Skip to content

Nella tragedia e fra i misteri di Lockerbie, anche l’umana solidarietà

21 ottobre 2016

mcc43

Volo PanAm 103 precipitato a Lockerbie: tragedia, complotto, fallimento della Giustizia, ma anche aspetti di umana solidarietà sconosciuti alle cronache.

lockerbie-panam

La notte del 21 dicembre 1988, una bomba esplose a bordo del volo Pan Am 103 diretto a New York, mandando in pezzi il velivolo. Il relitto precipitò sugli abitanti addormentati della cittadina scozzese di Lockerbie.  Tutti i 259 passeggeri e l’equipaggio morirono come pure 11 residenti del posto.

In questo blog si è già scritto della tragedia di Lockerbie di cui i media e i poco informati ancora attribuiscono la responsabilità alla Libia di Muhammar Gheddafi. Il primo articolo è del settembre 2011 Lockerbie un attentato ancora da svelare, altri articoli seguirono (tag) e seguiranno. Questa volta si vuole sottolineare l’aspetto umano della tragedia che ha indissolubilmente legato le famiglie delle vittime e i residenti di Lockerbie.

Frank Ciulla, un passeggero di 45 anni, stava tornando a casa dalla moglie e dai tre figli nel New Jersey per la vacanze di Natale. Il suo corpo è stato rinvenuto sul terreno della piccola fattoria di Margaret e Hugh Connell a Waterbeck, quasi 8 miglia dal luogo dello schianto. Solo quattro anni dopo, la famiglia Ciulla ha trovato la forza di recarsi in Scozia sul luogo del disastro, incontrare i Connell, porre le domande che continuavano ad aggiungere angoscia al loro lutto. Al termine della visita, tornati in America, ricevettero dalla famiglia Connel questa lettera. L’originale inglese si legge nel sito Lettersofnote

IL NOSTRO FRANK

lockerbie-victims-frank-ciulla

              Frank Ciulla

Miei cari Lou, Mary Lou e  famiglia,

Stento a credere che vi sto scrivendo. E’ ciò che avevo desiderato di fare dal 21 dicembre 1988. Quando il vostro caro è venuto a noi nella notte, è stato talmente incredibile, inquietante e disperatamente triste. Avete detto che la vostra visita ha modificato in molti modi l’idea che vi eravate fatti, lo stesso è stato per noi. Frank era un giovane con un nome, ma non era collegato a niente. Ora finalmente possiamo collegarlo a una famiglia amorevole. A volte ci fermavano a pensare nel corso dei mesi “come i suoi cari staranno affrontando tutto, che cosa staranno facendo?”

Avevano detto che forse alcuni dei parenti  non sarebbero mai venuti; avevamo paura che voi non sareste arrivati, che non desideraste entrare in contatto. Siamo così grati che avete fatto lo sforzo di venire e porre tutte le domande su quello che avete sempre desiderato sapere. Avete finalmente trovato qualcuno che poteva riempire quelle ultime ore, quella parte del tempo che era rimasta un mistero. Il “non sapere” può portare tanto dolore e smarrimento. Tutti noi abbiamo immaginazione e si  può scatenare, siamo sicuri che le vostre care anime devono aver attraversato tormenti indicibili, interrogandosi e patendo.

E ‘stato semplicemente meraviglioso incontrarsi faccia a faccia. Avevamo tanto bisogno di parlare con voi. Come avete detto, siamo arrivati a conoscere Frank attraverso di voi. Non era mai stato solamente “un’altra vittima” per noi. Per mesi l’avevamo chiamato “il nostro ragazzo.”  Solo dopo abbiamo scoperto il suo nome ed era diventato “Il nostro Frank.”

Vi prego di credermi siamo stati profondamente colpiti dalla suo venire a noi. Non dimenticheremo mai i nostri sentimenti nel vederlo lì, quel corpo, quel bell’uomo da cui la vita era svanita in un batter d’occhio.
Cercavamo di afferrare il senso di tutto. Poi siamo stati costretti a lasciarlo lì, ma da lui per tutta la note sono passati i poliziotti e un medico, noi siamo tornati di nuovo la mattina. Era come un amico che era arrivato da noi nella maniera più triste. Così  adesso, per mezzo suo, vi abbiamo nei nostri cuori e, vi prego, vogliamo che sappiate che sarete i benvenuti qui ogni volta che arriverete.

Famiglia Connell

Google+

2 commenti leave one →
  1. 21 ottobre 2016 6:43 pm

    A volte le amicizie nascono in modo particolare ma questa…le supera tutte. E’ come se chi ha ritrovato Frank…lo abbia “fatto rivivere” ai suoi familiari…
    Storia di grande legame d’anima.
    grazie

    ciao
    .marta

    Mi piace

    • 21 ottobre 2016 7:40 pm

      Sono contenta… Non avevo dubbi che a una sensibilità come la tua questo documento “parlasse” profondamente.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Chiara Zanone Translations

Italian translator and proofreader

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: