Skip to content

La stretta di Netanyhau sull’America. Beware, Obama!

9 marzo 2015

mcc43

Sebbene il discorso del premier israeliano sia stato preceduto da polemiche e seguito da critiche, agli osservatori  sfugge il sentore eversivo. Tra gli applausi del Congresso degli Stati Uniti, in seduta congiunta sotto la presidenza dell’Ambasciatore d’Israele, Netanyhau ha mostrato a Obama quanto facilmente potrebbe impedirgli di ottenere la ratifica di eventuali accordi con l’Iran, sfruttando il bilanciamento dei poteri istituzionali previsto nella Costituzione americana.

 

Benjamin Netanyahu ha pronunciato il suo discorso davanti ai deputati e ai senatori americani, che lo hanno calorosamente accolto e spesso interrotto con scroscianti applausi nonostante le polemiche dei giorni precedenti: perché invitato da un solo partito, i Repubblicani, e perché Israele si trova nel vivo della campagna elettorale.
Alcune polemiche  si sono trasformate in critiche, ma i maggiori media nazionali ne hanno dato un resoconto confermativo, sorvolando su buchi e incongruenze.

Testate come New York TimesWashington PostLA Times, Wall Street Journal and USA Today  hanno mancato di rilevare il silenzio di Netanyhau su ciò che tutti sanno: Israele possiede l’arma nucleare, tuttavia esige, parlando dal territorio di una potenza nucleare, che a un altro paese ciò non sia consentito.

Nel riportare le sue affermazioni sul progetto nucleare bellico, che l’Iran ha sempre negato, questi media hanno taciuto che gli stessi Servizi Segreti degli Stati Uniti e di Israele dubitano fortemente. Innanzitutto perché non sono state trovate le prove; vedere (New York Times, 2/24/12) e (Guardian, 2/23/15). Secondariamente perché i satelliti hanno rilevato attività di pulizia del suolo in siti che avrebbero potuto essere sede di impianti atti a produrre le armi; vedere (Satellite Intelligence: Iran 2012, Iraq 2003).

Omessa completamente la notizia che, mentre Usa e Iran sono firmatari del Trattato contro la proliferazione nucleare,  Nuclear Non-Proliferation Treaty, Israele non lo è!

Queste obiezioni alla stampa vengono avanzate dal FAIR, l’osservatorio dei media americani che dal 1986 controlla il rispetto del Primo Emendamento della Costituzionesostenendo l’importanza della diversità della stampa, denunciando le parzialità e le pratiche mediatiche tese a emarginare le minoranze e i dissenzienti. Alle suddette critiche, applicabili anche dai media italiani, se ne possono aggiungere almeno altre due.

*+*+*+*

non vedo non sento non parloSi può rimproverare il silenzio sulle morti seriali di scienziati nucleari iraniani e – anche senza ricordare che Israele è stata scoperta in attività di terrorismo in 25 paesi – sottolineare che il governo americano l’anno scorso ha sollecitato Israele a far cessare la mattanza perpetrata dal Mossad; a rivelarlo non è una fonte antisionista bensì il Jerusalem Post.

Netanyhau ha mandato a Obama un messaggio minaccioso rendendogli evidente quanto sia forte la morsa israeliana sui potentati americani e come, all’occorrenza, con l’appoggio mediatico potrebbe fare di più che spaccare il partito democratico, come accaduto questa volta. Potrebbe rendergli ostile l’opinione pubblica.
La Costituzione americana, diversamente da quel che comunemente si crede, indica il Presidente come “esecutore”, non come ideatore indiscusso, della politica estera, nel contempo conferisce al Congresso il potere di controllo e di correzione degli impegni assunti dalla casa Bianca con paesi esteri. Se Obama concluderà  con l’Iran  un trattato sul nucleare, questo dovrà essere sottoposto al Congresso e, per la ratifica, occorrerà il voto favorevole di almeno due terzi dell’Assemblea. Può esserci dubbio sul reale intento, insinuante e preventivo, di Netanyhau, in consonanza con il Partito repubblicano?

Si può supporre altresì, senza particolari sforzi dell’immaginazione, come questa mossa eserciti oggi una qualche influenza sui partiti per la scelta dei candidati alle prossime elezioni presidenziali americane.

Non è certamente la statura politica di Bibi a produrre questi probabili effetti. Al contrario, un personaggio dalla modesta caratura come Netanyhau ha potuto osare questo sgarbo diplomatico perché Israele abita l’immaginario delle élite politiche e sociali americane come un’entità intangibile. 

Vedere :
Il sostegno a Israele è la “religione civile” dell’Occidente

 

Google+

Annunci
One Comment leave one →
  1. 9 marzo 2015 10:57 pm

    Obama premio Nobel…che mossa politica per tappare gli occhi al mondo…e pure le orecchie

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: