Skip to content

In Israele non esiste status di rifugiato. Gli immigrati sono classificati “infiltrati”

28 novembre 2016

mcc43

da International Business Time   di Andrea Spinelli Barrile

Immigrazione: il modello israeliano
di rimpatri e reinsediamenti
produce solo disperazione

migranti-israele.“” È ad esempio la storia, raccontata da Al-Jazeera, di Musgun Gebar: quattro anni fa è partito dall’Eritrea ed ha attraversato, a piedi, il deserto del Sahara e l’altopiano del Sinai, prima di arrivare in Israele. Un viaggio lungo un mese durante il quale è stato vittima dei trafficanti, ha sofferto la fame, ha visto morire la metà delle persone che hanno viaggiato con lui. Privo di passaporto, Gebar è salito sul primo aereo della sua vita pochi giorni fa per affrontare il volo di 15 ore che separa Tel Aviv, capitale di Israele, da Entebbe, città aeroportuale dell’Uganda vicina alla capitale Kampala.

Gebar aveva con sé 3.500 dollari americani in banconote da 100 e un documento provvisorio, con lettera di accompagno, del governo israeliano: un lasciapassare che gli ha spalancato le porte dell’Uganda. Ad Al-Jazeera Gebar ha raccontato di essere stato detenuto nel campo di detenzione per immigrati chiamato Holot, nel cuore del deserto del Negev, nella parte meridionale dello Stato d’Israele. A un certo punto i funzionari israeliani del campo lo hanno messo davanti a tre diverse opzioni: restare lì, a tempo indeterminato, tornare in Eritrea, da dove era fuggito e dove, se sarebbe rientrato, avrebbe perso la vita, oppure accettare i 3.500 dollari messi a disposizione dal governo di Israele e lasciarsi trasferire in un paese terzo. Senza esitazione ha accettato la terza opzione, ma la vera questione è un’altra: Musgun Gebar ha veramente potuto scegliere?

La questione è molto controversa. Sabine Haddad, portavoce dell’autorità per l’immigrazione di Israele, afferma che Tel Aviv ha siglato un accordo con due paesi africani, senza tuttavia citare quali, per il trasferimento dei richiedenti asilo “indesiderati”: uno di questi sarebbe l’Uganda, come la storia di Gebar dimostra, e l’altro sarebbe il Ruanda. Entrambi i Paesi africani hanno negato alcun tipo di accordo e nessuno dei due ha offerto lo status di rifugiato alle persone che vengono trasferite da Israele. Secondo un portavoce del governo di Kampala, Ofwono Opondo, la voce di un accordo tra Israele e l’Uganda sui rifugiati e richiedenti asilo “è stata fatta circolare dai servizi segreti” di Tel Aviv. Le autorità ugandesi e ruandesi in realtà più che negare nicchiano, dicono e non dicono, e si capisce visto che la controparte offerta da Israele è golosa, la famosa offerta che non si può rifiutare, ma anche molto poco popolare: armi, addestramento militare e altri aiuti.

Una volta accettata la proposta del governo israeliano e portati da qualche altra parte i migranti, sopratutto provenienti dall’Africa orientale, si trovano in un limbo dal quale è difficile uscire, in perenne attesa di diventare un rifugiato ‘legale’ da qualche parte e nel frattempo, proprio in virtù di questa illegalità di forma, si trova impossibilitato a lavorare. Un problema enorme e che potrebbe ingrandirsi sempre più, se si pensa che solo dall’Eritrea ogni mese circa 5.000 persone fuggono dal regime: Israele è una delle mete più ambite, in molti credono di poter trovare delle opportunità o comunque di poter vivere una vita più semplice ma la maggior parte delle volte la loro utopia li trasferisce da un incubo all’altro, senza soluzione di continuità. Molti titoli di studio non vengono riconosciuti in Israele e medici, infermieri, insegnanti eritrei in fuga si ritrovano a pulire i pavimenti dei ristoranti di cucina shawarma di Tel Aviv o Gerusalemme: in Israele non esiste lo status di rifugiato e sono circa 42.000 i sudanesi e gli eritrei presenti in Israele come “infiltrati”.

continua

Google+

 

Advertisements
2 commenti leave one →
  1. 28 novembre 2016 3:46 pm

    Che dramma! Non se ne esce proprio 😦

    PS: perchè alcune volte usi il termine “migrante” e a volte “profugo”? C’è differenza….

    ciao
    .marta

    Liked by 1 persona

  2. 28 novembre 2016 4:03 pm

    Cara Marta, non ho voluto mischiare argomenti, ma mentre postavo questa notizia sulle ri-locazioni della gente arrivata, pensavo ai ponti d’oro che il governo fa agli ebrei, per esempio i francesi, perchè immigrino in Israele, e anche alla vecchia operazione Mosè con cui chiamò dall’Etiopia degli ebrei. https://it.wikipedia.org/wiki/Operazione_Mos%C3%A8
    C’è dunque un filo di apartheid in questa politica presente.

    Secondo me, migrante è generico, profugo ha anche alle spalle un qualche dramma. Chi si distingue nettamente è il rifugiato, il richiedente asilo che lo ha ottenuto, uno status che di solito vien dato per motivi di persecuzione politica. Forse chi ne sa più di me mi potrà smentire e già ringrazio. 🙂
    Buona settimana

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Maghreb, Medio Oriente e Golfo

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: