Skip to content

Ventimiglia: umanità in stazione

18 giugno 2015

mcc43

migranti stazione ventimigliaGiorno 17 giugno. Del reporter a me manca la convinzione che porre domande sia un diritto. Così aspetto di vedere sul viso dell’altra persona la voglia di raccontare mentre  cammino in un corridoio della stazione di Ventimiglia. Passo fra file di donne, bambini, qualche uomo. Sono accomodati alla meglio su coperte stese in terra.
Mi fermo vicino a tre ragazze che mi sorridono, la barriera linguistica è quasi impenetrabile, capisco solamente che vengono dall’Etiopia, due da sole e l’altra col marito. Si lasciano riprendere con il viso coperto e poi scherzando indicano un’altra poco lontano: beautyful, dicono ridendo. Vero. Un viso intenso e bellissimo.

DSCN1410 Il malessere cresce in mezzo a quella umanità stanca e rassegnata, torno sui miei passi verso l’atrio della stazione. Una voce dietro di me, un giovane mi raggiunge per chiedermi l’ora.  La scusa di chi ha voglia di parlare; il suo accento inglese è così buono che viene naturale chiedergli se mi racconta la sua storia. Acconsente sorridendo, gli chiedo di registrare un video, esita, poi dice no, ma quando gli chiedo un nome di fantasia per raccontare di lui risponde: Quello vero, Jonathan.
Viene dall’Eritrea, che cosa è questo paese si può leggere in questo articolo. E’andato  in Sudan ed è rimasto sei mesi lavorando per coprire le necessità e guadagnare il costo del viaggio. Arrivato in Libia è stato fermo tre mesi prima di ottenere un imbarco da Tripoli, che lui chiama Tarabulus. Il viaggio è durato tre giorni, il mare non era calmo, la barca piccola, tutti stretti l’uno all’altro. Gli ho chiesto com’erano i rapporti, se c’era gente che litigava. Ha risposto No, nessuno litigava, c’era chi pregava, chi piangeva, chi cercava di dormire come si poteva. E’ arrivato in un porto della Calabria, un’organizzazione di cui non conosce il nome lo ha preso insieme ad altri e l’ha scaricato a Torino. A quel punto lui si è preso la sua libertà. E’ arrivato a Milano, è salito su un treno per la Francia, è passato alla frontiera. Perché tu hai documenti? gli ho chiesto. No, non li ho, dice mettendo le mani in tasca e allargandole. E sei passato lo stesso? Ma allora com’è che tu sei passato senza problemi e questa gente qui la Francia non li fa entrare? Ancora con le mani in tasca allargando le braccia. It’s the case. E’ il caso. Allora perché sei qui, se eri arrivato in Francia? Perché là polizia mi ha preso, mi ha caricato su un mezzo con degli altri e mi ha portato a Nizza e da Nizza alla frontiera e adesso son qui a Ventimiglia. Testimone diretto del comportamento ambiguo dei francesi
Chiedo le sue intenzioni: vuole arrivare in Olanda dove c’è suo fratello. Perché ora che è qui vuol tornare di nuovo in Francia, non potrebbe unirsi ai compatrioti già in Italia…. No, pensa che in Olanda … it’s better.
Nelle mie intenzioni, e forse anche nelle sue, questa doveva essere la premessa di una chiacchierata più ampia su quello che ha vissuto in Eritrea, nel Sudan, in Libia, ma a noi si è avvicinato un altro migrante, occhi sbarrati, pieni di uno smarrimento in cerca di conforto. Avrebbe potuto diventare un dialogo a tre? Non so, qualcosa si è inceppato. Jonathan era a disagio, il nuovo venuto mi fissava senza aprire bocca, un dolore muto. Non ho saputo esplorare le possibilità di intenderci, caso mai Jonathan potessere fare da interprete, sono riuscita solamente a formulare a entrambi un incoraggiamento.

Sul piazzale della stazione, da una parte poliziotti e carabinieri schierati dinanzi all’ingresso, dall’altra migranti seduti sulle aiuole. Con le volontarie dell’Unicef si parla desolatamente dell’atteggiamento della Francia, ricordando la stessa crudeltà nel 2011, ma allora i numeri erano spaventosamente più alti, dicono.
Mi intrattengo con due poliziotte, chiedo se c’è qualcosa di imminente: no la situazione è in stallo. Sulla scogliera di confine i migranti continuano la protesta, quelli che sono stati portati qui attendono la sistemazione un po’ meno precaria che sta approntando la Prefettura di Ventimiglia. Spaccatura: una tace, l’altra commenta con ammirazione l’atteggiamento francese.
migranti ventimiglia pranzoAll’ora del pasto distribuito dai volontari il numero dei migranti improvvisamente si moltiplica, a quelli del piazzale si uniscono i dispersi nelle zone della città.
La giornalista di Sky intervista Silvana Tizzano, Prefetto d’Imperia, napolatana con aplomb ligure che espone difficoltà e prospettive. Il brusio mi impedisce di comprendere tutto e la giornalista mi riassume l’essenziale dal punto di vista umanitario: il progetto di dare un’accoglienza separata alle donne e ai bambini, la possibilità data a quelli che protestano sugli scogli di essere portati in stazione dove possono trovare i servizi indispensabili; Sky ha una postazione fissa in frontiera e il canale trasmette continui aggiornamenti.

La città regge, lo si vede bene, ci sono persone comuni che fanno giocare i bambini, l’atteggiamento delle forze dell’ordine è del tutto professionale, ma rilassato. Nel buffet della stazione le cameriere discutono e le opinioni si ripartiscono fra accoglienza e “aiutiamoli a casa loro”. Una cameriera è di origine africana, racconta di aver parlato con un migrante  “Gli hanno ucciso il padre, la madre, i fratelli e tutta la famiglia di uno zio. Cosa doveva fare? Aspettare che uccidessero anche lui?” e poi si accordano tutte contro la guerra, i “signori della guerra.

La solidarietà per i rifugiati politici c’è, pochi hanno l’ardire di criticarla, ma penso al diritto di volere una esistenza meno grama, emigrando dall’Africa sfruttata all’Europa sfruttatrice. E’ una motivazione meno legittima? E’ la medesima spinta a star meglio che hanno tutti nel mondo contemporaneo, non mi sembra che “qui non c’è lavoro neanche per noi” sia una posizione che può sopravvivere alla globalizzazione che ha reso le economie e le dinamiche socio-culturali interdipendenti.
Non sono nemmeno sicura che questi sbarchi siano da ricondurre solo allo squilibrio economico e alle persecuzioni. In fondo la storia dell’umanità è una cronaca di migrazioni e segnala una persistente dicotomia, variamente declinata secondo i tempi: nomadi e stanziali. Disgraziatamente un rapporto difficile, che suscita in chi sta fermo un’allarmata diffidenza.

 

 

Google+

 

Annunci
2 commenti leave one →
  1. 23 agosto 2015 9:00 pm

    Mentre tornavo da Ventimiglia proprio in quei giorni una donna rumena in treno con figli e marito di ritorno dalle vacanza a Mentone mi dice “quanta delinquenza a Ventimiglia”. Aveva visto quell’umanità a cui è stata strappata la dignità. Ho spiegato cosa stava accadendo….. Grazie del documento e del video.

    Mi piace

    • 23 agosto 2015 10:57 pm

      Grazie del commento che ricorda come oggi ciascuno di noi ha il compito di aiutare chi non sa, o è tratto in inganno, a decifrare questo presente tanto complesso.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: