Skip to content

John Cantlie e la Siria, due diversi fallimenti dell’Occidente

14 settembre 2015

mcc43

Negli ultimi due numeri del periodico dello Stato Islamico, Dabiq_10 e Dabiq_11, non compaiono più articoli firmati da John Cantlie.

Come dice il tweet, la prova affidabile quanto un atto notarile, che gli articoli fossero scritti proprio da Cantlie, non c’era, ma un’attenta lettura rivelava nel corso dei mesi un’evoluzione dell’universo interiore dell’autore riguardo al suo destino.
John Cantlie reporter ostaggioDall’ottobre 2014 fino a febbraio vi fu l’atteggiamento combattivo contro i governi che abbandonano i loro cittadini, ma già , nell’articolo di febbraio, si iniziava ad avvertire lo sconforto. Chiedeva ad amici e parenti di dimenticarlo e commentava con amara ironia l’atteggiamento dei media nel trattare il suo caso. Seguirono articoli di analisi ma, almeno così io ho percepito, s’intravedeva la spossatezza che precede una possibile resa. L’ultimo suo articolo è di aprile (vedere Sì, John Cantlie, questa è la Tempesta Perfetta).

La sua assenza potrebbe far pensare ad una conclusione tragica della prigionia, ma occorre ricordare che Cantlie, come tutti gli ostaggi, era stato sottoposto a un “processo” e non risultarono nella sua vita appartenenze all’esercito né ad organizzazioni a sostegno degli interventi militari britannici. Era solamente un giornalista “not embedded” che poteva essere utile, ricavandone lui stesso una visibilità con cui, presumibilmente, favorire la sua salvezza.
Cameron non ha agito, l’opinione pubblica è rimasta sconcertata da un ostaggio che dava voce alle tesi dei rapitori e non si è mobilitata. I social media prediligono le tragedie semplificate e sono più prolifici di interventi quando vi è il cadavere, non la persona ancora in vita.

I giornalisti hanno dato poco rilievo al silenzio di Cantlie in Dabiq_10 e ancor meno nell’ultimo numero comparso agli inizi di settembre. A ricordare John è rimasto un manipolo di amici inglesi, un gruppone di cittadini politicamente avversi a Cameron e non so chi altro, se non questo blog di nessuna rilevanza che, però, per le ragioni suddette, non intende avvalorare la tesi di una sua uccisione da parte dell’Isis.

Se John Cantlie non è più vivo è perché il fisico ha ceduto allo stress che noi possiamo solo vagamente immaginare; ma può aver ceduto la psiche. Può non essere più in grado di produrre articoli efficaci e trovarsi in un limbo: quello dell’inutilità per gli jihadisti e di oblio del suo paese.

Se l’inerzia indifferente di Cameron e il marziano interventismo di Obama  -che hanno causato la morte di cittadini inglesi e americani  rapiti dall’Isis – è conseguente alla presa di posizione politica e vieta, qualora ci fosse, l’espressione di sentimenti di comprensione e compassione, che cosa induce i colleghi, giornalisti della carta stampata e delle tv a non dimostare almeno la solidarietà? Una domanda senza risposta.

Sono giorni, questi, in cui molte domande non hanno una risposta chiara. Guardando indietro, agli ultimi quattro anni in cui il popolo siriano, e non solo, è stato martirizzato, stupisce cone sia improvvisamente urgente arrivare alla fine del conflitto. Si intrecciano le visite fra le capitali, si tengono incontri promossi dalla Russia, l’inviato Onu Steffan De Mistura lascia intravedere un piano per la soluzione del conflitto, altri fanno filtrare ipotesi di divisione della Siria. Ma conosciamo veramente lo stato delle cose?
Cito dall’articolo Cosa succede davvero con la Siria (e in Siria) che analizza i desiderata dei vari burattinai

“”Uno scandalo scuote in questo ore Washington, sollevato da 50 esperti che le agenzie hanno arruolato per compilare rapporti sulla situazione in Siria, quelli che poi sono trasmessi a Obama e ai vertici che decidono politiche e azioni militari. I 50 dicono che i loro rapporti sull’ISIS sono stati manomessi, tagliati o censurati al fine di rappresentare una realtà edulcorata e allineata alla politica del governo, che comunque minimizza la minaccia dell’ISIS e la situazione in Iraq. La pratica non sarebbe nuova, succedeva anche durante l’amministrazione Bush, prima impegnata ad esaltare i rapporti, anche dubbi, sulla pericolosità di Saddam e poi a censurare quelli che raccontavano di un Iraq allo sbando.

E. allora, c’è la capacità di sconfiggere l’Isis se non se ne vuole nemmeno conoscere la vera natura? C’è una soluzione per la Siria?
Forse no, non ce ne sono di soluzioni e le potenze mondiali hanno mentito perché non sanno come affrontare uno “stato” che non vogliono ufficialmente riconoscere, ma dal quale comprano petrolio e i cui profitti lasciano passare attraverso i mercati finanziari internazionali avendo, l’Isis, preso il controllo di varie banche private e pubbliche.

Noi conosciamo poco l’Isis, ma l’Isis ha compreso molto bene quanto sia rauco il nostro ruggire.

Gli articoli su jihadismo, Isis, Cantlie qui:  https://mcc43.wordpress.com/tag/osservatorio-jihad/
Google+

Annunci
5 commenti leave one →
  1. Mariposa permalink
    14 settembre 2015 11:57 am

    Un giovane uomo coraggioso, un giornalista che affrontava il pericolo, il discendente di una famiglia che ha dato molto al suo paese… dimenticato così, come un ombrello alla stazione.

    Mi piace

  2. 14 settembre 2015 4:59 pm

    “…le potenze mondiali hanno mentito perché non sanno come affrontare uno “stato” che non vogliono ufficialmente riconoscere, ma dal quale comprano petrolio e i cui profitti lasciano passare attraverso i mercati finanziari internazionali avendo, l’Isis, preso il controllo di varie banche private e pubbliche.

    Noi conosciamo poco l’Isis, ma l’Isis ha compreso molto bene quanto sia rauco il nostro ruggire. ” ….

    Ecco, questo è!

    Liked by 1 persona

  3. 14 novembre 2015 10:07 pm

    Ritorno qui a distanza di mesi, proprio nel giorno dell’attacco terroristico avvenuto a Parigi nella notte….e tutto acquista un significato…
    Dal che si dimostra che certi blog e questo in particolare sono e conservano memoria storica importante.

    Grazie

    Mi piace

    • 23 novembre 2015 1:57 am

      Marta, sono stranita e mortificata, questo commento non era arrivato al posto giusto, ma in quello più ingiusto, che io non controllo mai ed elimino senza aprire. Per fortuna stavolta ho avuto l’ispirazione e l’ho recuperato! Sollievo.

      Ti ringrazio per questo conforto, lo è in questi giorni di follia collettiva, di voci e contro-voci, di terroristi forse morti forse in fuga, di donne kamikaze che non erano kamikaze…
      Sempre più temo l’uso che si fa di Isis, come di un gigante che occupa tutto il panorama, mentre altre situazioni di conflitto e di dolore vengono taciute. E’ di oggi, anzi ieri vista l’ora, la “scoperta” di un popolo negletto, di cui nessuno parla e a cui nemmeno mai avevo dedicato un pensiero. Turkemeni… io li chiamavo ancora Turcomanni e non sapevo quanto sono dispersi e quanta persecuzione subiscono in Iraq. La maledizione di essere originari di una terra ricca di petrolio….
      Grazie ancora, Marta sempre, sempre per la tua dolce vicinanza 🙂

      Liked by 1 persona

  4. 28 novembre 2015 5:40 pm

    Non preoccuparti…succede

    Un abbraccio grande
    Ciao
    .marta

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: