Skip to content

TORINO, la FIAT e la sua CLASSE OPERAIA

18 settembre 2014

mcc43 Google+

 Fiat Mirafiori

Veduta Fiat Mirafiori

maestranze nel 1973   60.000> 2014  6.000

 ***

 

Alessandro Perissinotto
LE COLPE DEI PADRI, Da Cap. 6 : La sindrome di Stoccolma, ed. PIEMME
 

Officina Mirafiori“Perché adesso mi rendo conto che noi ci tenevamo all’azienda più di quanto ci tenessero i padroni; nessuno di quelli della mia età, ma anche di quelli più giovani, riuscirebbe a immaginare Mirafiori senza la Fiat Mirafiori; i padroni, invece, ci riescono. Tenevamo alla fabbrica, alle fabbriche, come alla nostra casa. Lo so che è difficile da credere, ma, appena finita la guerra sono stati gli operai di loro spontanea volontà ad andare a togliere le mine che i tedeschi avevano messo negli stabilimenti. Io nel ’45 avevo ventire anni e, malgrado avessi fatto il partigiano, quando si è trattato di sminare la Grandi Motori mi tremavano le mani, però l’ho fatto. L’ho fatto per Torino è vero, ma in fondo tutto il beneficio e andato ai padroni. E ai padroni di adesso non gli chiedo di andare a rischiare la vita, però un pensiero per la loro città dovrebbero anche averlo… Diofà.”

[…] “E la disciplina, ti dicevo, la disciplina era ferrea. Guai ad allontanarsi dalla linea di qualche passo! I capi reparto erano sempre pronti a darti la multa. E poi c’era la dittatura dei capi linea. Quando ero alle Grandi Presse il capolinea era quello che infilava il foglio di lamiera nella prima macchina: era lui che dava il ritmo. Se dalla prima macchina uscivano, metti caso, venti pezzi al minuto,  la seconda macchina, a catena, doveva farne anche lei venti.
[…] Solo che il capolinea a fine anno percepiva la “busta nera”,  un premio di produzione che dipendeva dal rendimento della sua linea. E c’erano a volte dei farabutti che per intascare qualche soldo in più facevano lavorare gli altri in modo massacrante, perché non tutte le macchine sono uguali.
[…] Eravamo cronometrati anche quando andavamo al gabinetto ed era già tanto se il capo reparto ti mandava la sostituzione per  permetterti di andarci. Alla fine, a meno che non ci 
scappasse la grossa, non chiedevamo neanche più di andare al cesso: pisciavamo nelle scocche. Poi le scocche arruginivano, ma mica potevamo farcela addosso. Dovevi vedere come eravamo vestiti: mica ci davano la tuta. A casa rimediavamo tutti gli stracci che potevamo metterci addosso. Lo sai come la chiamavamo la fabbrica all’epoca?”
Guido lo sapeva, come lo so io, come lo sanno tutti qui: la chiamavano La Feroce. Perché divorava vite. “E’ per questo” proseguì il vecchio “che mi viene il nervoso a pensare che un giorno, neanche troppo lontano, non ci sarà più, Che sarà in America. Dopo tutti i sacrifici che abbiamo fatto”

******

POI ARRIVARONO  IL 1969…. IL  1973 … E MIRAFIORI FU
CAPITALE  DELLE LOTTE SINDACALI D’ITALIA

Racconto di Riccardo Braghin,
delegato sindacale, protagonista di quel periodo storico

 

 

Google+

2 commenti leave one →
  1. 18 settembre 2014 5:43 pm

    Una precisa e doverosa rivisitazione della storia di una holding troppo coperta dall’alto!

    Mi piace

    • 18 settembre 2014 6:34 pm

      Pensare che oltre a sfruttare “spiava” il personale. E ai “buoni” che riuscivano ad arrivare alla pensione ancora in grado… di ringraziare regalava la medaglia d’oro !

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.