Skip to content

Charlie Hebdo, l’uovo del serpente

13 gennaio 2015

mcc43

La narrazione mediatica punta il dito contro l’Islam. Impone una divisione fra buona e cattiva religione, chiedendo ai buoni di schierarsi per chi ha sempre insultato i loro simboli.
L’effetto più evidente è fomentare l’islamofobia. Numerose le moschee attaccate e le persone emarginate come nell’episodio che si leggerà in fondo al post. E’ in atto una comunicazione patologica dei media che blocca i riceventi musulmani in un double mind message che nega loro sortite positive. Li vuole “perdenti” agli occhi altrui o in disaccordo con la loro identità.
La più vasta ricaduta di questa patologica comunicazione è fomentare nella società tendenze intolleranti atteggiandosi, al contrario, a difensori della libertà di opinione;  anche in questo caso rimando in calce alle minacce ricevute in Israele dal libero pensatore Gideon Levi.

***

“La nostra contrarietà a questi atti è dovuta al fatto che siamo umani, non perché apparteniamo a tale o talaltra confessione.”

Youssef Seddik

“Loro creano mostri e poi, quando gli si rivoltano contro, noi dobbiamo chiedere scusa, dissociarci e farci piccoli.”

Karim Metref

Karim Metref è educatore e blogger in Italia. Come il filosofo Youssef Seddik, non cade nell’inganno contro i Musulmani: “dimostrateci di essere buoni”.  Il crimine è crimine. La tendenza ad aggiungere specificazioni serve a porre intere categorie sotto accusa per favorirne altre, accade nella geopolitica come nel sociale. Qui di seguito la risposta di Metref a un articolo di Internazionale .

Io non mi dissocio

di Karim Metref

 

In questi giorni saremo messi sotto torchio e le prossime campagne elettorali saranno fatte sulla nostra schiena. Gli xenofobi di tutta Europa vanno in brodo di giuggiole per la gioia e anche gli establishment europei che non hanno risposte da dare per la crisi saranno contenti di resuscitare il vecchio spauracchio per far rientrare le pecore spaventate nel recinto.

Da ogni parte ci viene chiesto di dissociarci, di scrivere che noi stiamo con Charlie, di condannare, di provare che siamo bravi immigrati, ben integrati, degni di vivere su questa terra di pace e di libertà.

Ebbene, anche se ovviamente condanno questo atto come condanno ogni violenza, non mi dissocio da niente. Non sono integrato e non chiedo scusa a nessuno. Io non ho ucciso nessuno e non c’entro niente con questa gente. Altrettanto non possono dire quelli che domani dichiareranno guerra a qualcuno in nome di questo crimine.

Tu dici: “Oggi mi hanno dichiarato guerra. Decimando militarmente la redazione del giornale satirico Charlie Hebdo mi hanno dichiarato guerra. Hanno usato il nome di dio e del profeta per giustificare l’ingiustificabile. Da afroeuropea e da musulmana io non ci sto”.

Io con questa gente sono in guerra da trent’anni. Li affrontavo con i pugni all’epoca dell’università e con le parole e con le azioni da allora e fino a oggi. Sono trent’anni che li combatto e sono trent’anni che il sistema della Nato e i suoi alleati li sostengono regolarmente ogni dieci anni per fomentare una guerra di qua o di là.

Anche io sono afroeuropeo, sono originario di un paese a maggioranza musulmana ma non mi considero un musulmano: non sono praticante, non sono credente. Ma anche io non ci sto. Non ci sto con questi folli, non ci sto quando lo fanno a Parigi ma non ci sto nemmeno quando lo fanno a Tripoli, Malula o a Qaraqush.

Non sto con loro e non sto con chi li arma un giorno e poi li bombarda il giorno dopo. Non ci sto in questa storia nel suo insieme e non solo quando colpisce il cuore di questa Europa costruita su “valori di convivenza e pace”. Perché dico che questa Europa deve essere costruita su valori di pace e convivenza anche altrove, non solo internamente (ammesso che internamente lo sia).

Tu dici che questo non è islam. Io dico che anche questo è islam. L’islam è di tutti. Buoni o cattivi che siano. E come succede con ogni religione ognuno ne fa un po’ quello che vuole. La adatta alle proprie convinzioni, paure, speranze e interessi. Nelle prossime ore, i comunicati di moschee e centri islamici arriveranno in massa, non ti preoccupare. Tutti (o quasi) giustamente si dissoceranno da questo atto criminale. Qualche altro Abu Omar sparirà dalla circolazione per non creare imbarazzo a nessuno. La Lega e altri avvoltoi si ciberanno di questa storia per mesi, forse per anni. E noi ci faremo di nuovo piccoli piccoli, in attesa della fine della tempesta. Come stiamo facendo dopo questi attentati (forse) commessi da quella stessa rete che la Nato aveva creato per combattere una sua sporca guerra.

Loro creano mostri e poi, quando gli si rivoltano contro, noi dobbiamo chiedere scusa, dissociarci e farci piccoli. A me questo giochino non interessa più. Non chiedo scusa a nessuno e non mi dissocio da niente. Io devo pretendere delle scuse. Io devo chiedere a questi signori di dissociarsi, definitivamente, non ad alternanza, da questa gente: amici in Afghanistan e poi nemici, amici in Algeria e poi nemici, amici in Libia e poi… non ancora nemici lì ma nemici nel vicino Mali, amici in Siria poi ora metà amici e metà nemici… Io non ho più pazienza per questi macabri giochini. Mando allo stesso inferno sia questi mostri sia gli stregoni della Nato e dei paesi del Golfo che li hanno creati e li tengono in vita da decenni. Mando tutti all’inferno e vado a farmi una passeggiata in questa notte invernale che sa di primavera… Speriamo non araba.

 

*****

L’uovo del serpente

Il “giorno dei cristalli” in Israele.

Un avvertimento a Gideon Levi, giornalista critico dell’ Occupazione militare dei Territori Palestinesi.

minacce gideon levi cristalli

+

Londra,
a una donna musulmana e al suo neonato
“Non voglio gente come voi sul mio autobus
” 

 

 

 

Smemoria… Naji Al Ali la Matita palestinese spezzata nel 1987 

Naji al Al Ali Ucciso

 

7 commenti leave one →
  1. 13 gennaio 2015 6:39 pm

    Condivido in toto il pensiero di Karim…mi dissocio e aggiungo che sono stanca di essere strumentalizzata da chi ha sfilato a Parigi per farsi propaganda….

    Liked by 1 persona

    • 13 gennaio 2015 6:55 pm

      Vero!

      Liked by 1 persona

  2. 13 gennaio 2015 7:40 pm

    Anch’io dico che non è da oggi che si uccidono persone per vari motivi religiosi o politici però non se ne parla affatto e in nessun programma. Sembra che i mass media scelgano apposta certi argomenti su cui girare il coltetto fino a formare una piaga per acquisire ascolti. Episodi di razzismo anche gravi e violenti ci son stati in passato, ci sono in africa guerre e migliaia di morti eppure nessuno ne parla, ma forse non è Parigi, forse l’africa non è ancora nel mondo moderno, è al margine ancora. Quindi pure io sono d’accordo con te, perchè si fa presto a far diventare tutto bianco o nero però i colori non spuntano mai in nessun canale. Anche tra i cristiani o cattolici o buddisti c’è gente che uccide, anche in altre religioni ci sono assassini. I politici mano nella mano che piangono per quei 12 vignettisti mi fanno sorridere. Vanno là e sfilano per la libertà e poi tornano in italia e si tirano le scarpe in parlamento e si danno addosso l’un l’altro. Che ipocrisia infantile!

    Mi piace

    • 13 gennaio 2015 7:55 pm

      Amleta, bentornata, e grazie. Concordo pienamente, questa è una sceneggiata indegna dove la commemorazione delle povere vittime è una scusa per portare avanti un’agenda di aggressioni e divisioni. Tira una bruttissima aria.

      Liked by 1 persona

  3. gino permalink
    13 gennaio 2015 8:05 pm

    Karim ha ragione. A denunciare che all’origine di tutto ci sono i fondamentalisti wasp (white anglo saxon peoples). Nessuno deve scusarsi o farsi piccolo. Dissociarvi lo state facendo, ma nessuno vole sentirvi e non basta mai. Quand’ero nel Pci quante accuse abbiamo ricevuto di essere complici del terrorismo, da una parte che sosteneva che alla radice di ogni male cè sempre stato il comunismo, e dall’altra parte accusati di essere traditori della classe operaia, da quell’universo viscido che sosteneva di essere né con lo stato né con le BR. Abbiamo tenuto duro ed abbiamo gridato forte la nostra avversità al terrorismo e abbiamo avuto molte vittime per questo. Come voi, quante ne avete avute. Ognuno deve agire con i mezzi che ha a disposizione. Per questo non penso che la manifestazione di Parigi sia stata espressione di razzismo antimusulmano tipo Le Pen, è anzi stata un forte grido contro ogni fondamentalismo. Per questo non ho alcun timore di gridare “Io sono Charlie!”, perchè lo sono, e griderò contro ogni tentativo di deriva antiislamica. Questo è il momento di unire le forze. Secondo me vale sempre il grido “Proletari di tutto il mondo unitevi!”, perchè affronterebbe il vero problema alla radice, ma in mancanza di meglio può valere almeno “Non razzisti di tutto il mondo unitevi!”: può essere utile no? I wasp, i fascisti ed i reclutatori di giovani incazzati sono sempre all’opera!

    Mi piace

    • 13 gennaio 2015 8:23 pm

      Se i proletari non si sono uniti è perchè ogni obiettivo messo in comune fa i conti con molte altre considerazioni che li portano a differire fra loro. Se poi non è un obiettivo materiale, ma riguarda la sfera delle opinioni e delle credenze l’unione è perfino al di là dell’utopia. Non ci sono che le Leggi di Noè a unirci … abbastanza: non uccidere, non rubare, non far sesso con gli animali. Stop. E se prendiamo il “non rubare” in Occidente siamo tutti ladri per interposta persona: se i nostri governi a cui chiediamo welfare non depredassero altre zone del mondo non saremmo qui a far discussioni su Charlie Hebdo, ma a lavorare duramente fino all’ultimo giorno della vita.
      Io non sono Charli Hebdo, sinceramente sono contro i charlie hebdo irridenti arroganti indifferenti ai sentimenti altrui. Sono il modello dell’assenza di empatia, e credo siano illusorie le convergenze di grandi masse prive della capacità di immedesimarsi in sensibilità diverse dalle proprie.
      Grazie del commento, molto stimolante.

      Liked by 1 persona

  4. gino permalink
    13 gennaio 2015 11:59 pm

    grazie a te, come sempre, è difficile trovare qualcuno con cui scambiarsi opinioni.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: