, attraverso DebkaFile, sito vicino all’intelligence, la coppia Hezbollah-Iran. Sebbene l’Iran abbia vigorosamente smentito il coinvolgimento, alla radio israeliana Ehud  Barak insiste e aggiunge che “farà di tutto per trovare  responsabili  diretti e  mandanti, e li punirà.” Un linguaggio che sembra alludere alla ripresa degli assassini mirati, e  fa tornare in mente i misteriosi omicidi degli scienziati nucleari iraniani.

Il “18” gennaio 2015 due figure di spicco per la coppia Iran-Hezbollah vengono uccise contemporaneamente. Un “colpo di fortuna” imprevisto per Israele o una sottolineatura delle ricorrenze ? Questione di .. Kabalah.

 Google+

Annunci
One Comment leave one →
  1. Marc permalink
    30 gennaio 2015 7:03 pm

    Interesssante. Riguardo alla rete di informatori di Israele ti segnalo
    “””Hezbollah è stato infiltrato dal Mossad israeliano. La conferma, dopo settimane in cui si sono succedute voci ed indiscrezioni, giunge dal leader del movimento sciita libanese, Hassan Nasrallah. In unintervista allemittente tv Al Mayadeen, Nasrallah ha affermato che larresto dellaspia, che ricopriva un ruolo “sensibile“ allinterno dellorganizzazione ed era “responsabile di uno dei dipartimenti allinterno di una delle unità di sicurezza di Hezbollah“, è avvenuto 5 mesi fa.
    http://www.localport.it/eventi/notizie/notizie_espansaN.asp?N=149629

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: