Skip to content

Non chiamatele rivoluzioni

28 gennaio 2012
quarto stato?

mcc43

Rivoluzione  vien dal  latino –revolutio-onis – e significa rivolgimento, ovvero  un mutamento improvviso e profondo che comporta la rottura del modello precedente e il sorgere di uno nuovo.

La Russia ha fatto una rivoluzione e mezza, la prima passando dalla Monarchia, che da poco tempo aveva abolito la servitù della gleba, all’economia dei Soviet; la mezza-rivoluzione è stata quella che ha cancellato la prima adeguandosi, però, ad un sistema economico per niente nuovo, che già si poteva intuire  decotto.

Ma le altre? La Jugoslavia ha perso i pezzi, così come, con  la mezza rivoluzione russa,  è accaduto all’Unione Sovietica. Le rivoluzioni “colorate”, le primavere arabe – con l’eccezione per ora della Tunisia – sono state la transizione a satelliti dell’Occidente o si trovano tuttora in mezzo al guado, dove a scorrere è il sangue.

Rivoluzione, per effetto della molto celebrata Rivoluzione francese, suscita l’impressione di un ampliamento della libertà della popolazione. Un ripartire da capo per rifiorire, dove il sentimento prevalente è che  ogni sforzo e sofferenza sarà ripagato dai risultati sperati.

Dove è accaduto questo negli ultimi decenni? Per un po’lo si è pensato in Spagna, ma ora la si vede arrancare con la carovana male in arnese degli altri paesi occidentali.

Il movimento degli indignati, le “occupazioni” negli Stati Uniti e in Israele, le ribellioni greche e romene non chiedono un nuovo modello, chiedono solamente più soldi in tasca e meno corruzione al vertice. In altre parole: “correggete il sistema”, che  non è una richiesta rivoluzionaria ma, al meglio, riformista.

L’Islanda è andata molto vicino ad una rivoluzione autentica perché ha stravolto il concetto imperante secondo il quale sono i cittadini a dover reggere il peso delle sconderatezze del vertice. Ha veramente modificato il patto fra rappresentati e rappresentanti, fra elettori ed eletti.
Resistendo alle pressioni e alle minacce internazionali, tramite lo strumento del referendum e il controllo diretto delle riunioni dell’assemblea costituente, i cittadini dell’Islanda si sono sottratti  alla dittatura del Fondo monetario e hanno messo in galera i banchieri  – quelli non eclissatisi  in tempo – responsabili  dell’enorme debito estero. Non sono più uno dei paesi più ricchi del mondo secondo i dati di una economia falsata, ma sono in ripresa. Sarebbe stato possibile tutto questo in un altro paese che contasse più dei 325.000 abitanti dell’Islanda?

§§§

Della rivoluzione avremmo più che mai bisogno, di un ripensamento dei sistemi rappresentativi, delle alleanze economiche internazionali, ma se ciò che viene richiesto a gran voce è “crescita” dalla rivoluzione siamo assai lontani.

La prima parola che connoterà la Rivoluzione in  questo secolo sarà “diversità“: il recupero dello specifico, geografico e culturale in luogo del modello unico dominante.
La seconda sarà “bisogni” in sostituzione di desideri che, stante la natura umana, sono infiniti.

Del resto, solo riconoscendoci come  esseri umani possiamo fare le rivoluzioni, mentre i consumatori  possono solo desiderare di consumare di più.

Anche i bisogni crescono, certamente, ma il ritmo nasce dall’individuo e non è manipolabile perché  i bisogni hanno come meta la soddisfazione, non la loro infinita moltiplicazione in cerca della mai raggiunta soddisfazione. Si badi bene che i desideri indotti sono spesso diretti verso oggetti standardizzati, prodotti in serie con poco intervento umano. La soddisfazione dei bisogni, al contrario, viene in gran misura da servizi alla persona, per la salute e la cultura,  o al patrimonio comune: piani urbanistici, manutenzione di infrastrutture,  protezione del suolo e delle vie d’acqua, siti archeologici,  edifici   antichi, opere d’arte. Ambiti che richiedono lavoratori in carne ed ossa, che maturano una professionalità.

Perché accada questa rivoluzione occorre che, come gli islandesi, ognuno dica a se stesso: IO posso, IO faccio.
E’ patetico  sentire critiche e lamentele o insulti e proclami contro le élite anche quando è un milione di persone a gridarli marciando. Un milione di “passivi” in corteo non imprime dinamismo alla società, probabilmente rende solo più astute le élite, e non significa “coscienza politica” ma per lo più insofferenza del presente e paura del futuro.

Decolonizzare l’immaginario dallo strapotere dello spot pubblicitario sarebbe già un buon inizio, volontario e non delegato.
Rivoluzionario.

§§§

Serge Latouche  parla di “decrescita” e la promette felice o almeno serena. Ha ragione da vendere.
Purtroppo il vocabolo suona inquietante a chi è dipendente dalla “crescita” e si trova nel mezzo, senza averlo intuito in tempo, di una decrescita subita. Che felice non è, ovvio.


***

— l’immagine del “quarto stato” proviene da questo blog

5 commenti leave one →
  1. Eta Beta permalink
    29 gennaio 2012 6:29 pm

    latouche parla di un modo di vivere, perchè quello di oggi è solo sopravvvivere. I movimenti chiedono più soldi in tasca perché conoscono solo il comperare, non il fare. L’automatizzazione ha ucciso la capacità di creare soluzioni, ha lasciato tempo libero che non si sa riempire in altro modo che spostandosi o facendo shopping. I pacchetti turisti e anche le crociere sono solo questo: andare da un posto all’altro comprando souvenir. I viaggi sono un’altra cosa.
    Quando si deciderà di far sembra bella la decrescita, si snaturerà il discorso di Latouche facendo una moda del tenere le stanze meno illuminate, del lavarsi la macchina con lo straccio e il secchio e farsi l’orlo ai pantaloni con le proprie manine.

    Mi piace

  2. 30 gennaio 2012 7:56 pm

    i non consumatori sono mosche bianche ormai, ecco perchè l’Italia non cambia e si va peggorando. Gli italiani pensano solo a consumare di più, ahimè 😦

    Mi piace

    • 30 gennaio 2012 8:30 pm

      ciao 🙂
      Tristemente vero, e consumare, sostengo con convinzione, non significa soddisfare gli autentici bisogni dell’individuo. Troppo spesso si fa, si va, si sfoggia … senza provare alcun piacere. solo perché spinti a questo dall’emulazione, innescata dalla pubblicità.
      Alcuni ricorderanno gli spot pubblicitari che magnificavano il prodotto.
      Ora talvolta non si comprende nemmeno di cosa trattano, c’è un marchio e una scena che fa sognare, immedesimarsi in quella illusione sullo schermo.

      Mi piace

  3. 31 gennaio 2012 12:57 am

    Questo è uno di quegli articoli che sarebbe bello poter commentare a voce, perché la variopinta tavolozza che hai tracciato innesca moltissimi aspetti, dal sociale, al culturale, all’economico, alle tradizioni, alla famiglia, alla società tutta. Insomma hai fatto quello che di norma fanno i bambini piccoli quando vedono un sasso piatto in un prato: lo alzano e scoprono che sotto c’è un altro mondo, brulicante, diverso, strano, ma affascinante e curioso. Con quello piccolo gesto (alzare e riposizionare il sasso) s’innesca un primo gradino rivoluzionario che stravolge quella entità sottostante e che impiegherà molto tempo per riorganizzarsi come madre natura impone.
    L’uomo non è diverso, ma ha perso quel “quid” infantile che lo renderebbe più ricco dentro di sè.

    Mi piace

    • 31 gennaio 2012 1:09 am

      Mi piace moltissimo l’immagine che hai suggerito! E quello spostamento dei sasso mi ha fatto tornare in mente un libro letto tanto tempo fa. Viaggio a Ixtlan di Carlos Castaneda. Quando Don Juan lo sciamano parla di “spostare il punto di contatto” fra il mondo come lo vediamo e l’altro, quello che ignoriamo. Con un minimo spostamento del vedere si acquisisce, se ricordo bene, anche del potere.
      Pensa se spostassimo il ns contatto dal continuo avere all’essere, quanto potere recupereremmo liberandoci della schiavitù del comprare, comprare, comprare… Quanto interesse in più per i rapporti, per esempio. O per l’insieme della società che mi sembra finito sotto zero, anche se si moltiplicano le manifestazioni indignate è solo un rito, poi ognuno cerca di ottenere per sè tutti i vantaggi possibili anche se va contro quello che in piazza ha chiesto per tutti.
      ciao 🙂

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: