Skip to content

Rumorosi silenzi sull’uccisione dell’Ambasciatore Chris Stevens a Bengasi

9 ottobre 2012

mcc43
Il “Consolato” era la  US Special Mission Benghazi
Rapporti con le milizie locali
Indagini FBI sorprendentemente lente
La pista non battuta: la vendetta islamista
L’Ambasciatore lasciato solo


Nulla di quello che accade in Libia rimane nelle ore successive come appariva all’impronta. Difficile comprendere, ancora più difficile raccontare  connessioni  sovrapposizioni  discordanze che formano l’impalcatura dell’enigma. Costringere le società a ragionare “sul falso” nell’informazione è il metodo del Nuovo Ordine Mondiale  che fa apparire ai più come liberatorie  clamorose azioni di Anonymous o  Wikileaks, sulle quali  si dovrebbe  nutrire il sospetto che siano le più subdole tattiche della falsa narrazione.

L’attacco che a Bengasi ha ucciso l’ambasciatore Chris Stevens e altri americani con lui è avvenuto durante la fiumana di manifestazioni seguite a una delle tante provocazioni contro l’Islam ed è su questo sfondo che  il Dipartimento di Stato USA ha inizialmente collocato il fatto. Versione che si è via via sgretolata sotto l’incalzare del Partito Repubblicano, dei resoconti dei reporter CNN (ved.  L’11 settembre della Libia e degli USA   )  e successivamente del Washington Post,  che facevano emergere le recenti perplessità di  Stevens sulla sicurezza a Bengasi, l’incomprensibile lassismo nel potenziare le misure cautelative, la non attuazione del piano predisposto fin da settembre 2011 per una pronta reazione ad eventuali attacchi (immagine in fondo al post).
Questo articolo   In Libya, contingency plan seemed to go awry during attack on U.S. outpost 
è un raro esempio di magistrale giornalismo investigativo da parte del Washington Post che ha altresì sottolineato lo stupefacente precipitoso abbandono dell’edificio .Il ritiro del personale americano nelle ore succesive all’attacco era  comprensibilissimo per i civili, non per gli addetti a compiti di controllo e  sicurezza che avrebbero dovuto presidiare l’edificio per mantenere intatta la scena in attesa delle squadre investigative.

Che cos’era il “Consolato” di Bengasi?

Il documento rinvenuto dal WP, che riporta ora per ora gli impegni dell’Ambasciatore – lo  si può leggere in questo Pdf,– non definisce la sede come consolare ma come   US Special Mission Benghazi. L’aggettivo Special è più consonante con CIA che con  Corpo Diplomatico. Scorrendo gli impegni dei giorni intorno all’11 si scopre che l’attività “diplomatica” somigliava  a quella di un incaricato di affari, fitta di questioni petrolifere da trattare con la AGOCO; oltre alle cerimonie e incontri per la  promozione di contatti culturali dei giovani libici con gli USA.

In quali rapporti era Stevens con le milizie bengasine?

Un articolo di Eli Lake, corrispondente di Newsweek, pubblicato nel sito di informazione controcorrente  The Daily Beast, informa di un dispaccio di Stevens inviato il giorno stesso della morte nel quale  riferisce di un colloquio con le milizie che controllano l’ordine pubblico a Bengasi.  Nomina due leader miliziani che accusano gli USA di sostenere la nomina di Mahmoud Jibril a primo Premier eletto della nuova Libia (come si sa il voto del Congresso  – meno di 24 h dopo l’attentato – l’ha visto sconfitto per due voti da Mustafa Abushagur). Avvenendo questo, minacciava  il miliziano Ahmed bin al-Gharabi ,   “non avrebbe continuato a garantirgli la sicurezza“, compito svolto fino ad allora.
Ciò conferma sia l’intromissione pesante del governo americano nella vita politica libica, a garanzia dei propri interessi economici e a fini elettorali, sia l’avversione da parte delle milizie,  di cui la debole autorità di Tripoli ha bisogno. Le dichiarazioni  del presidente del Congresso Magarief sull’esistenza di milizie “autorizzate e non autorizzate” sono risibili: molti miliziani sono contemporaneamente parte dell’esercito indipendentemente dalla loro affiliazione a gruppi armati privati. La campagna per la restituzione delle armi da parte dei cittadini è stata poco più di uno show, collegata com’era a una lotteria a premi (!) e la manifestazione Save Benghazi altrettanto di facciata, poiché terminata in scontri con “alcune milizie”. Soprattutto, si è detto, contro Ansar al Sharia che stava garantendo efficacemente la sicurezza dall’ospedale; c’è chi afferma che l’incarico dipendeva dal fatto che il direttore dell’ospedale e il  capo della milizia sono fratelli.  Interessi privati, azione pubblica, manifestazioni e  altro non hanno soltanto  il significato che si vuol loro attribuire.

Perché il team FBI, inviato senza fretta, è rimasto a Tripoli fermo per giorni?

Non so immaginare dopo il crollo del muto di Berlino un altro  paese con cui gli Stati Uniti  avrebbero mostrato un tale aplomb sul cadavere di un  loro Ambasciatore. Assumere una posizione forte con la Libia sarebbe per i loro scopi controproducente?
Le investigazioni  torpide sono  un inciucio con delle componenti del business o della politica della Libia?
Gli  Stati Uniti hanno la coda di paglia e non possono alzare la voce?
Il NYTimes riportava una dichiarazione dell’allora premier Abushagur che affermava di esser venuto a conoscenza delle attività svolte nel “consolato” dal  Wall Street Journal e successivamente all’attacco, aggiungendo: “Non abbiamo problemi a condividere l’attività di intelligence, ma la nostra sovranità è un punto chiave” .
Fatto sta che il team FBI è arrivato a Tripoli  solo il 19 e  ha dovuto attendere  il 3 ottobre per recarsi a Benghazi. Il Dipartimento di Stato si difende con “non crediate che le investigazioni avvengano solo nel compound”  e accampa ragioni di sicurezza. Richiede tanto tempo preparare una scorta armata per una visita che è durata in tutto 13 ore? E perchè non vi sono state sdegnate dichiariazioni sull’assenza di presidio al compound dove oltre ai reporter aveva facile accesso  chiunque, per prelevare… o per deporre, magari dei documenti.
Appare più credibile la dichiarazione di un portavoce del Governo  libico riferita da  Reuters: Usa e Libia dovevano accordarsi sul ruolo che le due parti avrebbero avuto nell’investigazione congiunta. Ognuno ha i suoi altarini da tenere nascosti…

Poteva avere Stevens dei nemici personali?

Alcuni, ma non i grandi media, si sono chiesti  se non sia stato pericoloso, in quanto provocatorio,   inviare in un paese islamico, travagliato da presenze islamiste armate, un rappresentante nella cui rispettabile vita privata c’era la particolarità di essere omosessuale.
Nel profilo FB del suo amico  Austin Tichenor vi sono commenti alle foto del giovane Stevens che lo confermano, non si comprende per quale ragione il Dipartimento di stato non dia aperta assicurazione di  indagini in corso anche sul versante di un’assurda vendetta privata o di uno scoppio di odio fondamentalista. Timori di suscitare polemiche del/contro le comunità omosessuali?  Questo impedisce di controbattere con assoluta certezza le “rivelazioni” di una gola profonda nel sito libanese Tayyar circa  azioni dispregiative commesse su Stevens e il trascinamento per strada del suo corpo inanimato.

Perchè l’Ambasciatore è rimasto solo mentre gli altri si mettevano in salvo?

Gravemente oscuro resta  il meccanismo per cui l’ambasciatore sarebbe stato rinvenuto nella stanza senza finestre da solo. Quanti avrebbero dovuto essere i suoi personali bodygard? Erano militari  o contractor privati? Una delle  vittime Glen Doherty era congedato dai Marine e  prestava servizio privato come contractors, perchè non dirlo apertamente?

Non si comprende la premura di diffondere il video  di un freelance bengasino in termini elogiativi dei “buoni samaritani” che  soccorrono Stevens. Chiunque sa che estraendo un frammento da un filmato più lungo si può cambiare il significato dell’azione; le frasi dei soccorritori che ringraziano Dio perchè l’uomo è ancora in vita non spiegano le intenzioni, essendo Stevens arrivato cadavere all’ospedale .
Erano
, nel migliore dei casi, intrusi penetrati dentro il  compound la cui  identità è rimasta ufficialmente  ignota. Ad eccezione di chi si fa intervistare dai reporter, ma già nel caso della cattura di Gheddafi  avevamo assistito a una fioritura di affabulatori.

Provvedimento di Washington, non dichiarato ma impossibile da nascondere,  è aver  aumentato le attività dell’aviazione nel Mediterraneo nell’immediatezza dell’attacco. Per il resto la Casa Bianca  ha farfugliato, dilazionato o taciuto le spiegazioni, rendendo appropriate le richieste avanzate da taluni di  dimissioni dei portavoce del Dipartimento di Stato e non del tutto  assurdo il sospetto espresso nel titolo di  questo articolo di  Libya360°

WAS HILLARY CLINTON BEHIND THE ASSASSINATION OF CHRIS STEVENS?

e il 10 ottobre ancora da Washington Post:

Benghazi attack may cloud Clinton’s legacy

°°°°°°

Allo stato dei fatti, certamente ci si può chiedere,
come in questo articolo di Global Reserch,

BENGHAZI ATTACK AND AMBASSADOR STEVENS: WHY “THE SOUND OF SILENCE”?

******

Il piano di sicurezza non attuato 

*******

How US Ambassador Chris Stevens May Have Been Linked To Jihadist Rebels In Syria

2 commenti leave one →
  1. 5 giugno 2013 12:38 pm

    Reblogged this on MAKTUB and commented:

    Aggiornamento del post con le notizie di giugno 2013

    Un terrorista di Al Qaeda ha postato di recente on-line che l’ambasciatore americano in Libia J. Christopher Stevens è stato ucciso con un’iniezione letale dopo che il piano di rapirlo durante gli attacchi dell’11 settembre a Bengasi eera fallito. Il piano era basato su rapimento per scambio di p capi terroristi in prigione, si dice nel forum jihadista Ansar al-Mujaheddin Network. “Tuttavia, l’operazione ha preso un’altra piega, Dio solo sa perchè, quando uno dei membri della cellula jihadista ha improvvisato e seguito il Piano B.” Questa ipotesi di un complotto dentro il complotto non è incredibile, e pone non pochi interrogativi anche a fronte dei silenzi FBI sull’autentica causa di morte di Stevens e lo strano video di un gruppo di persone che prelevano l’ambasciatore (esanime o deceduto?) dalla sede pseudo-consolare, unanimemente ma inspiegabilmente definiti “samaritani” intenzionati a salvarlo.
    Per saperne di più: http://www.washingtontimes.com/news/2013/jun/4/al-qaeda-weapons-expert-us-ambassador-libya-killed/?

    Mi piace

Trackbacks

  1. Rumorosi silenzi sull’uccisione dell’Ambasciatore Chris Stevens a Bengasi | Cori in tempesta

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: