Skip to content

I pubblicitari conoscono solamente gli uomini scemi?

5 agosto 2016

mcc43

La pubblicità è uno strumento, è nata con l’industria e la sua necessità, ignorata dall’ artigianato, di entrare in contatto con gli acquirenti. Più che lecito, utile ad entrambe le parti, se c’è informazione corretta e buon gusto. Lo strumento, però, ha conquistato vita propria, è diventato esso pure industria e ha iniziato a vendere pillole “educative”.

 

Alla fine dell’800, per esempio, oltre a consigliare prodotti industriali, iniziava a dare consigli sulla salute.

pubblicita-800-pillole-fernet

Passo dopo passo, è arrivata in camera da letto con la signora che stringe il guanciale fra le cosce e ci assicura che non “lo” evita più, lo cerca. Una coppia trionfante annuncia che sa quand’è ora di  farlo dribblando quella noiosa ovulazione, o strizza l’occhio: “finalmente dorme”, il bambino. Giunge dall’America il sesso vegano: lo spot esalta la potenza sessuale e la gioia dei vegani, ma non tutti i network si sono risolti a trasmetterlo essendo tanto esplicito da assimilarsi a un tutorial per l’amplesso.
Medici e sessuologi servono meno, il personale buon senso non è contemplato perchè, rassicuriamoci,  i “creativi” della pubblicità_propaganda pensano a noi.

La fantasia sottesa alla produzione pubblicitaria sembra essere quella di un pubblico di incapaci a gestire la salute, l’estetica, gli acquisti, le relazioni interpersonali, non a caso abbiamo avuto spot chiarissimi al riguardo: fatti furbo fai così e così anche tu.
Siamo poveri di sogni e lo spot ci suggerisce battute di caccia e/o eroici salvataggi di animali. La casa non è casa senza Micio, la famiglia non è felice senza Fido, nel letto e/o sbaciucchiato, tanto a Supermamma è suggerito lo stermina_microbi. Fai sorridere la pancia e alza le barriere contro il colesterolo….

In questo parterre di italiani imbranati spicca, secondo la creatività pubblicitaria, il più imbranato di tutti:
l’UOMO.

Il maschio italiano non sa, non capisce, non fa niente oppure lo fa da pasticcione.
Secondo la Tim, aveva bisogno della moglie e delle figlie per capire le offerte commerciali. Secondo la Vodafone conquista la bella solo se scatta verso di lei come l’internet superveloce. Vedere l’articolo di Fabrizio Marchi: Sei lentissimo!
La signora chiede consiglio al cane per scegliere l’assicurazione dell’auto più conveniente e il bonario quadrupede suggerisce di chiudere il bipede marito in cantina.
Ha un bel visetto simpatico la testimonial di Secret’escape, ma intrattiene dialoghi segreti alle spalle del tonto chiuso in bagno. Non un bel modello di comportamento da suggerire, ammettiamolo.
Questo ammiccare alle donne: “tu sei più sveglia di lui” è forse una nascente ginecocrazia come rivalsa del maschilismo?

L’uomo se la cava un po’, sempre secondo i “creativi”, solo quando affronta compiti un tempo considerati donneschi come il cambio del pannolino al pupo, il bagnetto, la pappa. Ma c’è di più ora: lo spot dell’uomo promosso al cimento con i collant, il reggiseno e il funzionamento del Tampax.

uomo-tampax-pubblicità

Suggeriscono un vago sospetto di  invidia verso la donna da parte del maschio, sia etero sia omosessuale, e a proposito di quest’ultimo l’offesa è più ambigua. Anche se dall’America è giunta l’etichetta Gay, gaio allegro contento, acquisire la conoscenza del proprio orientamento sessuale è raramente privo di complessità e anche di sofferenze. Ancor più raro che avvenga di nascosto ai famigliari e comunicato a tavola sforchettando un surgelato Findus; comunicazione alla madre (la quale assicura di aver già capito tutto … e parlarne no?)  sarà lei, poi, a dirlo a papà, l’ebete ignaro.

***

Ci sarebbe molto da indagare sotto questo dileggio del maschio, ma nell’immediato preoccupa il suo essere feroce supporto alla dilagante campagna contro il maschio femminicida.
Nel sito Uomini Beta si trovano molti articoli che approfondiscono questo luogo comune e indagano sulle violenze di cui gli uomini sono oggetto anche in famiglia, ma vogliamo restare ai numeri.
Da un articolo sul rapporto Istat  per la sicurezza del territorio

Nel 2013, è donna il 35,7 per cento delle vittime di omicidio volontario. (quindi il 64,30 è uomo) Molto spesso, nel 42,5 per cento dei casi, a ucciderle è il partner o l’ex partner.Un rapido calcolo: il 35,7% di 502= 179 vittime femminili il 42,5% di 179,22=76 vittime uccise da partner o ex partner …..e le altre? quante sono le donne che hanno ucciso altre donne? Un dato un po’ in contrasto con la campagna propagandistica delle femministe e dei centri antiviolenza che campano di allarmismo sul tema della violenza sulle donne.

Mentre si affronta l’odioso crimine dell’uomo che uccide la donna, si dovrebbe ricordare che nello stesso

anno 2013  i morti per incidente stradale sono stati 3.385,
le donne vittime della violenza del partner sono state 76.

Tante, certo, non dovrebbe essercene nemmeno una, ma sembra più logico convogliare sull’ auto, l’arma che è legittimo detenere, e sul comportamento al volante l’attenzione e la ri-educazione collettiva.

 

Google+

 

 

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: