Skip to content

I tempi lenti della storia: Palestina ammessa all’ONU come stato osservatore

29 novembre 2012

mcc43

Questo post è la continuazione di  Israeliani e Palestinesi: separati insieme  di  settembre 2011, quando il Consiglio di Sicurezza  ONU ricevette e respinse la richiesta della Palestina di essere riconosciuta come stato membro a pieno titolo.

Mahmoud Abbas    — detto Abu Mazen:  padre di Mazen suo primogenito prematuramente scomparso —  mentre scrivo sta portando lo stato di Palestina all’Onu. Non membro a pieno titolo, solamente osservatore come lo stado del Vaticano,  ma è un passo fuori dal fosso del passato, quando i Palestinesi per far parlare di sé avevano solamente  la lotta armata.

Abu Mazen, emarginato dai paesi arabi, ma non dalla maggioranza dell’Assemblea, la cui volontà non è per nulla rappresentata dal Consiglio di sicurezza, dove gli Stati Uniti posero il veto ad un pieno riconoscimento.

Ottobre è stato un mese nero per Abbas e l’Autorità Palestinese  che governa la West Bank ma non Gaza, conquistata da Hamas nel 2005. Il 23 ottobre Khalifa al-Thani, emiro del Qatar è andato in visita, primo fra i capi di stato del mondo, a Gaza, proclamando amicizia con il primo ministro Ismail Haniyeh e pieno sostegno per Hamas.  Il sostegno del Qatar, si è visto in Libia e in Siria, consiste in una pioggia armi e di soldi.
Subito dopo la partenza dell’Emiro da Gaza sono tornati a partire le raffiche , di razzi , verso Israele. Il seguito è noto: la risposta durissima, i morti, molti, fra i palestinesi e vittime  in Israele.  Arrivati alla mediazione dell’Egitto, Abbas non è stato convocato.

Non piace l’Autorità palestinese che a Ramallah cerca di costruire un paese con infrastrutture e fa i conti con la continua provocazione dell’aggressività , le prevaricazioni e i furti, non solo terra anche acqua deviata verso le fattorie dei coloni, di Israele.   Paga lo scotto della (non sempre) conclamata volontà di Hamas di annientare Israele.

Molti sottolineano che  con il limitato riconoscimento di osservatore in pratica “non cambierà niente”. E’ falso. Se da un lato la Palestina resterà sotto occupazione militare di Israele, le si apriranno opportunità finora negate.

Cito dall’articolo della giurista internazionale Grazia Careccia, pubblicato in Nena News

Lo stato palestinese potrà infatti ratificare le convenzioni internazionali sui diritti umani.[…]La ratifica di questi trattati multilaterali inoltre consentirà alla Palestina di assumere un ruolo importante nella nomina dei membri dei meccanismi incaricati di assicurare il rispetto delle norme di tali convenzioni.
Lo stato palestinese potrà, con più facilità rispetto a quanto non sia avvenuto per l’UNESCO, diventare membro di importanti agenzie specializzate delle Nazioni Unite, come per esempio l’Unione internazionale delle telecomunicazioni. Oltre agli strumenti per la tutela dei diritti umani, la Palestina potrà diventare un’Alta Parte Contraente delle Convenzioni di Ginevra e ratificarne i due protocolli aggiuntivi, il che darebbe alla Palestina il potere di perseguire i crimini internazionali commessi sul proprio territorio, in virtù dell’Articolo 146 della Quarta Convenzione di Ginevra. Questa norma di diritto cogente andrebbe a prevalere su eventuali accordi di natura pattizia conclusi dalla Palestina che prevedano deroghe a tale principio.

In altre parole: liberarsi da alcuni dei molti ricatti subiti.

Come sta reagendo Hamas? Il leader  Khaled Mashaal ha telefonato a Abbas per esprimere il suo sostegno alla candidatura a stato non membro. Un comunicato dell’Aurotità Palestinese parlava di una simile mossa di  Haniyeh ma da Gaza è arrivata una smentita.

E’ un errore. La via perseguita dalle autorità  politiche di Gaza è  restare aggrappata al palese ruolo di vittima, non di uscirne. Non c’è una via realistica per sconfiggere Israele con le armi. E poi perché quando la politica dei piccoli passi dimostra di far procedere la causa con maggiore celerità verso la giustizia? Giustizia per tutti.

Alcuni sosterranno che la decisione dell’Assemblea Onu è una sconfitta per Israele. Anche questo è falso. Sconfitta per gli Usa certamente, ma per la classe politica di Israele sarebbe altra la sconfitta: se la soluzione di “uno stato” dovesse trovare maggiori consensi. Consensi ulteriori a quelli che già ottiene anche presso una parte della socità israeliana.

GMT   22  del 29 novembre 2012:   L’Assemblea ONU ha votato

  138 si , 9 no, 41 astenuti,

l’Assemblea dell’Onu approva risoluzione che riconosce Palestina come stato osservatore all’ONU

Annunci
7 commenti leave one →
  1. Yuri permalink
    30 novembre 2012 12:31 am

    Hai ragione, il nonno Abbas ha avuto fegato e ha vinto da gaza non dicono una parola. brutta faccenda

    Mi piace

    • 30 novembre 2012 12:33 am

      Notato anche io. E c’è anche molto silenzio dai “supporter” internazionali dei Palestinesi. Preferiscono quando su Gaza piovono bombe. Sotto sotto l’interesse per la questione palestinese copre tanto anti -sionismo, dove sionismo sta purtroppo per un’altra parola- temo

      Mi piace

  2. Erica "Palestina" permalink
    30 novembre 2012 3:59 pm

    Sono felice felice felice. Lo so qualcuno aiutato da Israele rovinerà tutto ma oggi godiamoci questa fetta di vittoria e di giustizia. il tuo avatar sembra meno triste.
    Ciao

    Mi piace

Trackbacks

  1. ONU: 2014 ANNO INTERNAZIONALE DI SOLIDARIETA’ CON IL POPOLO PALESTINESE | In PALESTINA
  2. Il buon compleanno di Abu Mazen | MAKTUB
  3. Palestine | Pearltrees
  4. Il 7° Congresso di Fatah: svolgimento, conclusioni e discorso di Mahmoud Abbas | MAKTUB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: