Skip to content

1986: Gheddafi a Enzo Biagi “L’America è uno stato terrorista”

23 febbraio 2015

mcc43

Il 14 aprile 1986 Enzo Biagi intervista Gheddafi nel compound di Bab-al-Azyzia, alle porte di Tripoli.
Otto ore dopo, il giorno 15, gli Stati Uniti lanciano contro Tripoli l’Operazione El Dorado Canyon. Il bombardamento colpì pesantemente la casa di Gheddafi, uccise la figlia adottiva e quaranta libici; una vittima americana per l’abbattimento di un aereo. Francia Spagna e Italia avevano negato all’aviazione USA il diritto di sorvolo. 

Motivazione dell’attacco a Tripoli fu l’attentato alla discoteca di Berlino di dieci giorni prima nel quale perse la vita un soldato americano. Immediatamente indicato come responsabile il governo libico. Solo dieci anni dopo si arriverà a un processo basandosi su un documento della Stasi che indicava un libico di nome Musbah Abdulghasem Eter come spia dentro l’ambasciata di Libia a Berlino est. Eter venne condannato per favoreggiamento insieme a due palestinesi. La condanna per omicidio venne emessa a carico della moglie tedesca di uno di loro. Se il dibattimento chiarì la dinamica dell’attentato non portò alla luce alcun coinvolgimento del governo della Libia. [similmente all’attentato Lockerbie, vedere nota (*)]

Biagi pone domande a tutto campo, le risposte di Gheddafi sono precise, insistono varie volte sull’assoluto sostegno alla causa dei Palestinesi e al loro Diritto al Ritorno, definisce illegittimo lo stato di Israele:

“Sono a fianco degli Ebrei ovunque vengano perseguitati, sono contro gli Ebrei invasori arrivati in Palestina dall’Europa.  La lotta dei Palestinesi non è terrorismo, è guerra di liberazione. Le nostre convinzioni ci portano a essere contro ogni terrorismo e a fianco di ogni lotta di liberazione. ” 

La Libia non ha mai nascosto di sostenere l’IRA, ma anche la  Rote Armee Fraktion e le Brigate Rosse – organizzazioni terroristiche – giustificandole come rappresaglia per il sostegno dei governi europei ai dissidenti libici.
Organizzata nel National Salvation Libyan Front, NFSL, la diaspora dei dissidenti aveva organizzato un attentato a Tripoli per uccidere Gheddafi; il resoconto di Stampa Sera, del 9 maggio 1984 in questo articolo su Mohamed Al Magarief, a quel tempo fra i leader del movimento, tornato in Libia dopo la caduta del regime e diventato per breve tempo presidente del Congresso nazionale. 

“In Libia non ci sono campi di addestramento di terroristi. In ogni parte nel mondo vengono uccisi americani, ci si deve chiedere il motivo di questa ondata di odio, e perché Reagan, che è un pazzo, vuole vendicarsi sulla Libia. “

Alla domanda specifica, se  fosse disposto a incontrare Reagan, Gheddafi risponde

“Solo se l’ America ammetterà ufficialmente di essere uno stato terrorista. A queste condizioni accetto le ispezioni in territorio libico” 

 

 

_________________§§§_______________

nota (*)

Anno 1988 :
luglio un missile americano contro il volo Iran Air 655
dicembre una bomba sul volo Pan Am 103 – Lockerbie 

Per Lockerbie si coinvolse – in base a false prove e a test non eseguiti nel corso dell’istruttoria – l’agente segreto libico Abdelaset Al Megrahi.
Per questo e per tutti gli attentati che gli furono attribuiti, Gheddafi pagò un compenso al Fondo per le vittime, dichiarando apertamente che non si trattava di ammissione di colpa ma di un “riscatto” affinchè alla Libia fossero tolte le sanzioni internazionali. (ved. tag Lockerbie

Al Jazeera ha seguito nel corso degli anni la vicenda processuale e gli errori commessi, arrivando nel 2014 a disporre di materiali verificati e delle dichiarazioni di Rober Baer, ex agente CIA “Le indagini CIA e FBI divergevano completamente, ma qualcuno ha voluto mettere in mezzo la Libia … un piccolo paese … Gheddafi odiato… è stata una decisione esecutiva”

Secondo la  nuova ricostruzione a ordinare l’attentato fu l’Iran che ingaggiò come esecutori due Palestinesi. Il motivo: vendicare l’abbattimento dell’aereo Iran Air 655 il 3 luglio 1988 da parte di un missile lanciato dalla portaerei americana Vincennes, mentre l’aereo sorvolava lo stretto di Hormuz. 290 le vittime, fra le quali 66 bambini.
Non impossibile che queste notizie recenti siano in funzione di propaganda anti Iran, tuttavia è chiaro ai famigliari delle vittime che i vari processi contro il libico Al Megrahi non hanno dato risposta al legittimo bisogno di giustizia.

Google+

Advertisements
2 commenti leave one →
  1. 28 febbraio 2015 4:57 pm

    L’ha ribloggato su News of the World.

    Mi piace

Trackbacks

  1. 1986: Gheddafi a Enzo Biagi “L’America è uno stato terrorista” | News of the World

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Maghreb, Medio Oriente e Golfo

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: