Skip to content

TORINO, la FIAT e la sua CLASSE OPERAIA

18 settembre 2014

mcc43 Google+

 Fiat Mirafiori

Veduta Fiat Mirafiori

maestranze nel 1973   60.000> 2014  6.000

 ***

 

Alessandro Perissinotto
LE COLPE DEI PADRI, Da Cap. 6 : La sindrome di Stoccolma, ed. PIEMME
 

Officina Mirafiori“Perché adesso mi rendo conto che noi ci tenevamo all’azienda più di quanto ci tenessero i padroni; nessuno di quelli della mia età, ma anche di quelli più giovani, riuscirebbe a immaginare Mirafiori senza la Fiat Mirafiori; i padroni, invece, ci riescono. Tenevamo alla fabbrica, alle fabbriche, come alla nostra casa. Lo so che è difficile da credere, ma, appena finita la guerra sono stati gli operai di loro spontanea volontà ad andare a togliere le mine che i tedeschi avevano messo negli stabilimenti. Io nel ’45 avevo ventire anni e, malgrado avessi fatto il partigiano, quando si è trattato di sminare la Grandi Motori mi tremavano le mani, però l’ho fatto. L’ho fatto per Torino è vero, ma in fondo tutto il beneficio e andato ai padroni. E ai padroni di adesso non gli chiedo di andare a rischiare la vita, però un pensiero per la loro città dovrebbero anche averlo… Diofà.”

[…] “E la disciplina, ti dicevo, la disciplina era ferrea. Guai ad allontanarsi dalla linea di qualche passo! I capi reparto erano sempre pronti a darti la multa. E poi c’era la dittatura dei capi linea. Quando ero alle Grandi Presse il capolinea era quello che infilava il foglio di lamiera nella prima macchina: era lui che dava il ritmo. Se dalla prima macchina uscivano, metti caso, venti pezzi al minuto,  la seconda macchina, a catena, doveva farne anche lei venti.
[…] Solo che il capolinea a fine anno percepiva la “busta nera”,  un premio di produzione che dipendeva dal rendimento della sua linea. E c’erano a volte dei farabutti che per intascare qualche soldo in più facevano lavorare gli altri in modo massacrante, perché non tutte le macchine sono uguali.
[…] Eravamo cronometrati anche quando andavamo al gabinetto ed era già tanto se il capo reparto ti mandava la sostituzione per  permetterti di andarci. Alla fine, a meno che non ci 
scappasse la grossa, non chiedevamo neanche più di andare al cesso: pisciavamo nelle scocche. Poi le scocche arruginivano, ma mica potevamo farcela addosso. Dovevi vedere come eravamo vestiti: mica ci davano la tuta. A casa rimediavamo tutti gli stracci che potevamo metterci addosso. Lo sai come la chiamavamo la fabbrica all’epoca?”
Guido lo sapeva, come lo so io, come lo sanno tutti qui: la chiamavano La Feroce. Perché divorava vite. “E’ per questo” proseguì il vecchio “che mi viene il nervoso a pensare che un giorno, neanche troppo lontano, non ci sarà più, Che sarà in America. Dopo tutti i sacrifici che abbiamo fatto”

******

POI ARRIVARONO  IL 1969…. IL  1973 … E MIRAFIORI FU
CAPITALE  DELLE LOTTE SINDACALI D’ITALIA

Racconto di Riccardo Braghin,
delegato sindacale, protagonista di quel periodo storico

 

 

Google+

Annunci
2 commenti leave one →
  1. 18 settembre 2014 5:43 pm

    Una precisa e doverosa rivisitazione della storia di una holding troppo coperta dall’alto!

    Mi piace

    • 18 settembre 2014 6:34 pm

      Pensare che oltre a sfruttare “spiava” il personale. E ai “buoni” che riuscivano ad arrivare alla pensione ancora in grado… di ringraziare regalava la medaglia d’oro !

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...