mcc43

La narrazione mediatica punta il dito contro l’Islam. Impone una divisione fra buona e cattiva religione, chiedendo ai buoni di schierarsi per chi ha sempre insultato i loro simboli.
L’effetto più evidente è fomentare l’islamofobia. Numerose le moschee attaccate e le persone emarginate come nell’episodio che si leggerà in fondo al post. E’ in atto una comunicazione patologica dei media che blocca i riceventi musulmani in un double mind message che nega loro sortite positive. Li vuole “perdenti” agli occhi altrui o in disaccordo con la loro identità.
La più vasta ricaduta di questa patologica comunicazione è fomentare nella società tendenze intolleranti atteggiandosi, al contrario, a difensori della libertà di opinione;  anche in questo caso rimando in calce alle minacce ricevute in Israele dal libero pensatore Gideon Levi.

***

“La nostra contrarietà a questi atti è dovuta al fatto che siamo umani, non perché apparteniamo a tale o talaltra confessione.”

Youssef Seddik

“Loro creano mostri e poi, quando gli si rivoltano contro, noi dobbiamo chiedere scusa, dissociarci e farci piccoli.”

Karim Metref

Karim Metref è educatore e blogger in Italia. Come il filosofo Youssef Seddik, non cade nell’inganno contro i Musulmani: “dimostrateci di essere buoni”.  Il crimine è crimine. La tendenza ad aggiungere specificazioni serve a porre intere categorie sotto accusa per favorirne altre, accade nella geopolitica come nel sociale. Qui di seguito la risposta di Metref a un articolo di Internazionale .

Io non mi dissocio

di Karim Metref

 

In questi giorni saremo messi sotto torchio e le prossime campagne elettorali saranno fatte sulla nostra schiena. Gli xenofobi di tutta Europa vanno in brodo di giuggiole per la gioia e anche gli establishment europei che non hanno risposte da dare per la crisi saranno contenti di resuscitare il vecchio spauracchio per far rientrare le pecore spaventate nel recinto.

Da ogni parte ci viene chiesto di dissociarci, di scrivere che noi stiamo con Charlie, di condannare, di provare che siamo bravi immigrati, ben integrati, degni di vivere su questa terra di pace e di libertà.

Ebbene, anche se ovviamente condanno questo atto come condanno ogni violenza, non mi dissocio da niente. Non sono integrato e non chiedo scusa a nessuno. Io non ho ucciso nessuno e non c’entro niente con questa gente. Altrettanto non possono dire quelli che domani dichiareranno guerra a qualcuno in nome di questo crimine.

Tu dici: “Oggi mi hanno dichiarato guerra. Decimando militarmente la redazione del giornale satirico Charlie Hebdo mi hanno dichiarato guerra. Hanno usato il nome di dio e del profeta per giustificare l’ingiustificabile. Da afroeuropea e da musulmana io non ci sto”.

Io con questa gente sono in guerra da trent’anni. Li affrontavo con i pugni all’epoca dell’università e con le parole e con le azioni da allora e fino a oggi. Sono trent’anni che li combatto e sono trent’anni che il sistema della Nato e i suoi alleati li sostengono regolarmente ogni dieci anni per fomentare una guerra di qua o di là.

Anche io sono afroeuropeo, sono originario di un paese a maggioranza musulmana ma non mi considero un musulmano: non sono praticante, non sono credente. Ma anche io non ci sto. Non ci sto con questi folli, non ci sto quando lo fanno a Parigi ma non ci sto nemmeno quando lo fanno a Tripoli, Malula o a Qaraqush.

Non sto con loro e non sto con chi li arma un giorno e poi li bombarda il giorno dopo. Non ci sto in questa storia nel suo insieme e non solo quando colpisce il cuore di questa Europa costruita su “valori di convivenza e pace”. Perché dico che questa Europa deve essere costruita su valori di pace e convivenza anche altrove, non solo internamente (ammesso che internamente lo sia).

Tu dici che questo non è islam. Io dico che anche questo è islam. L’islam è di tutti. Buoni o cattivi che siano. E come succede con ogni religione ognuno ne fa un po’ quello che vuole. La adatta alle proprie convinzioni, paure, speranze e interessi. Nelle prossime ore, i comunicati di moschee e centri islamici arriveranno in massa, non ti preoccupare. Tutti (o quasi) giustamente si dissoceranno da questo atto criminale. Qualche altro Abu Omar sparirà dalla circolazione per non creare imbarazzo a nessuno. La Lega e altri avvoltoi si ciberanno di questa storia per mesi, forse per anni. E noi ci faremo di nuovo piccoli piccoli, in attesa della fine della tempesta. Come stiamo facendo dopo questi attentati (forse) commessi da quella stessa rete che la Nato aveva creato per combattere una sua sporca guerra.

Loro creano mostri e poi, quando gli si rivoltano contro, noi dobbiamo chiedere scusa, dissociarci e farci piccoli. A me questo giochino non interessa più. Non chiedo scusa a nessuno e non mi dissocio da niente. Io devo pretendere delle scuse. Io devo chiedere a questi signori di dissociarsi, definitivamente, non ad alternanza, da questa gente: amici in Afghanistan e poi nemici, amici in Algeria e poi nemici, amici in Libia e poi… non ancora nemici lì ma nemici nel vicino Mali, amici in Siria poi ora metà amici e metà nemici… Io non ho più pazienza per questi macabri giochini. Mando allo stesso inferno sia questi mostri sia gli stregoni della Nato e dei paesi del Golfo che li hanno creati e li tengono in vita da decenni. Mando tutti all’inferno e vado a farmi una passeggiata in questa notte invernale che sa di primavera… Speriamo non araba.

 

*****

L’uovo del serpente

Il “giorno dei cristalli” in Israele.

Un avvertimento a Gideon Levi, giornalista critico dell’ Occupazione militare dei Territori Palestinesi.

minacce gideon levi cristalli

+

Londra,
a una donna musulmana e al suo neonato
“Non voglio gente come voi sul mio autobus
” 

 

 

 

Smemoria… Naji Al Ali la Matita palestinese spezzata nel 1987 

Naji al Al Ali Ucciso

 

Annunci