Skip to content

Islam: 100 Ulema a Grozny per servire Putin

12 settembre 2016

mcc43

Se erano 100 o 200 non si sa,  ma questi studiosi dell’Islam si sono riuniti in concilio nella Federazione Russa. La lista completa dei paesi partecipanti non è stata pubblicata, la Fatwa finale è scritta in lingua russa e, nel sito islamnews.ru, compare come una serie di immagini, impossibili da sottoporre al traduttore automatico. I pochi media che ne hanno parlato non hanno rispettato la regola delle  “5 W ” della notizia data in modo corretto.

 

When? Quando? Dal 25 a 27 agosto. Where? Dove? Nella capitale cecena Grozny.  Who? Chi? Questo è vago. Erano studiosi dell’Islam provenienti da Russia, Siria,  India, Gran Bretagna, Libano, Egitto, Sud Africa, Giordania e poi? Anche Turchia? Forse sì, forse no. Sorprende il mancato invito al più grande stato musulmano: l’Indonesia.
Una parvenza di autorevolezza era data dalla presenza di un rappresentante dell’Università Al Azar del Cairo. (*).
Da chi sono stati scelti gli ulema partecipanti? Anche questo non è detto, tuttavia i lavori si sono aperti con un pomposo messaggio del presidente Kadyrov, ex paramilitare, musulmano Sufi e leader non incline a delegare le decisioni.

ramzan-kadyrov-cecenia-chechnya

Razman Kadyrov, presidente della Cecenia

L’Italia non ha laggiù una rappresentanza diplomatica e di Ramzan Kadyrov si parla assai raramente. E’ presidente dal 2007 e esercita il ruolo con nota brutalità; è implicato in casi di tortura e di assassinio politico. L’Associazione per i Popoli Minacciati  afferma che il 70% di tutti gli assassinii, stupri, rapimenti e casi di tortura in Cecenia sono stati commessi dall’esercito privato agli ordini di Kadyrov. La sua sicurezza interna, la Kadyrovtsy , conta 3000 uomini. L’economia statale è amministrata dalla Fondazione Akhmad Kadyrov, uno dei 15 casi di corruzione più clamorosi del mondo, che ha sede nella residenza privata del Presidente e incassa circa 60 milioni di $ al mese dalle trattenute sulle retribuzioni dei ceceni.

WhatCosa? Il compito era palesato dal titolo della Conferenza:  “Chi sono i seguaci della Sunna?” (**). Il consesso doveva, quindi, parlare dei e ai Sunniti. Kadyrov, nel messaggio augurale rammentava loro che il momento richiede ad accademici e intellettuali di levarsi contro il terrorismo che si riveste di slogan islamici.

Why? Perchè? L’aver escluso a priori l’Arabia Saudita e il tonante richiamo ad elevare la voce contro il terrorismo, di cui Ryad è abitualmente accusata di essere finanziatrice, erano i paletti cui gli ulema si dovevano adeguare.

Nella penisola arabica la forma di Islam numericamente prevalente è la setta più recente della religione islamica, il Wahabismo. Rigido e conservatore, questo orientamento è sia accusato di essere all’origine del terrorismo da parte del pensiero comune in occidente, sia di essere attualmente deviato e corrotto da parte dell’Isis che nella penisola compie attentati.

Vediamo come gli Ulema hanno svolto il compito assegnato, valendoci dell’articolo del sito Caucasian Knot, l’unico a esporre anche in dettaglio i contenuti del documento conclusivo: la Fatwa pubblicata il 2 settembre. Vi si legge “Questa fatwa è una decisione unanime dei mufti e studiosi della Russia e vincolante per tutte le organizzazioni musulmane nella Federazione Russa”.
Concetto ribadito nel sito islamnews.ru “Secondo i risultati della conferenza, sono adottati importanti documenti teologici e giuridici che riflettono la posizione delle parti su temi di attualità legati allo sviluppo dell’Islam in Russia, l’opposizione al radicalismo, il settarismo, la sicurezza sociale.”
Questa importantissima precisazione che limita l’importanza delle decisioni non viene evidenziata nei, non molti, articoli che informano sulla  Conferenza.

Alla domanda “Chi sono o veri Sunniti” gli Ulema hanno risposto:
– “I “veri” musulmani sunniti sono solo quelli che in teologia seguono la scuola del Kalam (Ash’ariti e Maturidites), aderiscono a uno dei quattro madhhabs (scuole giuridiche) e seguono “la via della morale di auto-miglioramento, sottolineato dai grandi maestri, in primo luogo,  gli imam Sufi. “

Punto notevole: l’accettazione del Sufismo, l’esoterismo islamico abitualmente guardato con sospetto, talvolta bollato come via deviata dall’Islam. Ma l’impresentabile Kadyrov è Sufi, e la sua confraternita andava inserita nell’ortodossia.

– La Fatwa esclude il resto dell’universo islamico e fornisce  l’elenco delle  “sette moderne fuorviate” nella quale compaiono i Wahabiti, i Sauditi in altre parole.

Con poca finezza culturale, poi, gli Ulema usano Wahabismo come sinonimo di Salafismo,  un orientamento molteplice e antico che fin dai primi secoli dell’Islam si atteneva al modello di pensiero e di azione dei compagni del Profeta e dei tre Califfi che gli erano succeduti.
Insieme alla Fatwa, è stato redatto un testo esortativo indirizzato a Putin, al Governo e all’Assemblea della Federazione russa  con il quale si chiede di vietare “tutto il Salafismo” e di bandire le critiche all’Islam (quello classificato come unico vero) come attività terroristica. 

“Questo è un tentativo di scuotere l’intero spazio del clero ufficiale (in Russia) con conseguenze imprevedibili. Non so il motivo e chi l’ha escogitato, soprattutto alla vigilia delle elezioni ” commenta un Ulema dell’Università di Istanbul. La consultazione cui fa riferimento sono le elezioni politiche russe del 18 settembre.

Il “perchè” di questa Conferenza si rivela di valore interno alla Cecenia: gli Ulema chiedono sia istituito un canale televisivo con sede a Grozny in grado di rivaleggiare con Al Arabya nella diffusione dell’informazione religiosa. Rivela altresì la necessità di compattare il consenso dei musulmani della Federazione in vista delle elezioni, ponendo Putin come protettore di un Islam ortodosso, avvalorando ulterioremente la sua guerra all’Isis in Siria (e giustificandone i costi). 

Considerando nell’insieme i vantaggi che pensa di trarne Putin, attivissimo sul fronte dell’Islam interno alla Federazione si comprende come l’assemblea di Grozny non abbia valore religioso, ma sia un evento all’interno di una tattica politica. Se l’Islam pone il primato della religione sulla politica, a Grozny è avvenuta un’inversione del principio. 

Osservando i media, l’effetto sortito presso le opinioni pubbliche dei paesi musulmani sarebbe stato nullo qualora l’Arabia Saudita non avesse protestato, sia per l’esclusione dalla Conferenza, sia per la condanna del Wahabismo, ma non è stato possibile reperire un articolo di fonte saudita per verificare direttamente le argomentazioni. Anche Caucasian Knot  riporta solamente i commenti dei media e social media alla collera di Ryad.

(*) In Egitto, dove il colpo di stato del 2013 ha spazzato via i Fratelli Musulmani e dove il presidente Sisi si è proposto come modernizzatore dell’Islam, nelle moschee i sermoni del venerdì devono seguire fedelmente le linee, se non il testo, inviate dall’istituzione statale competente per gli affari religiosi.
(**) Per il termine Sunna vedere https://it.wikipedia.org/wiki/Sunna

Google+

 

8 commenti leave one →
  1. 13 settembre 2016 10:20 pm

    Tutto ciò che si tesse da altre parti da noi non arriva, eppure questo non è un incontro di quattro amici al bar….

    Mi piace

    • 13 settembre 2016 10:31 pm

      e quando arriva magari è raccontato secondo convenienza della testata, o dell’opinionista. ho fatto questa ricerca proprio perchè trovavo qualcosa di eccessivo in un articolo, diciamo un annuncio di rivoluzione nell’islam.
      ridimensionato resta quello che dici , un incontro da guardare con attenzione,
      anche perchè può far scuola in altri paesi. un pezzo di clero disposto a far favori si trova sempre …. 🙂

      Mi piace

  2. Marc permalink
    14 settembre 2016 5:05 pm

    Ti passo questo articolo che amplifica da fonte interna al mondo islamico le tue riserve sulla importanza della conferenza e sull’errore di escludere il Salafismo,
    Si è trattato di una manovra anti sauditi, contemporanea alle polemiche sul pellegrinaggio con gli iraniani e …. last but not least la notizia della grossa fortnitura di armi dell’America a Israele. Brutti tempi
    http://islam.in.ua/en/islamic-studies/conference-ulama-grozny-reaction-islamic-world

    Liked by 1 persona

    • 14 settembre 2016 5:05 pm

      Prezioso! grazie

      Mi piace

    • 14 settembre 2016 5:08 pm

      e infatti ecco l’altra campana sulla esclusione dei salafisti…

      http://www.firstpost.com/world/islamic-conference-in-chechnya-why-sunnis-are-disassociating-themselves-from-salafists-2998018.html

      Mi piace

Trackbacks

  1. Religione di Grande Madre Russia - Tutto in 30 secondi
  2. Come l'Egitto sta cambiando asse -
  3. Come l’Egitto sta cambiando asse | Global Project | NUOVA RESISTENZA antifa'

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: