Skip to content

Palestina prepara il settimo Congresso di FATAH

10 novembre 2016
tags:
bandiera-fatah-palestina

mcc43

Fatah, il partito che guida l’Autorità Palestinese, va verso il Congresso del 29 novembre, dal quale uscirà una nuova composizione del Comitato Centrale e la designazione del successore di Mahmoud Abbas.

Più che in altri contesti, la scelta del leader palestinese attiene non tanto alle qualità personali quanto ai rapporti di forza fra correnti politiche legate a patron internazionali amici, ma a volte ostili alla causa dell’indipendenza dei Palestinesi.

Il Presidente dello Stato della Palestina Mahmoud Abbas ha detto che il Comitato Centrale del Movimento “Fatah”  all’unanimità ha deciso di tenere il settimo Congresso del Movimento Martedì 29, del mese di novembre.”
La comunicazione è stata data l’1 novembre in lingua araba e poco ripresa daimedia. La settimana seguente il Segretario Generale del Consiglio Rivoluzionario ha precisato  che
il Congresso si terrà alla data prevista e che sono infondate le voci di pressioni esercitate sul movimento per una cancellazione dell’evento.
Le pressioni proverrebbero dalla Giordania, che ha minacciato di privare della nazionalità quei palestinesi-giordani che parteciperanno a questo Congresso che vedrà riuniti i delegati di Gaza, Cisgiordania e quelli della diaspora.
Il congresso rinnoverà l’intero Comitato Centrale: l’organo responsabile dello sviluppo e dell’attuazione della visione strategica e delle iniziative negli ambiti più importanti e sensibili della politica palestinese, e sceglierà il nuovo leader che sarà altresì Presidente di AP, l’Autorità Palestinese.

Creato nel 1963 per 10 membri, il Comitato Centrale al presente ne conta 23: il presidente, 19 eletti, tre nominati. Nel 2009 (Nota 1*) fra i nomi nuovi spiccarono quelli di Marwan Barghouti, già in carcere a vita in Israele, di Saeb Erekat, ora Segretario generale dell OLP, e di Mohammad Dahlan, ora senza incarichi ufficiali, considerati rappresentanti della generazione dei giovani.
La composizione nel 2009 premiava la Cisgiordania, annoverando solamente 6 membri di Gaza che per protesta si dimisero.
Il nuovo Congresso doveva tenersi nel 2014, ma venne cancellato per l’attacco di Israele a Gaza. Rimandato a gennaio 2015, fu nuovamente cancellato a causa di insuperabili difficoltà organizzative; all’occasione, il presidente del comitato incaricato della preparazione raccomandò la data 29 novembre 2015, che torna ora posposta di un anno.

La politica palestinese, sempre che non avvengano quegli intoppi dell’ultim’ora che spesso  ne vanificano le intenzioni, sta dunque per cambiare “testa”. Impossibile prevedere se il rapporto numerico dei rappresentanti sarà più equilibrato fra le due entità geografiche e quanto peseranno i delegati della diaspora nella scelta del presidente.

Fra i nomi considerati in corsa dalla maggior parte dei media, spicca la terna già ben nota.

marwan-barghoutiMarwan Barghouti. La sua storia politica passata lo vede all’opposizione di Abbas. Sebbene condannato a 5 ergastoli, che sconta nelle carceri israeliane, spesso in isolamento, è una figura carismatica. Questa sua dichiarazione del 2002 ne rende conto “Mentre io, e il movimento Fatah di cui faccio parte, fortemente ci opponiamo agli attacchi a civili all’interno di Israele, nel nostro futuro mi riservo il diritto di proteggere me stesso, di resistere all’occupazione israeliana del mio paese e di lottare per la mia libertà”. Più di recente, sulla scia delle tensioni a Gerusalemme, Barghouti aveva chiamato a una terza intifada: “L’Intifada armata di Yasser Arafat è la nostra eredità, è imperativo riconsiderare la nostra scelta di resistenza come mezzo per sconfiggere l’Occupante”.
Ritengo fuori da ogni realistica possibilità che, qualora eletto, Barghouti venga scarcerato; la sua elezione sarebbe interpretata come un’escalation di ostilità verso Israele, le cui conseguenze sarebbero incalcolabili.

saeeb-erekat-palestine-congress– Saeb Erekat, o Abu Ali, storico negoziatore, di grande fedeltà ad Abbas. La sua credibilità fu oscurata nel 2011 da un leak di Aljazeera, i Palestine Papers, secondo il quale Erekat avrebbe fatto concessioni importanti e segrete al PM israeliano Ehud Olmert sui confini e su Gerusalemme. Erekat ha smentito ripetutamente l’autenticità dei documenti, tuttavia all’epoca si dimise da negoziatore dopo che un’indagine interna palestinese scoprì che la fonte era il suo stesso ufficio. I veleni si sprecano nel mondo politico palestinese sempre sottoposto alle lusinghe della corruzione della potenza occupante. Pochi mesi più tardi Erekat assunse nuovamente la sua posizione di negoziatore e fu l’artefice degli stretti rapporti di Ap  con il Consiglio di Sicurezza dell’Onu e con i paesi europei.

mohammed-dahlan– Mohammed Dahlan – Questo blog si è occupato varie volte della sua ambigua figura, delle sue vaste relazioni politico-finanziare con le Monarchie del Golfo, con l’Egitto e con Israele. Cacciato Da Gaza e dalla Cisgiordania, ha coltivato relazioni grazie alle quali reintrodursi a Gaza.
Scrive Al Monitor che il rapporto tra Hamas e Dahlan sembra illogico a molti, data la storica rivalità tra i due che ha origine a metà degli anni 199, quando Dahlan, a capo del Servizio di Sicurezza Preventiva, fu accusato da Hamas di arrestare e torturare i suoi leader. Il giornale riporta, però, le parole di un membro Hamas che, a titolo privato, dichiara che Dahlan sarà sempre più coinvolto nella vita politica grazie ai progetti di aiuto, le idee e le soluzioni per la Striscia di Gaza.  “La politica è questione di interessi, e la [nostra] politica può cambiare, pur mantenendo intatti i nostri valori e i principi morali “. Più che di principi, sarebbe più esatto parlare degli ingenti fondi raccolti nel Golfo e ampiamente dispensati nella Striscia con le sue iniziative “umanitarie”.

L’Egitto, ai ferri corti con Abbas – che ha preferito l’iniziativa internazionale di pace promossa dalla Francia alla sua proposta di indire colloqui diretti Palestinesi-Israeliani –  coltiva le simpatie degli abitanti di Gaza per Dahlan aprendo più spesso il valico di Rafah tra la Striscia e l’Egitto. In una intervista densa di critiche ad Abbas rilasciata a Middle East Eye dalla sua residenza egiziane, Dahlan nega di avere ambizioni presidenziali e dichiara di sostenere l’elezione di Barghouti.
Date le disinvolte caratteristiche e la storia divisiva del personaggio, una sua eventuale vittoria al Congresso, possibilità molto sottolineata dai media, renderebbe il futuro della politica palestinese più incerto all’interno e più condizionato in ambito internazionale dai legami che intrattiene con Israele ed Egitto, nonché dallo stato dei futuri rapporti fra i due paesi.

A questa terna, i media hanno aggiunto di recente il nome di   Nasser Al-Kidwa.Nasser-Al-Kidwa Come spiega estesamente Al Monitor, Kidwa (o Qudwa) è stato ministro degli esteri e inviato OLP all’ONU, è membro del Comitato Centrale; è nipote di Yasser Arafat e non gli si addebitano scandali finanziari. Non ha base popolare, alcuni dicono sia in stretti rapporti con Dahlan, altri che abbia una granitica solidarietà con Abbas. Di lui si parla estesamente in Israele e il quartetto Egitto-Giordania-Arabia Saudita-UAE ha chiesto ad Abbas di designarlo come successore. Visto tale supporto, non stupisce che ai vertici di Fatah tale candidatura non susciti entusiasmi. Oppure è un aplomb mantenuto per non bruciarne il nome?
I Palestinesi ci hanno abituato agli enigmi e molto può accadere all’ultimo minuto, prima del 29.

***

Nota 1*–  Tutti i membri del Comitato Centrale di Fatah 2009 e le biografie: https://www.washingtoninstitute.org/uploads/Documents/pubs/FCCProfiles2.pdf

 

Google+

 

Advertisements
3 commenti leave one →
  1. 10 novembre 2016 9:41 pm

    Come sempre i giornali non ne parlano …e questo è grave!
    Speriamo bene…e. Ho il congresso esprima il meglio per tutti…che tutti siano rappresentati

    Mi piace

    • 10 novembre 2016 11:41 pm

      Tengo il fiato sospeso… Deve prevalere la ricerca di una personalità nota e stimata all’estero, e questo richiede di accantonare le rivendicazioni faziose, l’acredine del passato, almeno formalmente. Un compito molto difficile. Speriamo … speriamo

      Mi piace

Trackbacks

  1. Il 7° Congresso di Fatah: svolgimento, conclusioni e discorso di Mahmoud Abbas | MAKTUB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Maghreb, Medio Oriente e Golfo

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: