Skip to content

Qui Baghdad. Babilonia è in fiamme…

5 luglio 2016

mcc43

Jehan Bseiso   è una figlia della diaspora palestinese ed è  una poetessa. Jehan è anche un medico che collabora con Médecins sans Frontières, lavora come ricercatore al Cairo,  è nata a Los Angeles, è cresciuta in Giordania e ha compiuto gli studi in Libano. Conosce com’è essere senza una patria in cui vivere al sicuro, dove sentirsi davvero a casa.
Questa è la poesia che ha dedicato a Baghdad,  all’indomani dell’attentato che ha causato una strage fra la popolazione intenta allo shopping per i festeggiamenti dell’Aid el Fitr.

Ogmi puntino rosso indica un'autobomba esplosa in Baghdad dal 2003.

Ogni puntino rosso indica un’autobomba esplosa in Baghdad dal 2003.

 

Qui Baghdad

Babilonia sta bruciando, i giardini pensili sono neri.

L’ottava meraviglia del mondo  è che siamo ancora vivi.

Sto cercando la mia faccia nello specchio.

Cos’è rimasto.

Trovo una mappa di tutte le bombe a Baghdad,

Girovagando in Facebook, tra foto di bambini  e di spiagge.

Intere città e famiglie sono cerchi rossi.

Le didascalie raccontano: le strade sono piene di sangue.

Non abbiamo acqua, non abbiamo l’elettricità.

Ecco una foto in bianco e nero a Barcellona.

La didascalia dice: Innamorati dell’idea dell’amore.

La verità è che posso capire perché un venticinquenne vorrebbe far volare

il suo corpo di  profugo da un balcone di Beirut.

Caro Daraya, mi dispiace.

L’unico aiuto che potremmo darti è uno spray antizanzare e qualche titolo.

Io sono gli attacchi dei droni nel Nord Waziristan che uccidono 50 persone a un ricevimento nuziale.

Io sono tutti i titoli che non si guadagnano la  prima pagina del New York Times.

Io sono tutte le bombe che strappano famiglie come la nostra da Taiz a Tul Karem

Io sono la non differenza tra  minore non accompagnato e orfano, se la mamma è morta.

Io sono il non t’azzardare a speculare su questo, Tel Aviv.

Non ho abbastanza vita dentro di me, per stare al passo con tutto questo morire.

Jehan Bseiso

Jehan Bseiso

 

Houna Baghdad

Babylon is burning, the hanging gardens are black.

The 8th world wonder is that we are still alive.

I am looking at my face in the mirror.

What is left.

There is a map of every bomb in Baghdad,

making the rounds on Facebook, between baby photos and beach pics.

Entire cities and families are red circles.

The caption reads: the streets are full of our blood.

We don’t have water, and we don’t have electricity.

Here is a photo of us in black and white in Barcelona.

The caption reads: In love with the idea of love.

The truth is, I can understand why a 25-year-old would dance

his refugee body off the balcony in Beirut.

Dear Daraya, I’m sorry.

The only aid we could give you is mosquito repellent and headlines.

Je suis drone strikes in North Waziristan kills a wedding party of 50.

Je suis all the headlines that don’t make it to the first page of the New York Times.

Je suis all the bombs that rip families like ours apart from Taiz to Tul Karem

Je suis there is no difference between unaccompanied minor and orphan if mama is dead.

Je suis don’t you dare pinkwash this, Tel Aviv.

I don’t have enough life in me, to keep up with all this dying.

 

*****

Il 4 luglio a Baghdad sono morte, secondo le stime quasi 300 persone, almeno 25 delle quali erano bambini, e 225 sono rimaste ferite.
I
ntervista al giornalista di Askanews Adib Fateh Ali
Nell’inferno di Baghdad: “Sembrava un girone dell’inferno, questo Paese non ha futuro”

 

Google+

Advertisements
10 commenti leave one →
  1. Marc permalink
    5 luglio 2016 9:38 pm

    un macello che si ripete e di cui non può vedere la fine

    Mi piace

  2. Mariposa permalink
    5 luglio 2016 9:48 pm

    Come ha reso bene la disperazione e il senso di impotenza. parole asciutte che graffiano..

    Mi piace

  3. 6 luglio 2016 5:45 pm

    La poesia è un seme che il vento trasporta in ogni dove, spero davvero che da qualche parte ri.nasca una nuova umanità.

    Mi piace

    • 6 luglio 2016 7:08 pm

      Sì, e che tocchi finalmente i cuori di pietra.
      Proprio oggi più chiara la notizia che la commissione d’inchiesta inglese ha concluso (alla buon’ora) che l’intervento di Blair e Bush in Iraq nel 2003 non aveva sufficienti basi giuridiche e venne messo in atto pur essendoci altre vie pacifiche da seguire. Purtroppo non si torna indietro, il paese è distrutto, gli odi già presenti al tempo di Saddam si sono esacerbati e forse finirà frammentato. Miglia di morti per niente, centinaia di bambini nati con handicap a causa dell’uranio delle bombe, generazioni cui è stato impedito uno sviluppo normale. Un modo nuovo di praticare la schiavitù…

      Mi piace

  4. 11 luglio 2016 1:44 am

    Credo si sia persa la citazione introduttiva di Stanley Kunitz che in originale leggeva: “The heart breaks and breaks and lives by breaking”
    Proporrei:
    “Il cuore si rompe e si rompe e vive nel rompersi” – Stanley Kunitz

    Mi piace

    • 11 luglio 2016 9:41 am

      Le intenzioni erano due, ricordare la tragedia di Baghdad e far conoscere Jehan Bseiso, perchè in questo blog i Palestinesi sono un argomento importante e portante. Per questo ho valutato che la frase anteposta alla poesia complicava le cose richiedendomi di spiegare che Kunitz è un hokeista e un poeta, visto che è sconosciuto al pubblico italiano. La frase è toccante e non metterla non è stato indolore.
      Ho avvisato via Twitter Jehan della traduzione inviandole il link del post e nella sua risposta, con mio sollievo, non ha protestato.
      Grazie del passaggio e del commento, che mi ha permesso di conoscere il tuo blog, che molto mi ha colpito.
      Buona giornata

      Mi piace

      • 20 luglio 2016 11:17 pm

        Grazie per la precisazione! Io non conoscevo nessuno di voi 3, ed è una bella scoperta!

        PS: Conosci https://facebook.com/spreadpoetrynotfear ? Pensavo di aprire una pagina gemella italiana, ripostando e traducendo (per esempio questa)

        PS2: Il mio blog è un’istantanea sfocata di molti anni fa: ho continuato a scrivere, ma perlopiù lasciandone in offline/privato… chissà un giorno esondaranno nuovamente tutti i flutti

        Liked by 1 persona

        • 20 luglio 2016 11:42 pm

          Che bella circolarità… sono andata sulla pagina e ho trovato Nazim Hikmet! Angina Pectoris… Sono tornata nel tuo blog e ho messo dei Like loggata in Fb così hai il mio alias con cui sono in facebook
          Ho condiviso About my heart and my head, che trovo molto molto bella.
          C’è proprio bisogno di poesia che ricomponga i pezzi frantumati dalle troppe brutte notizie che leggiamo.
          Grazie, Andrea 🙂

          Mi piace

  5. 1 agosto 2016 4:39 pm

    Grazie per averlo tradotto! Comunque, c’è una tale assurda e disumana indifferenza verso l’Iraq da far gelare il sangue nelle vene… Che tristezza…

    Mi piace

    • 1 agosto 2016 5:04 pm

      L’audience si “stanca”, necessita di sempre nuovi scenari per il solito vecchio spettacolo della distruzione di un paese..

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Maghreb, Medio Oriente e Golfo

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: