Skip to content

Tra Gaza e il mondo c’è Rafah. Parte seconda: Israele ed Egitto carcerieri

18 dicembre 2015

mcc43

La Striscia di Gaza non ha aeroporto, l’uscita via mare è preclusa; via terra i valichi verso Israele sono agibili a discrezione del governo di Tel Aviv e a Rafah – punto di uscita verso l’Egitto –  vige l’arbitrio congiunto delle autorità egiziane e israeliane con la connivenza internazionale. Prigione a cielo aperto per 1.800.000 persone.

 gaza-barriera-rafah-palestinesi

Nel 1967 durante la Guerra dei 6 Giorni Israele aveva militarmente occupato la Striscia.

-Nel 1978 il Trattato di Pace di Camp David firmato dai premier Begin e Sadat stabilisce che Rafah è il confine tra i due stati.

-Nel 1982 l’esercito israeliano completa il ritiro dalla penisola del Sinai e il confine viene materialmente tracciato: la città viene spaccata in due, una parte rimane palestinese, l’altra diventa egiziana, una buffer zone creata distruggendone il centro. Case abbattute, famiglie separate, profughi, filo spinato.

-Nel 1994 con gli accordi di Oslo, promossi da Bill Clinton e firmati da Rabin e da Arafat per l’OLP, terminano i 27 anni di occupazione militare israeliana della Striscia. E’ contestualmente stabilito il graduale  trasferimento di autorità governativa alla neo costituita Autorità Palestinese. Tuttavia Israele conserva il controllo dello spazio aereo, delle acque territoriali, dell’accesso off-shore marittimo, dell’anagrafe della popolazione, dell’ingresso degli stranieri, delle importazioni e le esportazioni, nonché del sistema fiscale. Vedere i dettagli in questo articolo dell’organizzazione umanitaria israeliana Btselem.  

-Nel 2005 avviene l’effettivo ritiro di Israele, soldati e colonie, dalla Striscia: il controllo del valico di Rafah passa nominalmente all’Autorità Palestinese.

E’ in questa circostanza che entra in campo l’Europa, specificatamente l’Italia, con la missione  EU BAM Rafah (per esteso: EU Border Assistance Mission on the Gaza – Egypt Border – Crossing – Rafah).
La missione non presenta un carattere esecutivo, consiste esclusivamente nel monitoraggio da parte del personale italiano, acquartierato ad Askelon in Israele, e scaturisce da un’intesa siglata il 15 novembre 2005 dall’Autorità Palestinese e Israele  detta AMA, Agreement on Movement and Access, promosso da Condoliza Rice. (testo)

-Nel 2006 è prevista l’assunzione di responsabilità del controllo del valico da parte della guardia presidenziale del presidente dell’AP Mahmoud Abbas nella Rafah palestinese e, per il lato egiziano, da  750 guardie di frontiera. Così stabiliva un accordo fra Egitto e Israele.  Ma troppe cose accadono in quell’anno.
A gennaio le elezioni premiano in termini assoluti il partito di Hamas che però ha la sua base elettorale in Gaza, ed è minoritario in Cisgiordania. Fatah rifiuta di partecipare al governo e alla fine dell’anno indice nuove elezioni, l’Europa e l’America considerano Hamas un gruppo terrorista e interrompono i programmi di aiuto ai Palestinesi. Cresce la conflittualità fra Hamas e Israele; due fratelli palestinesi vengono rapiti dall’esercito e in risposta un commando da Gaza rapisce, il 25 giugno, il soldato israeliano Gilad Shalit.  Immediatamente Tel Aviv lancia l’operazione Operation Summer Rains che porterà anche all’entrata delle truppe nel sud della Striscia e alla chiusura del valico di Rafah, ufficialmente comunicata all’Europa.
Secondo il sito del Ministero italiano della Difesa “il 25 agosto 2006, dopo alcune settimane di chiusura, veniva riaperto il valico di Rafah. Il 9 maggio 2007 veniva determinata la sospensione delle attività di monitoraggio del valico. Il 9 giugno 2007 su ordine delle Autorità israeliane veniva chiuso il valico.

-Il 2007 è l’anno nero di Gaza. Mentre continuano gli attacchi da Israele, i sostenitori di Fatah e di Hamas si combattono e lasciano sul terreno centinaia di morti. Il 12 giugno i combattenti di Hamas attaccano il quartier generale di Fatah in Gaza city e il 13 prendono anche il controllo del nord della Striscia; Hamas la dichiara “area militare chiusa” e impone entro il 15 a tutti i combattenti la consegna delle armi. L’accelerazione degli eventi è tale che da giugno 2007 è definitiva la spaccatura dei Palestinesi:  Fatah governa la Cisgiordania e Hamas la Striscia di Gaza; mentre, come scrive il Ministero della Difesa il valico viene chiuso su ordine di Israele.
A completamento dello scarno comunicato del nostro Ministero, l’organizzazione umanitaria Betselem scrive “Israele ha contestato l’apertura del valico per il fatto che non era in grado di monitorare i soggetti che l’attraversavano e l’Egitto ha chiuso la frontiera in quanto non è stato possibile implementare l’accordo AMA. La forza europea hanno interrotto l’attività di monitoraggio a causa del rifiuto dell’Unione europea di cooperare con Hamas.”

-Nel 2008 almeno la metà degli abitanti di Gaza si precipitò attraverso il confine dopo che membri di Hamas avevano abbattuto una parte del muro di confine.

-Nel dicembre 2009, l’Egitto di Mubarak e gli Stati Uniti avviano  la costruzione di un muro d’acciaio lungo il confine con Gaza. Muro di separazione, che Hamas chiama Muro della morte. 7 miglia, con una profondità di 18 metri, quindi capace di far crollare i tunnel  attraverso i quali entrano le merci in Gaza.  Lo scopo dichiarato è impedire che elementi di Al Qaeda possano entrare in Egitto dopo essere stati scacciati da Hamas. Tutti consenzienti: l’ Autorità Palestinese, gli Stati Uniti e  perfino il Mufti della moschea Al Azhar del Cairo.

-Tra  giugno 2012 e  il  3 luglio 2013,  con Morsi presidente dell’Egitto il blocco di Gaza appariva ammorbidito,  fu una delle ragioni che gli procurarono avversione fra larghi strati della popolazione egiziana, in realtà Hamas aveva chiesto che il valico venisse aperto anche per il passaggio delle merci, oltre che delle persone, ma la richiesta non ebbe seguito.

-Il 29 ottobre 2014, il presidente Sisi inizia a demolire case dal lato egiziano del confine allo scopo di creare una zona cuscinetto di mezzo km per impedire il contrabbando di armi  verso Gaza.

-A settembre 2015, un salto di qualità: mezzi militari egiziani portano l’acqua pompata dal Mar Mediterraneo fino al confine di Rafah per riempire un canale appena costruito e inondare  i tunnel.  In dicembre un tunnel, a causa dell’inondazione, è crollato provocando l’annegamento di 14 Palestinesi.

Scrive Middle East Eye : Il governo egiziano sta cercando di schiacciare economicamente Hamas, perché alleato dei Fratelli musulmani. Gaza e la sua popolazione di 1,8 milioni,  sta sopravvivendo sotto un blocco economico e militare di Israele da 9 anni, la sofferenza  per l’aumento della povertà e gli attacchi militari inducono  l’Onu a dichiarare che Gaza sarà resa inabitabile entro il 2020.

Nel solo 2015 il valico di Rafah è rimasto chiuso per 300 giorni. E’stato aperto solo in occasione dell’Aid per l’entrata e l’uscita dei pellegrini a La Mecca, e due giorni il 4 e 5 dicembre.
Che cosa significa passare attraverso la gestione egiziana del valico?

Lo ha raccontato un giovane che è riuscito, lui e altri 689 dei 25.000 Gazawi in urgente, a volte vitale, necessità di uscire dalla Striscia. Questo è l’articolo: 

 Tra Gaza e il mondo c’è Rafah. Parte prima: I costi umani 

Nel 2013 la scrittrice Shahd Abusalama, che non aveva potuto attraversare il valico per espatrio a scopo di studio e promozione del suo libro in Italia, ha raccontato la sua frustrazione. Questo è l’articolo:

 Furiosa! La dignità umana è diventata una barzelletta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Google+

 

Annunci
6 commenti leave one →
  1. Marc permalink
    18 dicembre 2015 8:53 pm

    gran lavoro di cronologia ragionata.
    con l’occasione: buone feste 🙂

    Mi piace

    • 18 dicembre 2015 8:53 pm

      grazie & grazie. Anche a te

      Mi piace

  2. 20 dicembre 2015 12:13 am

    Una “guerra” infinita…soprusi e violenze di ogni genere…come é possibile che il resto del mondo stia a guardare e non faccia niente.
    1.800.000 persone……inaudito

    Mi piace

    • 20 dicembre 2015 2:48 pm

      Vero? C’è anche questo, lo stupore, come può essere… E’ una situazione che viola qualunque legalità , qualsiasi umano senso comune eppure è permessa da tutti quelli che governano il mondo.

      Ne approfittp, Marta, per formularti gli auguri del nuovo anno. Sereno, prospero e con delle belle sorprese. Grazie della tua costante attenzione a questo blog.

      Liked by 1 persona

      • 20 dicembre 2015 4:50 pm

        Grazie a te per questi articoli che direi indispensabili per tenersi informati in modo più approfondito e veritiero

        Buone festività a te e ai tuoi cari ❤
        Auguri!
        .marta

        Mi piace

Trackbacks

  1. Tra Gaza e il mondo c’è Rafah. Parte seconda: Israele ed Egitto carcerieri | News of the World

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: