Skip to content

Egitto: terrorismo di stato?

14 dicembre 2016

mcc43

Domenica 11 dicembre un’esplosione all’ingresso della chiesa di san Pietro, adiacente la Cattedrale di San Marco al Cairo, ha ucciso 24 persone e ne ha ferite 49.  E’ l’attentato più denso di incognite, sugli autori e per le conseguenze future, dentro un’escalation di attacchi.

copti-attentato-cairo

(Photo credit should read KHALED DESOUKI/AFP/Getty Images)

.

Dalla pagina Facebook di Unheard Egypt
“Quando Mubarak era al potere, ogni anno nel mese di dicembre una chiesa subiva un attentato. Gli attacchi settari ai luoghi di culto cristiani hanno lo scopo di alimentare l’odio tra musulmani e cristiani e distrarre il popolo egiziano da problemi più gravi. In ognuno di questi attentati un certo numero di persone innocenti viene arrestato, processato oppure scompare o viene ucciso come capro espiatorio.

Dall’articolo fj-p.com (versione dall’arabo)
“Il sistema Sisi è come quello del regime di Mubarak, che realizzò l’attentato della Chiesa Santi nel 2010, per sottomettere Papa Shenouda alle politiche di Mubarak, per giustificare le politiche volte a sopprimere gli islamisti”

.

Il 31 dicembre 2010 durante la messa di Capodanno nella Chiesa dei Santi in Alexandria, un attentato  causò 21 morti. I cristiani lamentarono una scarsa protezione, le autorità fornirono versioni confuse, finché spuntò la rivendicazione di AlQaeda, la cui esistenza in Egitto il governo di Mubarak aveva sempre negato.
Le somiglianze con l’attentato recente non sono poche, a partire dalle dichiarazioni ufficiali rilasciate secondo la consueta confusionaria inattendibilità, già constatata verso l’Italia per l’assassinio di Giulio Regeni.

-Nell’immediato, le testimonianze oculari hanno puntato il dito su una donna che avrebbe deposto una borsa con l’esplosivo sotto una panca nella sala di preghiera femminile. Questo spiegherebbe perché la maggior parte delle vittime sono donne e bambini, aveva dichiarato il Ministero della Salute.

-Il giorno seguente la tragedia sono stati arrestati tre uomini e una donna, altre due persone ricercate; affermazione al tempo stesso corroborata e smentita da un video di ignota provenienza. 

-Nel giorno dei funerali il presidente Abdel Fattah al-Sisi in persona ha annunciato l’identificazione dell’attentatore suicida, Mahmoud Mostafa, ma, sempre secondo Unheard Egypt, si tratterebbe di una vecchia conoscenza della polizia, già arrestato nel marzo 2014, all’età di 16 anni e ritenuto tuttora in carcere.
L’attentatore indossava un giubbotto con l’esplosivo, ha chiarito Sisi, ma, incoerentemente, il portavoce del Ministro degli Interni dichiara alla televisione che la cintura e il cellulare dell’attentatore sono stati rinvenuti, e vengono mostrati in buone condizioni. 

-Il giorno 13 un comunicato del Ministero degli Interni denuncia l’esistenza di una cellula terroristica, guidata da Mostafa El-Sayed Kassem, un latitante trentenne soprannominato Il Dottore, che ha legami con Ansar Bait Al-Maqdis, ramo dell’Isis che impegna in Sinai l’esercito egiziano in un contrasto finora fallimentare.
Secondo la polizia, Il Dottore, si sarebbe recato in Qatar nel 2015 per incontrare esponenti dei Fratelli Musulmani e ricevere l’ordine di compiere attentati in patria. La dichiarazione del Ministro termina accusando la Fratellanza Musulmana del Qatar di fornire sostegno finanziario e logistico “al fine di danneggiare la sicurezza nazionale dell’Egitto e creare divisioni nella società”.

-Il giorno 14 Rita Katz, che con Site è la fonte apparentemente esclusiva dei comunicati dello Stato Islamico, in un tweet annuncia la rivendicazione dell’Isis. Nel suo comunicato l’Isis rivela anche il nome di battaglia dell’attentatore: Abu Abdallah El-Masri.

Com’è stato possibile mettere a segno l’attentato a San Pietro se dall’avvenuto golpe del 2013 gli edifici di culto cristiani sono continuamente presidiati dalla polizia?
Alcuni sopravvissuti hanno riferito a Reuters che la polizia non aveva eseguito le consuete ispezioni di sicurezza nella chiesa di San Pietro e neppure nella Cattedrale di San Marco, residenza del papa Tawadros II.

I Copti furono ovviamente favorevoli alla rivoluzione anti-Mubarak e furono in prima fila nel sostenere il golpe: “Sisi ci ha salvato da Morsi”, “È l’uomo mandato dal cielo”. (ved. Regime d’Egitto, l’Esericto e la Croce”

Quali che fossero le aspettative, secondo i Copti sono andate deluse scrive Foreign PolicySegno di malcontento, le proteste tra la comunità cristiana sono gonfiate negli ultimi mesi ad un livello senza precedenti. Una volta considerati come un pilastro di sostegno al regime, i Copti costituiscono ormai una sfida crescente per il governo del Cairo”.  Che i Copti si sentano minacciati non è di particolare utilità all’Isis; lo è, invece, per il governo di un paese in cattive acque che deve far accettare alla popolazione la drastica ricetta economica del Fondo Monetario Internazionale.

Sentimenti di rabbia e di tensione si avvertono nella varie proteste indette dai Cristiani affiancati spesso dai Musulmani.  Alcuni accusano il Ministro degli Interni Majdi Abdul Ghaffar e ne chiedono le dimissioni. Altri la medesima richiesta di dimissioni rivolgono a Sisi. La maggioranza ripete slogan di unità nazionale: “musulmani e cristiani uniti”. A slogan come “Chiese e moschee sono pari, ma i Copti non bruciano le moschee”  fa eco il settarismo del versante opposto, che considera la comunità copta non inerme, bensì fornita di armi ed esplosivi, e la teme.

“La gente è arrabbiata per Sisi, ma non riescono a vedere alternative” secondo Wael Eskandar, giornalista indipendente del Cairo, ma l’Egitto è un paese dove si dovrebbe mai dire “mai” e dove “Viviamo insieme o moriamo insieme” è lo slogan creato dall’artista Mohamed El-Sawy.

***

articoli sull’ Egitto 
https://mcc43.wordpress.com/tag/egitto/

raccolta articoli dai media dal 2013

http://www.pearltrees.com/mcc43/egypt/id15269942

 

Google+

Annunci
2 commenti leave one →
  1. 14 dicembre 2016 10:46 pm

    Ma come si fa…non se viene a capo con questo modo sistematico di raccontar bugie e depistare facendo rimbalzare la palla…
    Oh…poveri noi 🙁😤🙁

    Liked by 1 persona

    • 15 dicembre 2016 10:27 am

      viviamo dentro un enorme fraintendimento: NOI siamo tanti, quindi potenti eppure LORO menano tutti per il naso, e noi … ci teniamo il male al naso. Basterebbe un sono starnuto, almeno 🙂
      buona giornata, Marta

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: